Che materia stai cercando?

Derivazione vettoriale Appunti scolastici Premium

Questo appunto tratta la derivazione vettoriale, come sviluppata nel corso di lezioni di Algebra delle Matrici tenute dal professor Francesco Carlucci. Nello specifico i temi trattati sono: il criterio dei minimi quadrati, teoria dei massimi e minimi, definizione della derivata vettoriale di una funzione S,... Vedi di più

Esame di Algebra delle matrici docente Prof. F. Carlucci

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Modulo IV – Algebra delle matrici

1.9 Derivazione vettoriale

Introduciamo ora alcuni concetti di calcolo matriciale che ci permettono di definire

il criterio dei minimi quadrati con l'uso della teoria dei massimi e minimi.

Iniziamo con la definizione della derivata vettoriale di una funzione degli

S(b)

elementi del vettore , che può essere rappresentata, ad esempio, dalla devianza

b

(II-1.4.5); derivando parzialmente rispetto a ciascuno dei elementi di si

S(b) k b

ottiene il vettore derivata

 

∂ ∂ ∂ ∂

S (

b ) S (

b ) S (

b ) S (

b )

= (1.9.1)

 

...

∂ ∂ ∂ ∂

b b b b

1 2 k

+a +…+a

Esempio 1.14 - Se dove le sono costanti

S(b)=a′b=a b b b a

1 1 2 2 k k

reali, il vettore derivata è ′

∂ ∂

S (

b ) S (

a b ) ′

= = a (1.9.2)

∂ ∂

b b

ma poiché è uno scalare, uguale quindi al suo trasposto , si ha

a′b b′a

anche  

a 1

 

∂ ∂ (1.9.3)

a

S (

b ) S (

b a )  

= = =

2 a

′  

∂ ∂

b b ...

 

 

a k

La scelta tra la (1.9.2) e la (1.9.3) dipende dalla sua utilità nel contesto

della derivazione.

La forma quadratica , dove è una matrice quadrata simmetrica di

S(b)=b′Ab A

ordine e è un vettore di dimensione , è una funzione scalare poiché consiste nel

k b k

prodotto scalare tra il vettore riga ed il vettore colonna (oppure del vettore

b′ Ab

riga ed il vettore colonna ) e quindi si può calcolare su di essa il vettore

b′A b

derivata come fatto nell'esempio precedente, ottenendosi il risultato

∂ ∂ [ ]

S (

b ) b Ab ′ ′

= = = (1.9.4)

2 b a a ... a 2 b A

∂ ∂ 1 2 k

b b

che è un vettore riga se chiamiamo con , , le colonne della matrice .

a i=1,2,…,k A

i

Alternativamente, come nell'esempio 1.14, si può avere 1-27


PAGINE

2

PESO

17.63 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo appunto tratta la derivazione vettoriale, come sviluppata nel corso di lezioni di Algebra delle Matrici tenute dal professor Francesco Carlucci. Nello specifico i temi trattati sono: il criterio dei minimi quadrati, teoria dei massimi e minimi, definizione della derivata vettoriale di una funzione S, matrice quadrata simmetrica di ordine k.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Algebra delle matrici e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Carlucci Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Algebra delle matrici

Autovalori ed autovettori
Dispensa
Matrici
Dispensa
Forme quadratiche
Dispensa
Distribuzione forme quadratiche aleatorie
Dispensa