Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Ritagliare uno stralcio può essere fonte di

distorsione

Gianluca, 26 anni, impiegato, anche il padre è impiegato, la madre è casalinga (p. 576)

Autostrutturato:

Forte valore del tempo.

la rivoluzione come speranza

«Io credo nella rivoluzione e prima o poi la nel futuro, come progetto,

rivoluzione avverrà» come tratto dell’identità;

la rivoluzione come “tempo

sociale”

Eterostrutturato

«Io non ho nessun complesso di inferiorità nei Adesione agli imperativi della

storia che domina il tempo

confronti della storia. Sono convinto di vivere in individuale. Sceglie la sola

direzione della storia e non contro. Io credo nella possibilità ritenuta

rivoluzione e prima o poi la rivoluzione avverrà» “oggettivamente” disponibile

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

21

«Io non ho nessun complesso di inferiorità nei

confronti della storia. Sono convinto di vivere in

direzione della storia e non contro. Io credo nella

rivoluzione e prima o poi la rivoluzione avverrà. Il mio Eterodestrutturato:

La storia viene cancellata,

contributo in questo senso è infinitesimale, è vero, sottratta all’intenzionalità,

ma tanto la rivoluzione non dipende dalla volontà di assimilata ad un evento

nessuno, è una cosa che accadrà per una legge fisico imprevedibile,

quasi fisica, in qualsiasi modo uno si comporti. E’ sganciata dal tempo sociale

come un temporale dopo tanto caldo: l’aria si e ridotta al presente

condensa e poi cade. Spero solo che accada mentre dell’intervistato.

io sono vivo. No, non c’è nessun periodo della storia

in cui mi sarebbe piaciuto vivere. Considero la storia

ciò che vivo adesso non ciò che è stato del passato»

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

22

Individuazione del “frame”

= “idea organizzante”, “focus”, chiave di

lettura imputata ad un tema, inquadramento

interpretativo e significazione di un problema:

Es. tema = povertà

frame 1: la p. è data dalla scarsa

intraprendenza, dalla pigrizia …

frame 2: la p. è data dalla incapacità

della società e del governo …

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

23

Composizione di un frame

(Entman 1993, 52):

a) Definire un problema (conseguenze,

costi/benefici …);

b) Identificare le cause del problema;

c) Proporre giudizi morali, politici;

d) Suggerire soluzioni al problema;

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

24

Altheide (1996 / 2000, 48 ss.):

analisi delle notizie sulla stampa

Tema: droga

• Frame 1: problema di salute pubblica

• Frame 2: problema di giustizia criminale

Gitlin (1980):

Tema: proteste studentesche:

• Frame 1: banalizzazione (enfasi su linguaggio, abbigliamento, età

…);

• Frame 2: polarizzazione (enfasi su contro-dimostrazioni);

• Frame 3: devianza (studenti sono trasgressivi, danneggiano cose,

sono pochi…);

• Frame 4: delegittimazione implicita, p. es. mediante uso di

virgolette: “marcia per la pace”, “giustizia sociale”, …

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

25

Tema

Frame (punto di vista implicito sul tema)

Discorso (argomentazione esplicita)

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

26

Talvolta viene considerata AC anche

l’analisi degli aspetti pragmatici della

comunicazione

significato interazione fra un testo (p. es.

notizia) e lettore/spettatore/ascoltatore che

interpreta il testo, riferendosi al proprio contesto.

(es. Altheide 1996/2000, 124: costruzione di una

notizia in una redazione; impatto dei media sui

fruitori o sui loro ambienti, TG-udienze di un

processo, etc.) = ETNOGRAFIA

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

27

Caratteristiche dell’approccio etnografico:

1. Obiettivo cognitivo: un “altrove” =

comprendere (=

interpretare) i significati che

gruppi di attori attribuiscono

alle proprie pratiche ordinarie;

2. Metodo: osservazione diretta e

prolungata nel contesto naturale

(‘campo’) con/senza partecipazione

a quelle pratiche

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

28

Osservazione diretta:

• L’etnografo descrive ed interpreta quello che ha

visto di persona. «Non si può essere etnografi

senza esserci stati»;

• L’etnografo può avvalersi anche di documenti,

narrazioni dei “nativi” (gruppi osservati), etc.;

• Ma l’osservazione resta il perno di questo

approccio.

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

29

Durata dell’osservazione

• L’osservazione richiede all’etnografo di “immergersi”

nel gruppo studiato, di farsi coinvolgere.

Per raggiungere questo obbiettivo

occorre una durata ± lunga.

• Ovviamente non esistono regole fisse.

Un gruppo molto distante dalla cultura dell’etnografo (p.

es. studio di Paesi lontani, di sette molto chiuse, di

fruitori stranieri di media, etc. ) richiede una durata

maggiore e continuativa;

Un gruppo più familiare richiede un’osservazione più

breve, con possibilità di osservazioni intermittenti

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

30

Indizi di coinvolgimento e comprensione:

Nadel (1951/1974, 28): Probabilmente vi è comprensione se:

• «fate degli scherzi che fanno ridere la gente (e non è cosa da poco

questa)»;

• «avete imparato il loro modo di collegare concetti e fornire prove»;

• «potete predire con una certa sicurezza cosa farà o proverà X in

una data situazione»;

Da aggiungere:

• Se sapete classificare secondo criteri diffusi nel gruppo «l’universo

è continuo e l’ordine è imposto alle cose dalla mente umana» (G. L.

Beccaria 1995, 19);

• Se raccogliete risultati imprevisti;

• Se questi risultati modificano alcune vostre pre-comprensioni (H. G.

Gadamer).

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

31

Osservare è interpretare

• L’osservazione non “fotografa” ma “dipinge”

E’ illusorio ritenere l’osservazione una procedura impersonale,

“oggettiva”, scaturita da una tabula rasa. «Senza alcun orientamento

(

concettuale non si può nemmeno riconoscere il campo d’indagine» D.

)

Silverman 2000, 113

• L’etnografo parte sempre dal proprio personale sapere (esplicito e

tacito), dalle proprie pre-comprensioni, da attrazione/repulsione

verso il gruppo, etc.; e assume un proprio particolare “punto di

vista” (M. Weber) dal quale osserva.

• A partire da quel “punto di vista” (“soggettività”) l’etnografo deve

procedere con grande rigore metodologico (“oggettività”): studio del

contesto e della letteratura, “arte dell’ascolto”, triangolazione delle

fonti, ideale dell’imparzialità, pubblicità, etc. (M. Weber)

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

32

Questo “punto di vista” orienta anche le domande-

guida che il ricercatore si pone.

Andare sul “campo” senza questi orientamenti

(sempre flessibili) è un’ingenuità e la ricerca

rischia di essere superficiale:

«Più vago è il disegno della ricerca e meno è

selettiva la raccolta delle informazioni; TUTTO

appare inizialmente importante a chi aspetta di

cogliere gli elementi chiave o le regolarità che

emergono dal campo, e questa attesa può protrarsi

per molto» (Miles e Huberman 1984, 28)

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

33

Gli “appunti sul campo”

• Segnare osservazioni, informazioni, resoconti (anche su se stessi)

con dovizia di particolari (solo successivamente il ricercatore saprà

se sono utili o no);

• Includere anche intuizioni, interrogativi in sospeso, abbozzi di

classificazioni, difficoltà incontrate, fraintendimenti, etc.

• Di solito è opportuno non scriverli in presenza delle persone

osservate;

• Non è necessario classificare le note e le osservazioni già all’inizio;

può essere utile ordinarli secondo criteri cronologici (diario);

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

34

I punti principali:

 Una AdC “non standard” è meno formalizzata (prescinde dalla

matrice e dall’analisi statistica) e attenta a valorizzare come

risorsa interpretativa il sapere personale (esplicito e tacito) del

ricercatore.

 La base empirica tende a riprodurre il testo nella sua

interezza.

 L’assenza della matrice esclude la necessità di schede

strutturate di rilevazione. Di solito si utilizzano, invece, “tracce”,

“temari”, etc.

 Per analizzare un testo, il riferimento all’intenzione del suo

autore è un criterio problematico e comunque riduttivo. I significati

di un testo sono dati anche da altre intenzioni (del testo stesso e

del lettore).

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

35

 L’autonomia del testo dal suo autore non significa

comunque giustificare letture arbitrarie. Umberto Eco

distingue fra “uso” arbitrario e “interpretazione”.

 Alcuni criteri di interpretazione: principio di economia,

riferimento al contesto, circolo ermeneutico, coerenza

del testo, scomposizione, tipologizzazione,

individuazione del frame, etc.

 Anche gli aspetti pragmatici del contenuto potrebbero far

parte di un’AdC “non standard”: v. p. es. l’etnografia

della fruizione dei media.

P. Montesperelli ANALISI CONTENUTO: Insieme non-standard

36


PAGINE

37

PESO

446.05 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa lezione fa riferimento al corso di Analisi dell'informazione e dei pubblici tenuto dal prof. Montesperelli e spiega l'Analisi del Contenuto non standard. Viene spiegato, in modo particolare, in assenza della matrice, quale è la “base empirica” su cui basare un’AdC “non standard”; come si possono raccogliere le informazioni se non si dispone di una scheda di rilevazione; come è possibile condurre una analisi, se non si scompongono le informazioni in variabili, celle, etc., se quindi non ci si avvale degli strumenti statistici.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in editoria multimediale e nuove professioni dell'informazione
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi dell'informazione e dei pubblici e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Montesperelli Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi dell'informazione e dei pubblici

Media e assassinio Kennedy
Dispensa
Analisi contenuto - Premessa
Dispensa
Analisi contenuto - Primo tipo
Dispensa
Oltre la persuasione - Morcellini
Dispensa