Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

INDICE

Concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

Il Bilancio d’esercizio:

Definizione

• Finalità

• Destinatari

Quadro normativo di riferimento

I documenti di Bilancio: !@

Stato Patrimoniale

• Conto Economico

• Nota integrativa

• Rendiconto Finanziario

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 2

I concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

L’azienda è un sistema economico - sociale, composto da beni e persone, volto al soddisfacimento

degli obiettivi del soggetto economico.

Il complesso delle molteplici operazioni, tra loro coordinate, svolte

te in funzione del raggiungimento

svol

diretto ed immediato degli obiettivi aziendali è definito:

GESTIONE

Esigenze giuridiche, manageriali e fiscali richiedono di determinare con regolare periodicità valori

che riflettano l’andamento economico della gestione e lo stato di salute della azienda.

!@

Suddette misurazioni sono rappresentate da:

PATRIMONIO DI FUNZIONAMENTO

REDDITO DI ESERCIZIO

Occorre individuare un sistema di rilevazione dei fatti aziendali che consenta di ottenere e

comunicare informazioni sullo stato di salute della azienda e sui risultati della gestione,

CONTABILITÀ

documentando le operazioni compiute.Tale strumento è rappresentato dalla:

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 3

I concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

Risultati della gestione

Riepilogati BILANCIO

Comunicati attraverso ORDINARIO

D’ESERCIZIO Conto

!@

Stato Economico

Patrimoniale Nota

Integrativa

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 4

I concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

Il Patrimonio è un insieme di beni, tra loro coordinati, a disposizione di diritto e di fatto del

soggetto giuridico aziendale in un dato momento.

Patrimonio

IMPIEGHI FONTI

Capitale iniziale,

Beni, crediti, mutui, debiti ed

liquidità ed altre altre passività

attività !@

Tali beni possono essere classificati anche in tangibili o intangibili:

intangibili

• tangibili: beni con consistenza fisica (ad es. cassa, materie prime, immobili);

• intangibili: beni privi di consistenza fisica (ad es. crediti,debiti, brevetti).

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 5

Lo Stato Patrimoniale: descrizione e finalità

Lo Stato Patrimoniale è lo strumento che consente di evidenziare le attività e le passività

della gestione. Definiamo pertanto:

- attività: gli investimenti attuati dall’azienda che, considerati in un dato momento, sono

ancora in grado di dare in futuro un’utilità, i crediti verso terzi, le disponibilità liquide;

- passività: i debiti (verso fornitori, verso banche, verso creditori diversi, ecc.), cioè i

finanziamenti non ancora estinti ricevuti a titolo di capitale di terzi.

Finalità dello Stato Patrimoniale

Finalità dello Stato Patrimoniale !@

“Lo stato patrimoniale congiuntamente alla nota integrativa deve esporre il patrimonio

“Lo stato patrimoniale congiuntamente alla nota integrativa deve esporre il patrimonio

aziendale, alla data di riferimento, cioè la situazione patrimoniale dell'azienda e la sua

aziendale, alla data di riferimento, cioè la situazione patrimoniale dell'azienda e la sua

situazione finanziaria nei limiti delle informazioni fornite dalla classificazione, dalla

situazione finanziaria nei limiti delle informazioni fornite dalla classificazione, dalla

separazione e dall'identificazione per gruppi omogenei delle attività e delle passività, in

separazione e dall'identificazione per gruppi omogenei delle attività e delle passività, in

conformità ai corretti principi contabili”.

conformità ai corretti principi contabili”.

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 6

Lo Stato Patrimoniale: forma ed elementi strutturali

Il legislatore italiano tra i i due schemi previsti dagli art. 9 e 10 della IV Direttiva CEE ha

scelto quello previsto dall'art. 9 che presenta le seguenti caratteristiche:

- forma espositiva a sezioni contrapposte, denominate rispettivamente «attività»,

quella a sinistra e «passività e patrimonio netto» quella a destra.

- l'attivo è suddiviso in 4 classi principali: A - Crediti verso soci, B - Immobilizzazioni,

C - Attivo circolante, D - Ratei e risconti. La classificazione dei valori patrimoniali attivi

si fonda sul criterio della «destinazione» degli stessi rispetto all'attività ordinaria.

!@

- il passivo è suddiviso in 5 classi: A - Patrimonio netto, B - Fondi per rischi e oneri,

C - Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato, D - Debiti, E - Ratei e risconti.

La classificazione è effettuata sulla base della «natura» delle fonti di finanziamento, in

modo da distinguere in particolare i mezzi di terzi dai mezzi propri.

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 7

Lo Stato Patrimoniale: forma ed elementi strutturali

Stato Patrimoniale

Attivo Patrimonio Netto e Passivo

A) Crediti verso soci per versamenti dovuti A) Patrimonio Netto

B) Immobilizzazioni I. Capitale Sociale

I. Immateriali II. Riserve

II. Materiali III. Utili (Perdite)

III. Finanziarie B) Fondo Rischi e Oneri

C) Attivo circolante C) Trattamento di fine rapporto (TFR)

!@

I. Crediti D) Debiti

II. Disponibilità liquide E) Ratei e Risconti

D) Ratei e Risconti

Totale Attivo Totale Patrimonio Netto e Passivo

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 8

Lo Stato Patrimoniale: forma ed elementi strutturali

Attivo Patrimonio Netto e Passivo

A) Crediti verso soci per versamenti dovuti A) Patrimonio Netto

B) Immobilizzazioni I. Capitale Sociale

I. Immateriali II. Riserve

II. Materiali III. Utili (Perdite)

III. Finanziarie B) Fondo Rischi e Oneri

C) Attivo circolante C) Trattamento di fine rapporto (TFR)

I. Crediti D) Debiti

II. Disponibilità liquide E) Ratei e Risconti

D) Ratei e Risconti

Totale Attivo Totale Patrimonio Netto e Passivo

Le tre tipologie di elementi esposti nello Stato Patrimoniale (attività, passività e

!@

patrimonio netto) sono collegati tra loro da un rapporto fondamentale noto come

equazione della contabilità.

Questa equazione esprime la parità tra le attività, da un lato, e le obbligazioni dei creditori

dell’azienda nonché dei soci, dall’altro lato:

= +

Attività Passività Patrimonio netto

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 9

I concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

Il Reddito rappresenta tutti gli accadimenti occorsi nell’intero periodo di riferimento;

esso è il “film”di ciò che è avvenuto durante l’anno tra le due situazioni patrimoniali

successive.

Il Reddito rappresenta il confronto tra:

• il valore dei fattori produttivi acquistati e consumati nell’esercizio;

• il valore dei beni prodotti e venduti nell’esercizio.

Reddito

RICAVI COSTI

!@

Componenti positivi di Componenti negativi di

reddito che reddito che costituiscono

costituiscono gli introiti oneri sostenuti per

derivanti dalla vendita di acquistare i fattori

beni e servizi produttivi

Determinano un aumento Determinano una diminuzione

del capitale del capitale

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 10

I concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

• Prospetto del Bilancio che mette in

evidenza il processo di formazione

del Reddito di esercizio,

mostrandone la composizione e cioè

i singoli costi e ricavi.

• Il reddito di esercizio (ricavi - costi) !@

può essere:

• positivo e si parla in tal caso

di utile di esercizio;

• negativo e si parla in tal caso

di perdita di esercizio.

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 11

Il Conto Economico: definizione e finalità

Il Conto economico può definirsi come un riassunto dei ricavi (componenti positivi), dei

costi (componenti negativi) e del reddito netto o della perdita di una azienda durante un

determinato periodo di tempo.

Il Conto economico, in pratica, fornisce la dimostrazione della formazione dei componenti

positivi e negativi del risultato d’esercizio per effetto della gestione.

!@

Finalità del conto economico

Finalità del conto economico

“Il conto economico deve fornire un'espressiva rappresentazione e dimostrazione delle

“Il conto economico deve fornire un'espressiva rappresentazione e dimostrazione delle

operazioni di gestione, mediante una sintesi dei componenti positivi e negativi di reddito

operazioni di gestione, mediante una sintesi dei componenti positivi e negativi di reddito

che hanno contribuito a determinare il risultato economico conseguito, raggruppati in modo

che hanno contribuito a determinare il risultato economico conseguito, raggruppati in modo

da fornire significativi risultati intermedi, in conformità ai corretti principi contabili”.

da fornire significativi risultati intermedi, in conformità ai corretti principi contabili”.

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 12

Il Conto Economico: forma ed elementi strutturali

Il legislatore italiano tra i quattro schemi previsti dagli artt. 23, 24, 25, 26 della IV Direttiva

CEE ha scelto quello previsto dall'art. 23 che presenta le seguenti caratteristiche:

- forma espositiva scalare, considerata più adatta a evidenziare risultati intermedi

significativi e a suddividere aree gestionali omogenee;

- classificazione dei costi per natura con la quale si suddividono i costi in base alla

causa economica dell'evento che ha prodotto il costo (p.e. costo del lavoro, costi per

acquisti, per servizi, ammortamenti ecc.). E’ stata, dunque preferita tale classificazione

rispetto a quella per destinazione (o per funzione o per centro di responsabilità ) con la

quale si suddividono: il costo del venduto, con o senza l'indicazione dei suoi

!@

componenti (magazzino iniziale, acquisti, spese industriali, ammortamento industriale,

magazzino finale); spese di vendita; spese generali e amministrative; spese di ricerca

e sviluppo.

- lo schema di conto economico prevede cinque raggruppamenti di voci o classi

(indicati con lettere maiuscole e per i quali sono previsti sub-totali) e risultati

intermedi.

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 13

Il Conto Economico: forma ed elementi strutturali

Il conto economico deve evidenziare:

• La gestione caratteristica: è costituita dalle operazioni che si manifestano in via

continuativa nello svolgimento della gestione e che esprimono componenti positivi e

negativi di reddito i quali identificano e qualificano la parte peculiare e distintiva

dell'attività economica svolta dall'impresa, per la quale la stessa è finalizzata.

• La gestione accessoria: è rappresentata convenzionalmente da proventi, oneri,

plusvalenze e minusvalenze da cessione, anche di origine patrimoniale, tutti relativi ad

operazioni che fanno parte della gestione ordinaria ma che non rientrano nella gestione

caratteristica, in quella finanziaria ed in quella straordinaria. !@

• La gestione finanziaria: ai fini dello schema del conto economico è rappresentata da

proventi, oneri, plusvalenze e minusvalenze da cessione, svalutazioni e ripristini di

valore tutti relativi a titoli, partecipazioni, conti bancari, crediti iscritti nelle

immobilizzazioni e finanziamenti di qualsiasi natura attivi e passivi e utili e perdite su

cambi.

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 14

Il Conto Economico: forma ed elementi strutturali

A Valore della produzione

B Costi della produzione

(A-B) Differenza tra valori e costi della produzione

C Proventi e oneri finanziari

D Rettifiche di valore di attività finanziarie

E Proventi e oneri straordinari

(A - B +/- C +/- D +/- E) Risultato prima delle imposte

22 Imposte sul reddito dell'esercizio

23 Risultato dell'esercizio

26 Utile (perdita) d'esercizio

Con le lettere A e B si confrontano i componenti positivi costituenti il valore della

produzione con i costi della produzione classificati per natura, cioè sulla base della ragione

!@

economica del costo. I primi due raggruppamenti (valore della produzione e costi della

produzione) si riferiscono alla gestione caratteristica e alla gestione accessoria.

Le lettere C e D sono relative ai componenti positivi e negativi e alle rettifiche di valore di

natura finanziaria. Questi due raggruppamenti si riferiscono alla gestione finanziaria.

La lettera E si riferisce alla gestione straordinaria ossia ai proventi e oneri straordinari.

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 15

I concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

• Esiste una connessione tra Patrimonio e Reddito:

• il Patrimonio aumenta grazie alla produzione di Reddito positivo (utile) e

diminuisce in caso di Reddito negativo (perdita);

• ogni valore che influisce sul Reddito modifica anche il Patrimonio e viceversa;

• tale legame si evidenzia nel bilancio grazie al fatto che l’utile (o perdita) di

esercizio che si ottiene nel conto economico rappresenta una delle voci che

compongono il Patrimonio Netto nella sezione del passivo dello Stato

Patrimoniale. !@

01/01/N

01/01/ 31/12/N

Produzione del Reddito

Situazione Patrimoniale Situazione Patrimoniale

iniziale finale

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 16

INDICE

Concetti fondamentali della contabilità economico-patrimoniale

Il Bilancio d’esercizio:

Definizione

• Finalità

• Destinatari

Quadro normativo di riferimento

I documenti di Bilancio: !@

Stato Patrimoniale

• Conto Economico

• Nota integrativa

• Rendiconto Finanziario

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 17

Il Bilancio d’esercizio: definizione

Il Bilancio è un documento, redatto dagli amministratori alla fine

Il Bilancio è un documento, redatto dagli amministratori alla fine

dell’esercizio, con cui si rappresentano la situazione patrimoniale e

dell’esercizio, con cui si rappresentano la situazione patrimoniale e

finanziaria dell’azienda ed il risultato economico

finanziaria dell’azienda ed il risultato economico

Assolve a due importanti funzioni: !@

Offre informazioni sulla gestione, sul

Offre informazioni sulla gestione, sul

Funzione conoscitiva patrimonio, sulle scelte strategiche

patrimonio, sulle scelte strategiche

E’ lo strumento con cui i soci controllano

E’ lo strumento con cui i soci controllano

Funzione di controllo l’operato degli amministratori

l’operato degli amministratori

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 18

Il Bilancio d’esercizio: definizione

Il Bilancio di esercizio è un sistema unitario ed organico di documenti contabili …

Bilancio

d’esercizio

Documenti di Documenti

base supplementari

!@

Stato Conto Nota Rendiconto

Patrimoniale Economico Integrativa Finanziario

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 19

Il Bilancio d’esercizio: definizione

…. di derivazione contabile. SCRITTURE D’ESERCIZIO

Rilevano i fatti di gestione che hanno avuto la loro manifestazione nel corso dell’esercizio

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

Determinano la competenza economica dei componenti positivi e negativi di reddito

SITUAZIONE CONTABILE FINALE !@

SITUAZIONE PATRIMONIALE SITUAZIONE ECONOMICA

SITUAZIONE PATRIMONIALE SITUAZIONE ECONOMICA

espone il patrimonio di funzionamento espone i componenti positivi e negativi del

espone il patrimonio di funzionamento espone i componenti positivi e negativi del

risultato economico d’esercizio

risultato economico d’esercizio

STATO PATRIMONIALE NOTA INTEGRATIVA CONTO ECONOMICO

STATO PATRIMONIALE NOTA INTEGRATIVA CONTO ECONOMICO

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 20

Il Bilancio d’esercizio: destinatari

I destinatari del Bilancio sono tutti coloro che hanno un “interesse” nei confronti dell’azienda

(stakeholders) INTERNI ESTERNI

INTERNI ESTERNI

• Imprenditore o soci di maggioranza • Soci di minoranza

• Imprenditore o soci di maggioranza • Soci di minoranza

• Amministratori • Finanziatori (banche, obbligazionisti,

• Amministratori • Finanziatori (banche, obbligazionisti,

• Alta direzione enti previdenziali, …)

• Alta direzione enti previdenziali, …)

• Personale dipendente • Fornitori

• Personale dipendente • Fornitori

• Clienti

• Clienti

• Amministrazione Fiscale

• Amministrazione Fiscale

• Comunità Locale

• Comunità Locale

• Comunità Nazionale

!@

• Comunità Nazionale

• Comunità Internazionale

• Comunità Internazionale

Sono interessati al valore del dividendo,

Sono interessati alla alla puntualità nelle scadenze contrattuali,

redditività degli investimenti alla continuità dell’attività aziendale,

e alla stabilità dell’attività al valore del reddito realizzato

aziendale

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 21

Il bilancio d’esercizio e l’equilibrio del sistema d’impresa

Per conseguire il proprio fine generale, cioè

è per essere la gestione aziendale in reddito e per sopravvivere

cio

l ’ impresa nel lungo andare, occorre che il sistema aziendale si mantenga

ntenga in stato di equilibrio dinamico.

ma

Tale principio è proprio della teoria dei sistemi; esso è altresì

ì accettato e riformulato dalla prevalente dottrina

altres

economico-

- aziendale

economico

Nella situazione di equilibrio dinamico distinguiamo, per prima cosa, il concetto di equilibrio.

L

impresa si trova in equilibrio,

, nella sua configurazione di minimo indispensabile o oggettivo – in

equilibrio

un periodo o esercizio tipico o medio – se consegue e conserva come condizione “ fondamentale”

fondamentale

per un prospettico o sperato “ miglioramento”

” una duplice situazione che deve abbracciare il

miglioramento

sistema nella sua totalità

à

totalit

Cfr Cafferata R., (1995), Sistemi, Ambiente e Innovazione. Come s’Integrano la Continuità e il Mutamento

!@ .

nell’Impresa, Torino, Ed. Giappichelli

EQUILIBRIO ECONOMICO PATRIMONIALE

EQUILIBRIO FINANZIARIO MONETARIO

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 22

Il bilancio d’esercizio e l’equilibrio del sistema d’impresa

EQUILIBRIO ECONOMICO

Esso inerisce i costi totali (CS) ed i ricavi totali (RV) aziendali

ali di esercizio e configura l’

’ esistenza di un reddito di

aziend l

minime condizioni di equilibrio (RD)

Il reddito di minime condizioni di equilibrio (RD) deve essere:

• nel valore di (D) remunerativo di tutto il capitale conferito con

on vincolo di proprietà

à

c propriet

• nel valore di (L) sufficiente a coprire la ricompensa del lavoro

o “ direzionale”

” di colui che opera in azienda

lavor direzionale

come imprenditore

CS + RD = RV dove RD = D + L !@

Conseguita tale situazione minima di equilibrio economico corrispondente alla formazione di

RD>0 l’

impresa, nel suo andamento di sistema, tende non solo a conservare

re RD al livello

l conserva

raggiunto di minime condizioni di equilibrio, ma a migliorare tale

le livello (RD’

>RD>0)

ta (RD

Se RD<0 l’

impresa tenderà

à a ripristinare la situazione minima di economicità

à programmata ed

l tender economicit

eventualmente perduta

Cfr Cafferata R., (1995), Sistemi, Ambiente e Innovazione. Come s’Integrano la Continuità e il Mutamento

.

nell’Impresa, Torino, Ed. Giappichelli, pp. 18 ss

© 2011 Valutazione e finanziamento dei progetti Pagina 23


PAGINE

50

PESO

718.24 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Valutazione e finanziamento dei progetti del Prof. Alessandro Cataldo all'interno del quale sono affrontati i seguenti argomenti: la contabilità economico - patrimoniale; il bilancio d'esercizio; i documenti di bilancio (stato patrimoniale, conto economico, nota integrativa, rendiconto finanziario).


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in analisi economica delle istituzioni internazionali
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Valutazione e finanziamento dei progetti e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Cataldo Alessandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Valutazione e finanziamento dei progetti

Metodi di capital budgeting
Dispensa
Fondi di Ricchezza Sovrana - Pasca di Magliano
Dispensa
Matematica finanziaria - Consiglio
Dispensa
Elementi di matematica finanziaria
Dispensa