Che materia stai cercando?

Decreto "Salva-liste" - C. Cost. Ord. n. 107/10

Questa dispensa si riferisce al ciclo di seminari di Diritto Pubblico, tenuti dal Prof. Paolo Carnevale nell'anno accademico 2010.
Nel documento si riporta il testo dell'ordinanza n. 107 del 2010 della Corte Costituzionale relativa alla vicenda "salva-liste".... Vedi di più

Esame di Istituzioni di Diritto Pubblico docente Prof. P. Carnevale

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Visti l’atto di costituzione del Presidente del Consiglio dei ministri nonché gli atti di intervento

rispettivamente di Caravale Mario ed altri, del Movimento difesa del cittadino (MDC) ed altro e di

Perugia Maria Cristina ed altro;

udito nella camera di consiglio del 18 marzo 2010 il Giudice relatore Ugo De Siervo;

uditi gli avvocati Vincenzo Cerulli Irelli per Caravale Mario ed altri, Gianluigi Pellegrino per il

Movimento difesa del cittadino (MDC) ed altro, Luca Di Raimondo per Perugia Maria Cristina ed

altro, Federico Sorrentino per la Regione Lazio e gli avvocati dello Stato Michele Dipace e Fabrizio

Urbani Neri per il Presidente del Consiglio dei ministri;

Ritenuto che, con ricorso depositato l’11 marzo 2010 (iscritto al r.r. n. 43 del 2010), la Regione

Lazio ha sollevato, in riferimento agli artt. 3, 24, 25, 48, 72, quarto comma, 77, 102, 104, 111 e 122,

primo comma, della Costituzione, questione di legittimità costituzionale degli articoli 1 e 2 del

decreto-legge 5 marzo 2010, n. 29 (Interpretazione autentica di disposizioni del procedimento

elettorale e relativa disciplina di attuazione), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica

italiana n. 54 del 6 marzo 2010;

che la stessa Regione Lazio ha presentato, con il ricorso in epigrafe, istanza cautelare di

sospensione dell’efficacia delle impugnate disposizioni, ai sensi dell’art. 35, primo comma, della

legge 11 marzo 1953, n. 87;

che, al riguardo, la difesa regionale considera «evidente il grave ed irreparabile pregiudizio che

deriverebbe all’interesse pubblico al regolare svolgimento delle elezioni regionali nel caso in cui le

consultazioni del 28-29 marzo 2010 si svolgessero sulla base di norme suscettibili di declaratoria

d’incostituzionalità»;

che la Regione Lazio ritiene di aver interesse a coltivare il ricorso non solo in quanto asseritamente

lesivo della propria competenza a disciplinare, nel dettaglio, la materia delle elezioni regionali ex

art. 122, primo comma, Cost., ma anche in quanto l’impugnato decreto-legge parrebbe

concretamente volto ad interferire con le già indette elezioni del Consiglio regionale e del

Presidente della Giunta regionale;

che con la sentenza n. 196 del 2003, invero, questa Corte avrebbe statuito che «la potestà legislativa

in tema di elezione dei Consigli regionali spetta ormai alle Regioni» e

che, in ossequio al principio di continuità, le disposizioni legislative dello Stato continuano a

trovare applicazione nelle materie di competenza regionale sino a quando non saranno intervenute

le disposizioni dettate dai legislatori regionali;

che, pertanto, resterebbe ferma la preclusione al legislatore statale di intervenire con disposizioni di

dettaglio nelle materie di competenza concorrente;

che le previsioni di dettaglio poste da queste leggi non potrebbero essere modificate, a causa del

sopravvenuto trasferimento della competenza legislativa alle Regioni, e non potrebbero neppure

essere interpretate autenticamente, dal momento che tale tecnica è «un aspetto del potere di

legiferare»;

che la Regione Lazio ha esercitato, con la legge 13 gennaio 2005, n. 2 (Disposizioni in materia di

elezione del Presidente della Regione e del Consiglio e di ineleggibilità e di incompatibilità dei

componenti della Giunta e del Consiglio regionale), la competenza attribuitale dall’art. 122, primo

comma, Cost., a seguito dell’adozione della legge 2 luglio 2004, n. 165 (Disposizioni di attuazione

dell’articolo 122, primo comma, della Costituzione), che ha dettato i princìpi fondamentali in

materia;

che l’art. 1 della citata legge regionale, stabilendo che «per quanto non espressamente previsto,

sono recepite la legge 17 febbraio 1968, n. 108 (Norme per la elezione dei Consigli regionali delle

Regioni a statuto normale) e la legge 23 febbraio 1995, n. 43 (Nuove norme per la elezione dei

consigli delle regioni a statuto ordinario), e successive modificazioni e integrazioni», avrebbe posto

in essere un rinvio recettizio, tale da rendere la disciplina in oggetto immune da successivi

mutamenti normativi in ambito statale;

che, inoltre, secondo la difesa regionale, l’impugnato decreto-legge sarebbe privo della dichiarata

portata interpretativa, essendo al contrario idoneo ad innovare le disposizioni di cui alla legge n.

108 del 1968, con conseguente e ancor più marcata lesione delle attribuzioni regionali vantate in

materia;

che, secondo la Regione, ricorrente l’impugnato decreto-legge violerebbe, altresì, gli artt. 3, 24, 25,

48, 102, 104 e 111 Cost., avendo il legislatore statale posto in essere un esercizio abnorme della

potestà di interpretazione autentica, al solo fine di interferire con giudizi pendenti in vista della

riammissione di liste escluse dalla competizione elettorale, contravvenendo al principio di

ragionevolezza, vulnerando la funzione giurisdizionale e le garanzie del giusto processo, e ledendo

l’eguaglianza del voto;

che, infine, per la ricorrente il denunciato decreto-legge avrebbe violato gli artt. 72, quarto comma,

e 77, secondo comma, Cost., dal momento che, per un verso, in materia elettorale sussisterebbe una

riserva di assemblea tale da legittimare solo l’intervento di leggi formali e che, d’altro canto, a

fronte della vigenza protratta da più di quarant’anni della legge asseritamente interpretata,

difetterebbero i presupposti di straordinaria necessità e urgenza che soli legittimano il ricorso allo

strumento del decreto-legge;

che si è costituito il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall’Avvocatura

generale dello Stato, chiedendo che, «previo rigetto della domanda di sospensiva», il ricorso sia

dichiarato «inammissibile o comunque infondato»;

che l’Avvocatura eccepisce, anzitutto, la carenza di legittimazione della Giunta regionale a proporre

il ricorso, atteso che, ai sensi dell’art. 45 della legge della Regione Lazio 11 novembre 2004, n. 1

(Nuovo statuto della Regione Lazio), la «Giunta dimissionaria ai sensi dell’art. 19, comma 4,

dell’articolo 43, comma 2, dell’art. 44, comma 1, resta in carica, presieduta dal Presidente della

Regione ovvero dal Vicepresidente nei casi di rimozione, decadenza, impedimento permanente e

morte del Presidente, limitatamente all’ordinaria amministrazione, fino alla proclamazione del

Presidente della Regione neoeletto»;

che, prosegue l’Avvocatura, «a seguito delle dimissioni del Presidente della Regione, gli organi

regionali sono entrati in prorogatio»;

che, per tale motivo, la Giunta dovrebbe limitarsi all’adozione di atti dovuti, ovvero imposti da

circostanze straordinarie e urgenti, ma non potrebbe decidere di impugnare innanzi a questa Corte

una legge ritenuta invasiva della propria competenza ai sensi dell’art. 127 Cost.;

che, nel merito, l’Avvocatura osserva che l’art. 122 Cost. attribuisce alle Regioni a statuto ordinario

potestà legislativa concorrente «in materia elettorale», ma non «per tutta la materia elettorale»;

che, in particolare, ferma la potestà legislativa regionale sul «sistema di elezione», non avrebbe

attinenza a tale competenza della Regione la disciplina del «procedimento elettorale»; che

quest’ultima riguarderebbe, invece, «l’esercizio di funzioni amministrative statali chiaramente

riconducibili all’ordinamento civile (modalità di sottoscrizione delle candidature, autenticazione

delle firme) ed altre che riguardano i rimedi amministrativi e giurisdizionali delle decisioni di

esclusione ed ammissioni di candidati e liste», con riferimento anche alla competenza legislativa

esclusiva dello Stato prevista dall’art. 117, secondo comma, lettera l), su giurisdizione e norme

processuali;

che le funzioni previste dagli artt. 8, 9 e 10 della legge n. 108 del 1968 sono assegnate ad «uffici

composti da magistrati», considerati «organi straordinari del Ministero dell’interno al quale viene

imputata la responsabilità per l’attività svolta, anche con funzione di indipendenza»;

che da ciò si dovrebbe dedurre il difetto di competenza di norme delle Regioni in materia;

che la disciplina del procedimento elettorale posta in essere dalla legislazione nazionale sarebbe

«correlata» anche alla competenza legislativa esclusiva dello Stato prevista dall’art. 117, secondo

comma, lettera m), Cost., ed avrebbe inoltre valore di principio fondamentale ai sensi dell’art. 122

Cost.;

che, sempre a parere dell’Avvocatura, non vi sarebbero dubbi sul carattere interpretativo delle

disposizioni impugnate, e sulla conseguente «efficacia retroattiva» delle stesse;

che, in particolare, il decreto-legge oggetto di ricorso avrebbe inteso superare dubbi maturati anche

in giurisprudenza sulle modalità di presentazione delle liste elettorali, con disposizioni destinate a

valere non solo con riguardo alle attuali elezioni regionali, ma anche per le successive competizioni

elettorali;

che, inoltre, l’Avvocatura rileva l’inammissibilità delle censure fondate sugli artt. 3, 24, 25, 48, 72,

77, 102, 104 e 111 Cost., in quanto estranee al riparto delle competenze normative tra Stato e

Regioni;

che, con specifico riguardo all’istanza di sospensione, l’Avvocatura ne deduce l’inammissibilità,

poiché le ragioni che, ai sensi dell’art. 35 della legge 11 marzo 1953, n. 87, consentono di

sospendere l’efficacia dell’atto avente forza di legge non concernono le competenze regionali,

sicché, «in via di principio, una legge dello Stato potrebbe essere anche tacciata di incostituzionalità

perché invasiva di competenze legislative regionali, ma non può arrecare un pregiudizio irreparabile

a tale interesse pubblico generale o all’ordinamento giuridico della Repubblica o un pregiudizio

grave per i diritti del cittadino»;

che, nel caso di specie, la Regione ricorrente non avrebbe neppure motivato in ordine alla

sussistenza di un pericolo di danno irreparabile;

che, inoltre, la Regione non avrebbe alcun «interesse qualificato» ad intromettersi nel procedimento

di presentazione delle liste elettorali;


PAGINE

7

PESO

38.54 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa si riferisce al ciclo di seminari di Diritto Pubblico, tenuti dal Prof. Paolo Carnevale nell'anno accademico 2010.
Nel documento si riporta il testo dell'ordinanza n. 107 del 2010 della Corte Costituzionale relativa alla vicenda "salva-liste". L'efficacia del d-l. 29/10 non è sospesa durante il giudizio di legittimità costituzionale in quanto la lamentata situazione di incertezza politica causata dal governo dimissionario regionale perdurerebbe in ogni caso.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di Diritto Pubblico e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Carnevale Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di diritto pubblico

Istituzioni di diritto pubblico - Appunti
Appunto
Riassunto Diritto Pubblico Modugno
Appunto
Immunità - Illegittimità costituzionale
Dispensa
Caso Englaro - Comunicato Carbone
Dispensa