Che materia stai cercando?

Definizioni di storia negli storici antichi Appunti scolastici Premium

Questo appunto si riferisce al corso di Storia greca tenuto dal professor Umberto Bultrighini. La storia intesa come indagine o ricerca (di fatti e tradizioni), maggiormente affidabile se basata sull'autopsia, cui segue una riflessione critica, nasce con Erodoto e continua con Tucidide.
Erodoto: "Fin qui ho esposto... Vedi di più

Esame di Storia greca docente Prof. U. Bultrighini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

10 Eforo, FGrHist 70 F 110 (Polyb.XII 27, 7)

oJ me;n ga;r ÒEforov" fhsin, eij

dunato;n h\n aujtou;" parei'nai pa'si

toi'" pravgmasi, tauvthn a]n

diafevrein polu; tw'n ejmpeiriw'n:

Eforo infatti dice che se fosse possibile assistere

di persona a tutti gli avvenimenti, questa sarebbe

di gran lunga la forma migliore di conoscenza;

(…)

11 Diodoro, XX 43, 7

tauvth/ dÆ a[n ti" kai; th;n iJstorivan

katamevmyaito, qewrw'n ejpi; me;n tou'

bivou polla;" kai; diafovrou" pravxei"

sunteloumevna" kata; to;n aujto;n kairovn,

toi'" dÆ ajnagravfousin ajnagkai'on

uJpavrcon to; mesolabei'n th;n dihvghsin

kai; toi'" a{ma sunteloumevnoi" merivzein

tou;" crovnou" para; fuvsin, w{ste th;n

me;n ajlhvqeian tw'n pepragmevnwn to;

pavqo" e[cein, th;n dÆ ajnagrafh;n

ejsterhmevnhn th'" oJmoiva" ejxousiva"

11 bis Diodoro, XX 43, 7

A questo punto qualcuno potrebbe anche biasimare la

storia, vedendo che durante la vita si compiono nella

stessa occasione molte e differenti azioni, ma agli

scrittori di storia accade, per necessità, di interrompere

la narrazione e separare nel tempo fatti

contemporanei, il che è contro natura, cosicché la

verità dei fatti narrati ha in sé il pathos, mentre il

racconto scritto, privato di adeguata forza, imita sì gli

avvenimenti, ma resta di molto indietro rispetto alla

verità [al vero svolgimento, alla vera disposizione]

(dei fatti). (trad. A. Simonetti Agostinetti)

12 Duride, FGrHist 76 F 1

Dou'ri" me;n ou\n oJ Savmio" ejn th'/ prwvth/ tw'n

auJtou' ïIstoriw'n ou{tw fhsivn: ‹‹ÒEforo" de; kai;

Qeovpompo" tw'n genomevnwn plei'ston

ajpeleivfqhsan: ou[te ga;r mimhvsew"

metevlabon oujdemia'" ou[te hJdonh'" ejn tw'/

fravsai, aujtou' de; tou' gravfein movnon

ejpemelhvqhsan».

Duride di Samo dice dunque così nel primo libro delle sue

Storie: «Eforo e Teopompo rimasero moltissimo al di sotto

della realtà dei fatti; infatti non fecero ricorso ad alcuna

imitazione né al diletto nell’esporre, ma si curarono soltanto

13 Aristotele, Poetica, 9, 1451a-b

•Fanero;n de; ejk tw'n eijrhmevnwn kai; o{ti ouj to; ta;

genovmena levgein, tou'to poihtou' e[rgon ejstivn, ajllÆ

oi|a a]n gevnoito kai; ta; dunata; kata; to; eijko;" h] to;

ajnagkai'on. oJ ga;r iJstoriko;" kai; oJ poihth;" ouj tw'/ h]

e[mmetra levgein h] a[metra diafevrousin (ei[h ga;r a]n

ta; ïHrodovtou eij" mevtra teqh'nai kai; oujde;n h|tton

a]n ei[h iJstoriva ti" meta; mevtrou h] a[neu mevtrwn):

ajlla; touvtw/ diafevrei, tw'/ to;n me;n ta; genovmena

levgein, to;n de; oi|a a]n gevnoito. dio; kai;

filosofwvteron kai; spoudaiovteron poivhsi" iJstoriva"

ejstivn: hJ me;n ga;r poivhsi" ma'llon ta; kaqovlou, hJ dÆ

iJstoriva ta; kaqÆ e{kaston levgei.

e[stin de; kaqovlou mevn, tw'/ poivw/ ta; poi'a a[tta

sumbaivnei Aristotele, Poetica, 9, 1451a-b

13 bis

Da quel che si è detto risulta manifesto anche questo: che compito del

poeta è di dire non le cose accadute ma quelle che potrebbero accadere

e le possibili secondo verosimiglianza e necessità. Ed infatti lo storico

e il poeta non differiscono per il fatto di dire l’uno in prosa e l’altro in

versi (giacché l’opera di Erodoto, se fosse posta in versi, non per

questo sarebbe meno storia, in versi, di quanto non lo sia senza versi),

ma differiscono in questo, che l’uno dice le cose accadute e l’altro

quelle che potrebbero accadere, E perciò la poesia è cosa più nobile e

più filosofica della storia, perché la poesia tratta piuttosto

dell’universale, mentre la storia del particolare. L’universale poi è

questo: quali specie di cose a quale specie di persona capiti di dire o di

far secondo verosimiglianza o necessità, al che mira la poesia pur

ponendo nomi propri, mentre è particolare che cosa Alcibiade fece o

che cosa patì.

14

tra 1830 e 1840, Leopold von Ranke:

wie es eigentlich gewesen

«com’è stato realmente (propriamente, di

fatto)»

ca. 404 a. C. Tucidide (II 48, 3):

ejgw; de; oi|ovn te ejgivgneto levxw

FFSS

15

• B. Croce, La storia come pensiero e come azione, 1938

• Edward Hallett Carr, What is History?,1961

• Robin George Collingwood, The Idea of History, 1945

• Paul Veyne, Come si scrive la storia,1971 (1974)

• documentum monumentum

16

La mentalità greca nelle prospettive

socio-antropologiche

P

sociale-culturale privato-individuale economico

17

ajrchv

periousiva crhmavtwn

18 La base realistica della mentalità

greca

E

culturale sociale politico

19 hegemonía - autonomía

hegemonía

autonomia autonomia autonomia


PAGINE

27

PESO

643.80 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo appunto si riferisce al corso di Storia greca tenuto dal professor Umberto Bultrighini. La storia intesa come indagine o ricerca (di fatti e tradizioni), maggiormente affidabile se basata sull'autopsia, cui segue una riflessione critica, nasce con Erodoto e continua con Tucidide.
Erodoto: "Fin qui ho esposto ciò che ho visto, le mie riflessioni e le mie ricerche. A partire da qui, esporrò i racconti degli Egiziani, come li ho ascoltati; inoltre aggiungerò anche qualcosa di quello che ho visto". Eforo: "Se fosse possibile assistere di persona a tutti gli avvenimenti, questa sarebbe di gran lunga la forma migliore di conoscenza". Diodoro: "Agli scrittori di storia accade, per necessità, di interrompere la narrazione e separare nel tempo fatti contemporanei, il che è contro natura, cosicché la verità dei fatti narrati ha in sé il pathos, mentre il racconto scritto, privato di adeguata forza, imita sì gli avvenimenti, ma resta di molto indietro rispetto alla verità". Duride: "Eforo e Teopompo rimasero moltissimo al di sotto della realtà dei fatti; infatti non fecero ricorso ad alcuna imitazione né al diletto nell’esporre, ma si curarono soltanto dello scrivere stesso".


DETTAGLI
Esame: Storia greca
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia greca e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Gabriele D'Annunzio - Unich o del prof Bultrighini Umberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia greca

Età arcaica in storia greca
Dispensa
Storia greca arcaica
Dispensa
Città degli schiavi
Dispensa
Epitafio pericleo di Tucidide
Dispensa