Che materia stai cercando?

Continenza - n. 3028/2010 Tribunale di Terni

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Processuale Civile I, tenute dal Prof. Giorgio Costantino nell'anno accademico 2011.
Il documento riporta la comunicazione n. 3028, emessa dal Tribunale di Terni nel 2010 in cui si dichiara la... Vedi di più

Esame di Diritto Processuale Civile I docente Prof. G. Costantino

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

R.G.A.C. n. 3028/2010

I G

L IUDICE

Letti gli atti ed i documenti di causa, a scioglimento della riserva assunta

all’udienza dell’11.1.2011 OSSERVATO

che con ricorso ex art. 633 c.p.c. depositato l’8.6.2010 la EDILIZIA

UMBRA S.r.l. ha chiesto che venisse ingiunto alla CFC COSTRUZIONI S.r.l.

il pagamento di € 15.360,00 (I.V.A. inclusa), oltre interessi (e rivalutazione) e

spese del procedimento, quale corrispettivo per il noleggio di una gru a torre

di marca “Simma”, modello GT 185-B2, pattuito in € 1.600,00 (oltre I.V.A.) al

mese come da contratto sottoscritto dalle parti il 28.2.2006, scaduto in data

4.5.2008 e prorogato “per volontà della CFC”;

che questo Tribunale, in composizione monocratica, ha emesso in data 1

18.6.2010 il decreto ingiuntivo n. 526/2010 avverso cui ha proposto opposi-

zione la Società ingiunta con atto di citazione notificato il 26.10.2010 (provve-

dendo alla tempestiva costituzione in giudizio ex artt. 165 e 645, ult. co., c.p.c.

in data 28.10.2010), con cui: ha dedotto l’inadempimento della EDILIZIA

UMBRA S.r.l. alle obbligazione assunte dalla stessa con la stipula del contratto

di noleggio pacificamente intercorrente tra le parti, in particolare quanto

all’obbligazione del locatore di effettuare la manutenzione straordinaria e per

avere consegnato un bene inidoneo all’uso cui era destinato; ha quindi svolto

eccezione di inadempimento ex art. 1460 c.c., deducendo di avere già proposto

azione per il risarcimento dei danni innanzi al Tribunale di Napoli e che la

causa è stata iscritta al n. 5515/2010 del Ruolo Generale degli Affari Civili di

quell’Ufficio; ha contestato l’avvenuta risoluzione del contratto a seguito

dell’invio della lettera del 27.10.2010 da parte della Società opposta ovvero

1 prof. Giorgio Costantino

D I (A – L)

IRITTO PROCESSUALE CIVILE

Materiali didattici

l’esigibilità dei canoni successivi al mese di febbraio 2010, per cui pure è stata

emessa l’ingiunzione opposta; ed ha concluso, pertanto, (anche) per la dichia-

razione di continenza della presente causa rispetto a quella sopra indicata pen-

dente innanzi al Tribunale di Napoli;

che, ai sensi dell’art. 39, co. 2, c.p.c., si deve ritenere sussistente

un’ipotesi di continenza tra la domanda proposta in via monitoria dal locatore

per conseguire la condanna del conduttore al pagamento del canone e quella

proposta in via ordinaria davanti ad un diverso giudice avente ad oggetto la

domanda di quest’ultimo di risarcimento dei danni, scaturendo le opposte

domande dal medesimo rapporto contrattuale; e la competenza a decidere su

entrambe le cause va accertata secondo il criterio della prevenzione (cfr., sep-

pure con riferimento al contratto di compravendita, Cass. 15.10.2010, n.

21333; Cass. 19.4.2001, n. 5837);

che l’atto di citazione introduttivo del giudizio innanzi al Tribunale di

Napoli è stato notificato in data 16.2.2010 (secondo quanto allegato, ma non

documentato da parte opponente) ed iscritto al Ruolo Generale degli Affari

Civili di quell’Ufficio in data 22.2.2010, attualmente ancora pendente (v. certi- 2

ficazione di Cancelleria prodotta all’udienza del 11.1.2010);

che il ricorso ex art. 633 c.p.c. è stato deposito dalla EDILIZIA UMBRA

S.r.l. presso la Cancelleria di questo Tribunale in data 8.6.2010;

che, dunque, in base al criterio della prevenzione la competenza a deci-

dere anche della presente causa avente ad oggetto la domanda di condanna

proposta in sede monitoria con il ricorso suddetto è del Tribunale di Napoli

preventivamente adito da parte del conduttore con la domanda risarcitoria per

inadempimento del locatore;

che l’art. 39, co. 2, c.p.c., nel testo introdotto dall’art. 45, co. 3, legge

18.6.2009, n. 69 ed applicabile al presente giudizio – introdotto successiva-

mente al 4.7.2009 – ratione temporis (art. 58, co. 1, della legge citata), la forma

dell’ordinanza per la dichiarazione di continenza;

2 prof. Giorgio Costantino

D I (A – L)

IRITTO PROCESSUALE CIVILE

Materiali didattici


PAGINE

5

PESO

377.78 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Processuale Civile I, tenute dal Prof. Giorgio Costantino nell'anno accademico 2011.
Il documento riporta la comunicazione n. 3028, emessa dal Tribunale di Terni nel 2010 in cui si dichiara la continenza tra due cause proposte allo stesso Tribunale e dichiara inoltre l'illegittimità di un precedentedecreto ingiuntivo.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Processuale Civile I e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Costantino Giorgio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto processuale civile i

Introduzione causa - Schemi
Dispensa
Modelli verbali udienza
Dispensa
Trattazione causa- Schema
Dispensa
Procedimenti di cognizione
Dispensa