Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

PREMESSA: MUTAZIONI GENICHE

PREMESSA: MUTAZIONI GENICHE

PREMESSA: MUTAZIONI GENICHE

PREMESSA: MUTAZIONI CROMOSOMICHE

PREMESSA: MUTAZIONI CROMOSOMICHE

Traslocazione 9→22 (cromosoma “Philadelphia”):

EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE: BIOMARCATORI

Esposizione Malattia

Suscettibilità genetica

Riparazione Risposta

Metabolismo del DNA immunitaria

Dose Effetti Alterata

Dose biologica Biologici struttura

interna efficace precoci funzione

Metaboliti Danno ossidativo Alterazioni Attivazione

Addotti al DNA citogenetiche oncogeni

Effetto biologico

Esposizione

EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE: BIOMARCATORI

Un “biomarcatore” è rappresentato da una modificazione (di

tipo molecolare, biochimico, genetico, immunologico o

fisiologico) che consente di rilevare un evento in un sistema

biologico che possa influenzare o predire l’insorgenza o

l’evoluzione di una malattia.

Pertanto, l’impostazione di uno studio di epidemiologia

molecolare è del tutto paragonabile a quella di uno studio di

end-point

epidemiologia tradizionale, con la differenza che l’

che viene valutato non è più la malattia conclamata (tassi di

incidenza o prevalenza) o l’esito della malattia stessa (tassi

di mortalità), ma uno o più biomarcatori.

BIOMARCATORI DI ESPOSIZIONE: DOSE INTERNA

Forniscono indicazioni riguardo la quantità di xenobiotico

assorbita dall’organismo in un determinato tempo. Possono

essere costituiti dall’agente esogeno stesso, oppure da un

prodotto del suo metabolismo o, ancora, dall’attività

biologica del composto in studio.

Esempi di biomarcatori di dose interna:

concentrazione eritrocitaria e/o linfocitaria di cromo;

concentrazione urinaria di aflatossina-B1 (indicatore di

esposizione alimentare);

concentrazione urinaria di 1-idrossipirene in soggetti

esposti ad idrocarburi policiclici aromatici;

Salmonella

mutagenicità urinaria ( /microsomi test).

BIOMARCATORI DI ESPOSIZIONE: DOSE INTERNA

Salmonella

/microsomi test (test di Ames):

BIOMARCATORI DI ESPOSIZIONE: DOSE INTERNA

Salmonella

/microsomi test (test di Ames):

mutagenicità urinaria.

Controllo Fumo Fumo + S9-mix

negativo

BIOMARCATORI DI ESPOSIZIONE: DOSE INTERNA

Salmonella

/microsomi test (test di Ames):

vs

mutagenicità urinaria . determinazioni

chimico/analitiche

BIOMARCATORI DI DOSE BIOLOGICA EFFICACE

Forniscono indicazioni riguardo l’entità della interazione

dello xenobiotico assorbito (o dei suoi metaboliti) con

macromolecole coinvolte nel processo della cancerogenesi

(es. DNA) o con molecole surrogate (es. albumina o

l’emoglobina), causando alterazioni reversibili.

Tra i marcatori di dose biologica efficace maggiormente

utilizzati vi sono:

addotti al DNA;

addotti alle proteine;

danno primario al DNA.

BIOMARCATORI DI DOSE BIOLOGICA EFFICACE

È stata osservata una stretta correlazione tra presenza di

addotti al DNA (il termine “addotto” deriva dall’inglese

adduct addiction product

“ ”, acronimo di = prodotto di

addizione covalente) e cancerogenesi.

Molti studi hanno confermato che la formazione di addotti al

DNA è un evento necessario, anche se non sufficiente, per

lo sviluppo di tumori da parte di cancerogeni chimici.

BIOMARCATORI DI DOSE BIOLOGICA EFFICACE

P post-labelling:

32 Esposti

Controlli

BIOMARCATORI DI DOSE BIOLOGICA EFFICACE

Il danno primario al DNA, biomarcatore aspecifico ma

estremamente sensibile, viene valutato utilizzando il test

della cometa in condizioni alcaline (generalmente su linfociti

di sangue periferico).

Le principali lesioni evidenziabili con il test della cometa

sono:

single-strand breaks

;

double-strand breaks

;

siti alcali-labili;

basi ossidate.

BIOMARCATORI DI DOSE BIOLOGICA EFFICACE

Cellula inclusa nel gel di agarosio

Test della cometa: Membrana cellulare

Citoplasma

inclusione delle cellule in Membrana nucleare

Nucleo Strato protettivo di

microgel di agarosio; gel LMA 0,7%

[A] Strato di gel LMA 0,7%

lisi delle membrane con incluse le cellule

cellulari e nucleari; Vetrino da microscopio

pretrattato con NMA 1%

elettroforesi (condizioni

[B]

alcaline). Lisi delle membrane cellulari

e nucleari

colorazione dei vetrini;

[C]

analisi al microscopio a Idrolisi alcalina delle proteine e

dell’RNA;“denaturazione”

del DNA

fluorescenza. [D] Migrazione elettroforetica dei

_ frammenti di DNA nelle maglie

+ del gel

BIOMARCATORI DI DOSE BIOLOGICA EFFICACE

Test della cometa:

campo al microscopio a fluorescenza.

(C

)

(A)

(B) (A)

(A)

(A) cellule con DNA non danneggiato;

(B) cellule con DNA moderatamente danneggiato;

(C) cellule con DNA fortemente danneggiato.

BIOMARCATORI DI DOSE BIOLOGICA EFFICACE

Test della cometa:

valutazione del danno al DNA in una singola cellula

con sistema computerizzato di analisi di immagini:

Measure

Edit

Frozen

Live

Delete

Head Length 21.97 Tail Length 47.60 Head % intensity 81.47

Tail % intensity 18.53 Total Area 639.36 Mean Grey Level 69.98

Tail Moment 3.16 Total Intensity 476477.11

x50 (Olio immersione) Image is frozen

1 cell scored

BIOMARCATORI DI EFFETTO BIOLOGICO PRECOCE

I biomarcatori di effetto biologico precoce sono

rappresentati da alterazioni irreversibili, funzionali o

strutturali, a carico del genoma e vengono distinti in:

biomarcatori citogenetici,

reporter genes

alterazioni in “ ”.

BIOMARCATORI DI EFFETTO BIOLOGICO PRECOCE

I biomarcatori citogenetici possono essere rilevati mediante:

analisi in metafase (aberrazioni cromosomiche numeriche

e strutturali, scambi tra cromatidi fratelli);

analisi in interfase (micronuclei).

BIOMARCATORI DI EFFETTO BIOLOGICO PRECOCE

Aberrazioni cromosomiche (strutturali e/o numeriche) :

risultano dalla rottura di interi cromosomi e dal loro

successivo riarrangiamento in forme abnormi:

Interscambio

Dicentrico Gap ”

Delezione + “

BIOMARCATORI DI EFFETTO BIOLOGICO PRECOCE

Scambi tra cromatidi fratelli:

si formano tipicamente in caso i danni al DNA si

manifestino durante la metafase, in questo caso la cellula

mette in atto dei meccanismi di riparazione durante i

quali porzioni uguali dei due cromatidi opposti del

cromosoma possono scambiare la loro posizione (scambi

simmetrici): Scambi tra cromatidi fratelli (SCE)


PAGINE

49

PESO

3.68 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento al corso di Igiene generale e applicata, tenuto dal Prof. La Rosa nell'anno accademico 2011.
Il documento è dedicato all'epidemiologia molecolare.
In particolare si affrontano: biomarcatori, mutazioni genetiche, mutazioni cromosomiche,statistiche, evoluzioni tecnologiche, ricerca nel settore.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - 6 anni) (PERUGIA, TERNI)
SSD:
Università: Perugia - Unipg
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Igiene Generale e Applicata e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Perugia - Unipg o del prof La Rosa Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Igiene generale e applicata

Promozione della salute
Dispensa
Epidemiologia molecolare - Parte prima
Dispensa
Organizzazione sanitaria
Dispensa
Accesso alle cure
Dispensa