Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Introduzione

Quelle che interessano la progettazione del

controllo energetico e del benessere

termoigrometrico dell’ambiente costruito sono

quelle del clima locale e del microclima.

Il progettista deve definire attraverso l’analisi dei dati

„ climatici disponibili le caratteristiche microclimatiche

del sito:

– per conoscere sia i fattori climatici che realmente

sollecitano l’organismo edilizio da progettare

– sia per comprendere i fenomeni che determinano un

in modo tale da individuare strumenti correttivi

microclima,

d’intervento. 4

01/06/11

Il microclima e l’analisi del sito è

L’analisi dei dati climatici riconducibile a

„ due momenti che tendono a stabilire le

specificità del sito:

– si effettua un’indagine che copre l’intero anno

finalizzata a definire i periodi sottoriscaldati,

quelli surriscaldati e quelli che presentano

situazioni di benessere;

– si individuano eventuali differenze

microclimatiche tra il sito in esame e la località

sede della stazione di rilevamento-dati. 5

01/06/11

Il microclima e l’analisi del sito

Occorre, valutare l’influenza :

dell’orografia e topografia del luogo;

dell’eventuale presenza di corpi d’acqua, di

boschi e parchi;

della copertura del suolo;

nonché delle modifiche apportate all’ambiente

dall’inurbamento, qualora il progetto si collochi in

un contesto ad alta densità insediativa. 6

01/06/11

Il microclima e l’analisi del sito

All’analisi delle condizioni climatiche di base,

„ segue, un’analisi ragionata di tutte le variabili

climatiche, a cui deve seguire la scelta dei dati

climatici specifici per la località sede

dell’intervento.

„ Per il periodo invernale si considerano, relativamente al

mese più freddo:

– Temperatura giornaliera

– Umidità relativa media

– Radiazione solare media giornaliera

– Soleggiamento medio

– Direzione prevalente del vento e la sua velocità media. 7

01/06/11

Il microclima e l’analisi del sito

Analogamente si procederà per definire le

„ caratteristiche climatiche del periodo estivo, facendo

riferimento al mese più caldo.

– per l’estate è necessario stabilire la temperatura media

radiante attraverso un’analisi dell’intensità della radiazione

solare e della geometria dell’area considerata (presenza di

ostacoli, pareti verticali), unita ad una valutazione delle

caratteristiche dei materiali.

Oltre ai dati specifici che definiscono il benessere

„ termoigrometrico della progettazione di spazi aperti,

occorrerà anche analizzare le precipitazioni per tutto il

periodo inverno-autunno e primavera-estate. 8

01/06/11

CLIMATOLOGIA

„ Si può definire clima, la media delle condizioni meteorologiche di

una località, di una regione o di un intero continente, effettuata per

un periodo di tempo sufficiente ad evidenziare condizioni di

tendenza stabili delle variabili atmosferiche.

„ Il territorio nazionale è suddiviso, in funzione dei gradi giorno, in

sei zone climatiche:

– Zona A comuni che presentano meno di 600 gradi- giorno

– Zona B comuni che presentano 600-900 gradi-giorno

– Zona C comuni che presentano 900-1400 gradi-giorno

– Zona D comuni che presentano 1400-2100 gradi-giorno

– Zona E comuni che presentano 2100-3000 gradi-giorno

– Zona F comuni che presentano più di 3000 gradi-giorno 9

01/06/11

CLIMATOLOGIA

„ Per il calcolo dei gradi giorno in Italia si assume una temperatura

interna di riferimento di 19°C per tener conto degli apporti gratuiti

di calore all’edificio.

„ La temperatura esterna media giornaliera è determinata per ogni

giorno con la media dei seguenti quattro valori di temperatura:

temperatura massima giornaliera; temperatura minima

giornaliera; temperatura alle ore 8 e alle 19.

„ La sommatoria delle differenze tra temperatura interna di

riferimento e temperatura esterna giornaliera è estesa ad un

periodo pari alla durata convenzionale del periodo di

riscaldamento.

„ In Italia tale periodo corrisponde ai giorni in cui la temperatura

media esterna risulta inferiore ai 12°C.

„ Il valore dei gradi giorni scaturisce dalla sommatoria suindicata. 10

01/06/11

CLIMATOLOGIA 11

01/06/11

CLIMATOLOGIA

Alcune classificazioni climatiche prevedono la

„ distinzione di tre tipi di clima:

– climi freddi, (4500 gradi-giorno) caratterizzati

dalla mancanza di calore per la totalità o per la

maggior parte dell’anno;

– climi temperati, (3500 gradi-giorno) con

temperatura media mensile del mese più freddo

fino a meno 15 °;

– climi caldi (1800 gradi-giorno) secchi, con elevata

temperatura ed elevato irraggiamento solare; climi

caldi umidi, con elevato indice di umidità. 12

01/06/11

CLIMATOLOGIA

– Il microclima di un sito dipende:

• dall’altitudine,

• dall’esposizione al sole e ai venti,

• dalla vegetazione,

• dai corpi d’acqua di superficie.

– Il microclima di un sito può essere modificato tramite, l’impianto di

alberi e di siepi frangivento e la creazione di specchi d’acqua la cui

evaporazione ha un effetto raffrescante.

– Un fattore che influisce molto sul microclima è l’insolazione del luogo

in base alla sua esposizione.

– I maggiori apporti solari li hanno i versanti che declinano in direzioni

comprese tra sud-est e sud-ovest, in quanto questo orientamento

garantisce elevati apporti di energia solare e consente una buona

illuminazione naturale degli ambienti. 13

01/06/11

CLIMATOLOGIA

I parametri climatici sono particolari elaborazioni convenzionali dei

Dati meteorologici. Questi consentono di conoscere la situazione

climatica di una zona. I principali parametri climatici sono:

„ Gradi giorno: sommatoria, estesa all’arco di un anno o di un

mese, delle differenze tra la temperatura esterna (media

giornaliera) e la temperatura ottimale per l’interno degli ambienti

abitati; vengono espressi in gradi centigradi.

„ Anno tipo: è un anno costruito con dati meteorologici tali da

rappresentare un periodo di tempo più lungo; è un anno

convenzionale che riassume un periodo di 15-20 anni ed è

costituito dai valori orari giornalieri di: temperatura dell’aria,

umidità relativa, intensità del vento, radiazione globale,

soleggiamento.

„ Giorno medio mensile: è un giorno fittizio costituito dalla media

dei valori, per ogni ora di ogni mese, di: temperatura,

irraggiamento solare, umidità velocità del vento 14

01/06/11

Meteorologia

E’ LO STUDIO DEI FENOMENI METEOROLOGICI COSTITUENTI

IL CLIMA:

„ TEMPERATURA DELL’ARIA: è il livello termico dell’atmosfera in

un punto e in un determinato momento (°C)

„ PRECIPITAZIONI: sono tutte le forme di acqua atmosferica che

raggiungono la superficie terrestre, sia allo stato liquido che

solido

„ PRESSIONE ATMOSFERICA: è il peso di tutta l’aria situata in un

cilindro ad asse verticale, posto al di sopra di un punto nello

spazio (mm, millibar, ettopascal)

„ UMIDITA’ ATMOSFERICA: è la quantità di vapore acqueo

contenuta nell’atmosfera (%)

– ASSOLUTA: è la quantità di vapore acqueo contenuta in un metro cubo di

aria in un dato istante in un punto dell’atmosfera

– RELATIVA: è data dal rapporto tra la quantità di vapore acqueo contenuta

nell’atmosfera e quella massima che potrebbe esservi alla stessa

15

temperatura

01/06/11

Meteorologia

„ STATO DEL CIELO: è la quantità di cielo coperto o meno da nubi in

un dato istante in un punto di rilevazione. In base ad esso i giorni

vengono classificati in: sereni, misti, coperti

„ VENTO: è costituito da correnti d’aria pressoché orizzontali,

determinate da spostamenti di masse d’aria, rilevate in un preciso

punto della superficie terrestre. E’ caratterizzato da tre parametri:

– VELOCITA’ (m/sec, km/h, nodi)

– DIREZIONE (N, NE, E, SE, S, SO, O, NO)

– FREQUENZA (n volte in un dato periodo nelle 8 direzioni)

„ RADIAZIONE SOLARE: è il flusso di energia emesso dal sole. Una

parte viene diffusa, una parte assorbita, mentre la radiazione

solare diretta raggiunge la superficie terrestre. I parametri di

quest’ultima sono:

– QUANTITA’ TOTALE DI RADIAZIONE (kw/mq, kcal/mq giorno)

– SOLEGGIAMENTO (h) 16

01/06/11


PAGINE

31

PESO

1.04 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

In questo materiale didattico vengono trattati i seguenti argomenti. Fattori climatici, clima locale e microclima. Climatologia: classificazione dei climi e parametri climatici. Meteorologia: i fenomeni meteorologici e loro caratteristiche. Morfologia: lo studio del territorio e la sua forma. Progettazione bioclimatica: fattori da considerare per la progettazione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in storia e conservazione dei beni architettonici e ambientali
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Materiali tradizionali dell'architettura e del risparmio energetico e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Mediterranea - Unirc o del prof Modaffari Cherubina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Materiali tradizionali dell'architettura e del risparmio energetico

Legno
Dispensa
Chiusure
Dispensa
Calcestruzzo
Dispensa
Acciaio
Dispensa