Che materia stai cercando?

Costruzione Giornalistica dell’Insicurezza Appunti scolastici Premium

Questa dispensa fa riferimento al corso di Etnologia tenuto dal Prof. Leschiutta. Di seguito gli argomenti affrontati:
1. Il giornalismo e la rappresentazione della realtà, il ruolo della ricerca scientifica sui media. L’insicurezza nella società globale.
2. La Carta di Roma (principali innovazioni rispetto... Vedi di più

Esame di ETNOLOGIA docente Prof. P. Leschiutta

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Alcuni dati recenti

Notizie di Cronaca nera, cronaca giudiziaria e criminalità organizzata (% sul tot. Servizi)

Cronaca nera prima notizia Anno 2003 2004 2005 2006 2007 Diff '06- 2008

'07

Tg1 36 Tg1 11,1 13,7 12,4 19,4 22,9 3,6 18,4

Tg2 62 Tg2 9,7 12,4 10,9 21,0 25,4 4,4 21,6

Tg3 32 Tg3 11,5 12,9 11,2 16,9 18,6 1,7 13,7

Tg4 70 Tg4 10,2 11,1 9,3 14,1 20,9 6,8 12,3

Tg5 10,8 12,7 12,5 21,4 25,7 4,3 24,2

Tg5 64 Studio 12,6 13,7 10,2 21,3 30,2 8,8 26,8

Studio Aperto 197 Aperto

Tg La7 44 Tg La7 6,9 9,8 8,4 17,7 22,0 4,3 17,8

Media 10,4 12,3 10,7 18,8 23,7 4,8 19,3

Anno 2003 2004 2005 2006 2007 Diff 2008

'06-'07

RAI 10,7 13,0 11,5 19,1 22,3 3,2 17,9

MEDIASET 11,2 12,5 10,7 18,9 25,6 6,6 21,1

Fonte: Centro d’Ascolto dell’Informazione LA7 6,9 9,8 8,4 17,7 22,0 4,3 17,8

Radiotelevisiva 09/05/2010 Pagina 22

La bolla comunicativa della cronaca nei TG

•Nella stagione 2007-2008 la cronaca è il genere maggiormente trattato dai

notiziari nazionali con il 28,60% (Fonte Auditel).

•Il Tg2 registra il primato del 30,2% nell’edizione meridiana mentre Studio Aperto

riporta la percentuale più alta in quella serale con il 33,9% (Fonte Auditel).

35,0

30,0

25,0

20,0

15,0

10,0

5,0

0,0 Studio

Tg1 Tg2 Tg3 Tg4 Tg5 Tg La7 Media

Aperto

19,4 21,0 16,9 14,1 21,4 21,3 17,7 18,8

2006 22,9 25,4 18,6 20,9 25,7 30,2 22,0 23,7

2007 18,4 21,6 13,7 12,3 24,2 26,8 17,8 19,3

2008 Fonte: Centro d’Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva, Maggio 2008

09/05/2010 Pagina 23

Crimini, notizie e percezione

09/05/2010 Pagina 24

La ricerca

Campione e periodi di rilevazione

• La stampa quotidiana: 5 testate nazionali + 1 free press *

• Repubblica, Corriere della Sera;

• Il Giornale, Avvenire, L’Unità;

• Metro

• Telegiornali: 7 testate nazionali

• Rai, Mediaset, La7

• Edizione serale di “prime time”

• Periodo: 1 settimana al mese per 6 mesi

• da gennaio a giugno 2008

• Terza settimana di ogni mese (edizioni dal lunedì alla domenica)

* erano inizialmente previsti anche Libero, Leggo e City, al

momento esclusi per i numerosi problemi di

reperimento.

09/05/2010 Pagina 25

Cronaca: quali fatti?

Più risalto ai crimini, meno al processo

Fatto con migranti

protagonisti

Atto criminoso o reato Fatto di cronaca

Fatto con migranti

protagonisti

Iter giudiziario, operazione forze

dell’ordine Fatto di cronaca

Fatto con migranti

Calamità, incidenti, morti, malori, protagonisti

suicidi, Arrivi, sbarchi, respingimenti Fatto di cronaca

Politica, dibattito pubblico, governo e

norme Fatto con migranti

protagonisti

Descrizione, racconto, inchiesta o Telegiornali

storia (non c’è un vero evento)

Altri fatti

0,0% 10,0% 20,0% 30,0% 40,0% 50,0% 60,0% 70,0%

A. Cerase, M. Bruno: La costruzione 09/05/2010 Pagina 26

mediale della sicurezza

Cronaca nera: quali reati?

Più lesioni, violenza sessuale e sequestri

Migranti

Omicidio Italiani

Migranti

Violazioni codice della strada Italiani

Migranti

Lesioni dolose Italiani

Migranti

Associazione per delinquere Italiani

Migranti

Furto + rapina + borseggio + scippo Italiani

Violenza sessuale (compresa su Migranti

Italiani

minori) Migranti

Corruzione e concussione Italiani

Oltraggio a un pubblico ufficiale Italiani

Migranti

Minaccia Italiani

Migranti

Sequestro Italiani Telegiornali

Migranti

Contraffazione Italiani

Sfruttamento e favoreggiamento della Migranti

Italiani

prostituzione Migranti

Tratta di esseri umani

0,0% 10,0% 20,0% 30,0% 40,0% 50,0%

09/05/2010 Pagina 27

Connessioni e spiegazioni

Quando la cronaca diventa un resoconto “dal fronte”

09/05/2010 Pagina 28

Connessioni e spiegazioni

Basta la nazionalità

Non italiani

Ad una tendenza su fatti di cronaca

simili ("ennesimo episodio"...) Italiani

Non italiani

Una tendenza su fatti di cronaca nella

stessa zona Italiani

Non italiani

All'appartenenza ad un gruppo etnico

/paese Italiani

All'appartenenza ad uno status Non italiani

giuridico (regolare/irregolare, recidiva, Italiani

indulto, mancata espulsione…) Non italiani Telegiornali. Totale: 235

All'immigrazione in generale Italiani servizi.

0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00%

09/05/2010 Pagina 29

La ricerca

Criteri di selezione e tipi di notizie

• Tema sicurezza

– l’articolo è concentrato sulle politiche o il dibattito politico

sulla sicurezza, ricostruisce o fa un inchiesta sulla

criminalità

• Tema Immigrazione

– l’articolo presenta l’immigrazione o le minoranze come

tema o è direttamente collegato ad un articolo su questi

temi (anche se parla d’altro)

• Cronaca

– sono illustrati uno o più specifici fatti di cronaca, si

presenta la fase giudiziaria o investigativa di un fatto di

cronaca precedente

• Migranti protagonisti

– un/a o più persone protagoniste sono migrante, richiedente

asilo, rifugiato/a, vittima di tratta, appartenente a minoranze

(escluse minoranze religiose)

L’articolo o servizio deve soddisfare almeno uno di questi quattro requisiti 09/05/2010 Pagina 30

Solo paure: non c’è immigrazione senza sicurezza

. Totale servizi Tg nel

Questi 26 servizi sono i soli periodo:

che trattano tutte le altre 5684

possibili dimensioni in cui

sarebbe possibile affrontare il

tema (economia, integrazione,

accoglienza, confronto

culturale etc.), al di fuori della

questione sicurezza. Servizi immigrazione:

276

26 servizi:

il 9,4% dei 276 servizi relativi

all’immigrazione Servizi solo tema

il 2,1% dei 1084 servizi analizzati immigrazione: 26

Lo 0,5% dei 5684 servizi andati in onda nel

periodo rilevato 09/05/2010 Pagina 31

Il nesso immigrazione – sicurezza nella cronaca

In sintesi

• I temi immigrazione e sicurezza si rimandano l’uno con l’altro

• Domina il legame: politiche di sicurezza - immigrazione

– Il dibattito è concentrato su soluzioni normative e giudiziarie

– Il dibattito politico rimane ancorato sulla scia dei fatti di cronaca

• Spesso non viene data parola a comunità straniere e gli esperti

09/05/2010 Pagina 32

Il “ghetto” della CRONACA

• Associazione dell’immagine degli immigrati con i temi della criminalità

e della marginalità. Dato che può apparire “vecchio” ma che da un

punto di vista quantitativo resta purtroppo incontrastato. Soprattutto

se, come nella nostra ricerca, si prendono in considerazione le pagine

locali. (effetto rumore di fondo).

• Ad esempio, nell’analisi lessicale il primo lemma significativo è

<carabinieri>.

• Attraverso quali dinamiche?

• Ad esempio l’etichettamento:

• a) l’utilizzo della nazionalità come unico e primo elemento denotativo

prima ancora che connotativo (il rumeno, sostantivo)

• b) tendenza, attraverso le etichette, a dividere il campo degli immigrati

in buoni e cattivi a partire da una sola caratteristica, lo status di

regolarità rispetto al permesso di soggiorno (problema forse più

ampio legato alla situazione giuridica non solo italiana ma europea;

es. legame con contratto di lavoro)

09/05/2010 Pagina 33

Etichetta “clandestino”

• Clandestinità – Arrivo

“necessaria” irregolarità (esempio recente “quote”)

• La clandestinità tipicamente congiunge un reato all’immigrazione,

l’arrivo di nuovi migranti necessariamente alla condizione di violare

una norma o di non essere in regola con una regolamentazione.

• In questo caso è la legge a congiungere automaticamente la figura

dell’immigrato al tema immigrazione e al crimine[1].

• Es. attività di repressione dell’immigrazione irregolare compiuta delle

forze dell’ordine, una funzione che si traduce in articoli di cronaca in

cui confluiscono gli immigrati fermati perché privi del permesso di

soggiorno e quelli che sono protagonisti o vittima di violenze o reati

contro il patrimonio. Un contenitore in cui l’immigrazione è criminalità

• [1] «Una definizione normativa (è considerato straniero chi non è cittadino di uno Stato membro della Comunità

Europea) dà luogo a una classificazione che comporta uno status giuridico di pericolosità sociale che le diverse

norme dovranno specificare nella figura soggettiva dell’indesiderabile, del segnalato ai fini della non ammissione. Il

migrante non commette reati: il migrante diventa un reato». A. De Giorgi, Zero tolleranza, DeriveApprodi, Roma 2000,

p. 60. 09/05/2010 Pagina 34

CRONACA ed etichettamento

Catene di riduzione della complessità

Crimine – nazionalità – immigrato – immigrazione

Crimine – clandestinità – immigrato – immigrazione

Meccanismi di estensione dello stigma 09/05/2010 Pagina 35

La somma di queste due etichette – nazionalità e

immigrazione – costituisce la piena congiunzione tra

i due universi simbolici, non è quindi in discussione

la “gradevolezza” o la intrinseca natura ingiuriosa

dei termini – che siano «extracomunitario» o

«clandestino» – a rappresentare un processo

discriminatorio, ma il modo in cui queste etichette

combinano diversi livelli di descrizione e

spiegazione.

Da una parte trasformano i singoli stranieri, e i

singoli reati compiuti dagli stranieri, in epifenomeni

dell’immigrazione in quanto tale. Dall’altra offrono

una specifica visione del “tema immigrazione”

09/05/2010 Pagina 36

Nazionalità e “regolarità” come

unica informazione disponibile

Essenziale il ruolo delle fonti

Fonte: Il Giornale, 16/1/03, p. 41.

Un immigrato peruviano di 26 anni è

morto.

L’uomo era stato fermato alcuni

mesi fa dagli agenti del

commissariato di Anzio per

accertamenti ma non aveva

precedenti penali e aveva chiesto di

regolarizzare la sua posizione

attraverso la sanatoria della legge

Bossi Fini. 09/05/2010 Pagina 37

• La possibilità di disporre di queste informazioni, insieme all’assenza

di altri elementi, trasforma la nazionalità o lo status giuridico in

notizia. In molti casi questa coincidenza accentua semplicemente il

numero di notizie che siamo stati “costretti” a rilevare, ma, nello

stesso tempo, enfatizza la “presenza straniera” nelle pagine dei

quotidiani. Tale presenza, se non collegata a “semplici” accidenti,

spesso li accomuna a reati, problemi e dispute in cui spesso i

migranti si trovano nella semplice posizione di testimoni o di vittime.

In questo caso allora l’associazione è quella che collega lo status

dell’immigrato al disagio o alla violenza cittadina.

• Frequente è poi l’indicazione della nazionalità nelle notizie legate ad

incidenti stradali, in cui quindi la condizione di “immigrato” o peggio

di “clandestino”, viene associata ad un dato di pericolosità urbana

quanto mai concreta 09/05/2010 Pagina 38

Fino al “doppiopesismo” …

Repubblica.it

Gennaio 2008

Tre persone, padre, madre e la loro figlia di 10 anni sono morte in

un incidente stradale accaduto a Grumello del Monte (Bergamo).

La loro auto, una Fiat Punto, stata investita da un suv Grande

è

Cherokee guidato da un conducente ubriaco. A bordo della Fiat

Punto c'era anche l'altra figlia della coppia, di 11 anni, che è

ricoverata in ospedale in gravi condizioni.

Repubblica.it

Aprile 2007

stata una strage. Un giovane Rom alla guida di un furgone ha

È

falciato la notte scorsa cinque ragazzi: quattro sono morti, uno è

gravissimo in ospedale. La tragedia avvenuta ad Appignano del

è

Tronto in provincia di Ascoli Piceno. L'investitore, Marco

Ahmetovic, 22 anni domani, originario di Caserta, era

completamente ubriaco ed stato arrestato.

è Esempio segnalato in: Wu Ming: Giap #19, VIIIa serie

09/05/2010 Pagina 39

Fino al “doppiopesismo” …

Repubblica.it

Gennaio 2008

Tre persone, padre, madre e la loro figlia di 10 anni sono morte in

un incidente stradale accaduto a Grumello del Monte (Bergamo).

La loro auto, una Fiat Punto, stata investita da un suv Grande

è

Cherokee guidato da un conducente ubriaco. A bordo della Fiat

Punto c'era anche l'altra figlia della coppia, di 11 anni, che è

ricoverata in ospedale in gravi condizioni.

Repubblica.it

Aprile 2007

stata una strage. Un giovane Rom alla guida di un furgone ha

È

falciato la notte scorsa cinque ragazzi: quattro sono morti, uno è

gravissimo in ospedale. La tragedia avvenuta ad Appignano del

è

Tronto in provincia di Ascoli Piceno. L'investitore, Marco

Ahmetovic, 22 anni domani, originario di Caserta, era

completamente ubriaco ed stato arrestato.

è

09/05/2010 Pagina 40

Nazionalità e

“regolarità” come unica

informazione

disponibile: gli effetti

sulla “cronaca”

Fonte:

Il Messaggero, 20/1/03, p. 37 «Roma Città».

Il Giorno, 20/1/03. 9 09/05/2010

maggio 2010 Pagina 41

Nazionalità e “regolarità” come unica informazione

disponibile: gli effetti sui titoli

Fonte: Il Corriere della Sera, p. 52, Il Messaggero, p. 37, 20/2/03.

I militari, appostati per giorni, hanno

fotografato targhe e identificato due

uomini della Nuova Guinea

Si indaga su riti magici e immigrati

09/05/2010 Pagina 42

Uso delle etichette, “ossessione” per la nazionalità

Funzione di riassorbimento del nuovo e della devianza

Indiscutibile il ruolo svolto dai media nel rappresentare il binomio

normale/anormale, in particolare costruendo espliciti

«etichettamenti» (labelling) delle devianze secondo una

“rappresentazione consensuale del mondo, dove le violazioni

vengono considerate atipiche (e formano il piano implicito delle

notizie) e messe in contrasto con la maggioranza ipertipica della

popolazione (che forma lo sfondo implicito o meno cospicuo delle

notizie)”. [1]

Lo stereotipo incapsula la devianza in una struttura stabile e riconoscibile:

«l’atipico tipico».

[1] J. Young, Oltre il paradigma consensuale: una critica del funzionalismo di sinistra nella teoria delle comunicazioni di massa, in R.

Grandi, M. Pavarini, M. Simondi, pp. 144 e 141. Tra i principali esponenti delle teorie del «paradigma consensuale» sviluppate in Gran

Bretagna negli anni Settanta, si vedano anche i lavori del Glasgow Media Group e di Graham Murdock e Stanley Cohen. Cfr. S. Cohen,

Folk Devils and Moral Panics, MacGibbon and Kee, London 1972; S. Cohen, J. Young (a cura di), The manufacture of the news. Social

problems, Deviance and the Mass Media, Constable, London 1973. 09/05/2010 Pagina 43

Lo stereotipo nei media e l’atipico tipico

“Ossessione” per le etichette - Funzione di riassorbimento del nuovo e della devianza

La ricorrenza di questa continua associazione della nazionalità agli incidenti

ed ai reati assume il carattere di un’autentica ossessione, un sottofondo

evidenziato anche semplicemente elencando una serie di titoli pubblicati di

volta in volta su tutte le testate esaminate:

Forzava distributori, rumeno in manette (Repubblica, 22/12/2002); Rumeno

truccava distributori di sigarette (Il Tempo, 22/12/2002); Marocchini quattordicenni

scippano pensionato e rischiano il linciaggio (Il Giornale, 23/12/2002); Arrestati tre

albanesi (Repubblica, 14/01/2003); Tunisino minaccia romano (Il Giornale,

17/01/2003); Senegalese arrestato (Il Messaggero, 19/01/2003); Rumeno dietro le

sbarre per una rapina a Rimini. (Il Tempo, 19/01/2003); Preso ladro rumeno in un

supermarket (Repubblica, 13/01/2003); Manette a un immigrato. Cameriere

clonava nel ristorante le “card” dei clienti (Il Messaggero, 20/01/2003); Denunciato

cinese alloggiava clandestini (Repubblica, 22/01/2003); Sgominata una banda di

Rumeni che clonava carte di credito (Corriere della Sera, 23/01/2003); Arrestati

quattro immigrati romeni (Il Messaggero, 23/01/2003); Rumeno tenta di rubare ai

Musei Capitolini (Il Tempo, 23/01/2003); Un serbo a Milano uccide l'ex amante (La

Stampa, 13/02/2003). 09/05/2010 Pagina 44

Lo stereotipo nei media e l’atipico tipico

“Ossessione” per le etichette - Funzione di riassorbimento del nuovo e della devianza

In un saggio dedicato al comportamento della stampa verso i movimenti

sociali degli anni Settanta – saggio contenuto in una delle storiche raccolte

di Castronovo e Tranfaglia, 1976 – ritroviamo una rappresentazione del

“deviante” inequivocabilmente legata alla figura del «capellone»:

09/05/2010 Pagina 45

Lo stereotipo nei media e l’atipico tipico

“Ossessione” per le etichette - Funzione di riassorbimento del nuovo e della devianza

In un saggio dedicato al comportamento della stampa verso i movimenti

sociali degli anni Settanta – saggio contenuto in una delle storiche raccolte

di Castronovo e Tranfaglia, 1976 – ritroviamo una rappresentazione del

“deviante” inequivocabilmente legata alla figura del «capellone»:

“«Il Tempo»: Indagini su due capelloni per l’omicidio di una settantenne (21

giugno [1971]); Scippata e malmenata da tre capelloni (7 luglio); ‘Capellone’

ferisce e rapina una signora (18 luglio) […]. Nel «Corriere della Sera», la

presenza tematica del capellone è meno assillante e tenebrosa. Gli esempi

tuttavia non difettano […]: Capellone in moto aggredisce i carabinieri (6

agosto); Sempre di scena capelloni e sbandati nella città spopolata (14

agosto); Bloccati dalla polizia tre capelloni ladri”

Basta sostituire il termine “capellone” con “albanese” o “rumeno”…

Cfr. M. Isnenghi, “Forme e ideologia della informazione quotidiana. 1960-1975”, in V. Castronovo, N.

Tranfaglia (a cura di), La stampa italiana del neocapitalismo, Laterza, Roma-Bari 1976, p. 85

09/05/2010 Pagina 46


PAGINE

57

PESO

2.30 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa fa riferimento al corso di Etnologia tenuto dal Prof. Leschiutta. Di seguito gli argomenti affrontati:
1. Il giornalismo e la rappresentazione della realtà, il ruolo della ricerca scientifica sui media. L’insicurezza nella società globale.
2. La Carta di Roma (principali innovazioni rispetto alle precedenti carte deontologiche)
3. Ricerche su media, cronaca e sicurezza
4. Alcuni casi di studio, tra routine produttive ed effetti distorsivi
5. Le principali criticità nel processo di produzione della notizia
6. Il punto di vista dei professionisti dell'informazione


DETTAGLI
Esame: ETNOLOGIA
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecnologie della comunicazione (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di ETNOLOGIA e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Leschiutta Pierpaolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Etnologia

Ecologia della Paura
Dispensa
Etnologia - Paura nelle Città
Dispensa
Fenomenologia - Paura e Sicurezza
Dispensa
Percezione dell'Insicurezza - Indagine
Dispensa