Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Secondo esempio (6)

Il conto economico secondo un criterio di competenza

per l’anno 2009:

Ricavi di competenza da locazione: 1.000

Costi di competenza da locazione: ‐ 600

Risultato economico di competenza: 400

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 23

Secondo esempio (7)

I ricavi di competenza sono soltanto quelli di dicembre 2009

considerato che i ricavi dei mesi di maggio e giugno 2010 devono

essere imputati all’esercizio 2010 (sia criterio di cassa che di

competenza)

I costi di competenza da locazione sono 600 ovvero la metà di

1.200 perché tengono in considerazione il fatto che il canone

vale per un periodo di dodici mesi di cui solo sei mesi ricadono

nell’esercizio 2009 e gli altri ricadono nell’esercizio 2010 (il

criterio di competenza differisce rispetto al criterio di cassa)

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 24

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Secondo esempio (8)

Per capire meglio analizziamo la situazione patrimoniale al 31.12.2009:

CRITERIO DI CASSA

Debito (…..verso la mamma) per 200 euro

CRITERIO DI COMPETENZA

Debito (…..verso la mamma) per 200 euro (‐200)

Valore del diritto verso il proprietario del locale per la disponibilità dello

stesso nel periodo 01.01.2010 – 30.06.2010 di euro 600 (+600)

pari all’utile di periodo

Saldo netto patrimoniale = 400

IL BILANCIO DIFFERISCE A SECONDA DEL CRITERIO DI CASSA O DI

COMPETENZA ADOTTATO Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 25

Terzo esempio (1)

Lo stesso studente supponga di essere “l’imprenditore”

e di voler fare il proprio bilancio

Attività: acquisto e vendita di magliette colorate

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 26

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Terzo esempio (2)

Dati di riferimento (ovvero le operazioni di gestione):

Lo studente a luglio 2009 acquista da un produttore 10

magliette con i colori della propria squadra a 10 euro

ciascuna.

Nei mesi da settembre a dicembre lo studente vende 8

magliette ad altrettanti amici a 15 euro ciascuna

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 27

Terzo esempio (3)

Se lo studente volesse fare il bilancio della propria

attività per l’anno 2009 (periodo di riferimento), non

avendo posto in essere altre operazioni di gestione,

cosa dovrebbe fare e cosa ne deriverebbe?

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 28

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Terzo esempio (4)

Operazioni di gestione:

Acquisto 10 magliette a 10 euro ciascuna: 100

Vendita 8 magliette a 15 euro ciascuna: 120

criterio di cassa ??? Criterio di competenza ???

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 29

Terzo esempio (5)

Il conto economico secondo un criterio di cassa per l’anno 2009:

Entrate per cessione di magliette nel 2009: 120

Uscite per acquisti di magliette nel 2009: ‐ 100

Flusso di cassa netto al 31.12.2009: 20

SECONDO UN CRITERIO DI CASSA NELL’ANNO 2009 IL NOSTRO

STUDENTE HA CONSEGUITO UN UTILE DI 20

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 30

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Terzo esempio (6)

Il conto economico secondo un criterio di competenza per l’anno

2009:

Ricavi di competenza da cessione di magliette: 120

Costi di competenza da acquisto di magliette: ‐ 100

Valore delle magliette non vendute (2 da 10): 20

Risultato economico di competenza: 40

SECONDO UN CRITERIO DI COMPETENZA NELL’ANNO 2009 IL

NOSTRO STUDENTE HA CONSEGUITO UN UTILE DI 40

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 31

Terzo esempio (7)

Le magliette non vendute non rilevano secondo il

criterio di cassa come “valore autonomo”

Esse rilevano invece secondo il criterio di competenza

in quanto, pur non avendo generato ricavi nel 2009,

potranno farlo nel 2010 o in esercizi successivi e quindi

sono un valore che deve essere considerato nel

determinare il risultato economico e la situazione

patrimoniale di periodo

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 32

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Terzo esempio (8)

Per capire meglio analizziamo la situazione patrimoniale al 31.12.2009:

CRITERIO DI CASSA

Disponibilità di denaro per 20 euro

CRITERIO DI COMPETENZA

Disponibilità di denaro per 20 euro (+20)

Valore delle magliette non vendute per euro 20 (+20)

Saldo netto patrimoniale = 40 pari all’utile di periodo

IL BILANCIO DIFFERISCE A SECONDA DEL CRITERIO DI CASSA O DI

COMPETENZA ADOTTATO Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 33

Terzo esempio (9)

Nella sostanza quanto ha guadagnato il nostro studente/imprenditore ?

Venduto 8 magliette a 15 euro (le altre 2 sono ancora nella disponibilità dello

studente al 31.12.2009 e potranno essere vendute in futuro)

Ciascuna maglietta è stata pagata al fornitore 10 euro

Per ciascuna maglietta il guadagno netto è 5 euro

Il guadagno complessivo è quindi 5 euro per 8 magliette vendute ovvero 40

euro

IN CONCLUSIONE: E’ PIU’ CORRETTO IL CRITERIO DI CASSA O IL CRITERIO DI

COMPETENZA ? ……………….. ? …………………….. ?

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 34

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Quarto esempio (1)

Lo stesso studente supponga di essere “l’imprenditore”

e di voler fare il proprio bilancio

Attività: acquisto di una auto sportiva ed affitto

giornaliero agli amici

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 35

Quarto esempio (2)

Dati di riferimento (ovvero le operazioni di gestione):

Lo studente a gennaio 2009 acquista in un

concessionario una Ferrari (molto usata…) per 50.000

euro

Nei mesi da febbraio a dicembre lo studente affitta 60

volte la Ferrari ad amici su base giornaliera per un

prezzo di euro 500 al giorno

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 36

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Quarto esempio (3)

Se lo studente volesse fare il bilancio della propria

attività per l’anno 2009 (periodo di riferimento), non

avendo posto in essere altre operazioni di gestione,

cosa dovrebbe fare e cosa ne deriverebbe?

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 37

Quarto esempio (4)

Operazioni di gestione:

Acquisto Ferrari: 50.000

Affitto 60 giornate a 500 euro il giorno: 30.000

criterio di cassa ??? Criterio di competenza ???

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 38

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Quarto esempio (5)

Il conto economico secondo un criterio di cassa per l’anno 2009:

Entrate per affitto Ferrari nel 2009: 30.000

Uscite per acquisto Ferrari nel 2009: ‐ 50.000

Flusso di cassa netto al 31.12.2009: ‐ 20.000

SECONDO UN CRITERIO DI CASSA NELL’ANNO 2009 IL NOSTRO

STUDENTE HA SUBITO UNA PERDITA DI 20.000 EURO

MA E’ VERO ?

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 39

Quarto esempio (6)

Il conto economico secondo un criterio di competenza per l’anno

2009:

Ricavi da affitto di Ferrari: 30.000

Costi di competenza (vedi slides successiva): ‐ 10.000

Risultato economico di competenza: 20.000

SECONDO UN CRITERIO DI COMPETENZA NELL’ANNO 2009 IL

NOSTRO STUDENTE HA CONSEGUITO UN UTILE DI 20.000 EURO

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 40

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Quarto esempio (7)

Lo studente ha valutato che la Ferrari (molto usata) potrebbe

essere utilizzata per 5 anni ancora e quindi per 5 anni potrà

continuare ad affittarla agli amici.

Il costo di competenza è pertanto pari a 50.000 / 5 ovvero euro

10.000 residuando in euro 40.000 il valore della Ferrari a fine

anno 2009

Si tratta del c.d. “ammortamento” che ha la funzione di

imputare un costo (nel nostro caso, l’acquisto della Ferrari) ai

vari esercizi in cui può produrre utilità (e quindi ricavi

potenziali). Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 41

Quarto esempio (8)

Analizziamo quindi la situazione patrimoniale al 31.12.2009:

CRITERIO DI CASSA

Debiti verso le banche (la mamma non era disponibile a finanziare per una somma così

elevata) per 20.000 euro (‐20.000)

Ovviamente tale debito sarebbe stato diverso se calcolato in un momento successivo

all’avvio dell’attività ma antecedente la data di riferimento (qualcuno mi sa dire

perché?).

CRITERIO DI COMPETENZA

Debiti verso le banche per 20.000 euro

(‐20.000)

Valore della Ferrari a fine anno 2009: 40.000 euro (+40.000)

Saldo netto patrimoniale = +20.000 pari all’utile di periodo

IL BILANCIO DIFFERISCE A SECONDA DEL CRITERIO DI CASSA O DI COMPETENZA

ADOTTATO Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 42

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Parte Seconda

Nozioni di partita doppia

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini

Ricordiamoci che ………. (1)

La contabilità registra i fatti di gestione secondo il metodo

• della partita doppia lungo tutta la vita dell’impresa (dalla

costituzione alla chiusura della liquidazione);

Il bilancio viene redatto assumendo i dati della contabilità

• per un determinato periodo e sintetizzandoli secondo

determinati criteri

n n + 1

costituzione chiusura liquidazione

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 44

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Ricordiamoci che …………. (2)

Lo stato patrimoniale evidenzia la sintesi delle operazioni di

• gestione alla data n+1;

Il conto economico evidenzia la sintesi delle operazioni di

• gestione intercorse fra la data n e la data n+1

n n + 1

costituzione chiusura liquidazione

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 45

Ricordiamoci che ………….. (3)

Vige il principio di consecuzione ovvero

Stato patrimoniale n + conto economico da n ad n+1 = stato

patrimoniale n+1

n n + 1

costituzione chiusura liquidazione

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 46

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini La partita doppia (1)

Con il metodo della partita doppia occorre registrare ogni

fatto aziendale (ogni quantità) due volte in due distinti conti

ed in due sezioni opposte in modo che si attui sempre

l’uguaglianza tra addebitamenti ed accreditamenti.

Il nome “partita” era usato nel medioevo per indicare una

scrittura effettuata in un conto.

ES: ricevo un prestito di 100 euro e registro in un conto la

partita debitoria di 100 euro verso il creditore.

Nella partita doppia le scritture sono due: una in “dare” ed

una in “avere” convenzionalmente poste rispettivamente a

destra ed a sinistra della registrazione.

Si ricordi la struttura dello stato patrimoniale: alla destra

sta il passivo, e alla sinistra sta l’attivo

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 47

La partita doppia (2)

ES: ricevo un prestito di 100 euro e registro in partita

doppia:

dare: cassa 100 avere: debiti 100

Rispetto alla singola registrazione non ho solo l’evidenza di

avere un debito ma anche l’evidenza, in quel momento,

della disponibilità di un pari ammontare di denaro.

La scrittura in partita doppia è pertanto estremamente più

rispetto alla classica registrazione

informativa e completa

con il metodo della partita semplice.

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 48

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini La partita doppia (3)

La partita doppia è un metodo di registrazione delle

operazioni aziendali basato sulla contemporanea rilevazione

di un effetto dare ed un effetto avere

Dare Avere

Attivo di Stato Patrimoniale (SP) Passivo di Stato Patrimoniale (SP)

Ovvero i beni ed i diritti di proprietà Ovvero i debiti dell’impresa incluso il

dell’impresa debito nei confronti dell’imprenditore

(Patrimonio Netto)

DATO DI STOCK DATO DI STOCK

Costi di Conto Economico (CE) Ricavi di Conto economico (CE)

Sostenuti per l’attività svolta Conseguiti dall’attività svolta

DATO DI FLUSSO DATO DI FLUSSO

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 49

La partita doppia (4)

Ogni fatto viene registrato in modo duplice rilevando un

• effetto dare ed un effetto avere

Dare Avere

Attivo Passivo

Costi ricavi

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 50

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Esempi

Ottengo un finanziamento

• Dare: cassa (SP) avere: debiti verso banche (SP)

• Vendo un maglione (no iva)

• Dare: crediti verso clienti (SP) avere: ricavi di vendita (CE)

• Svaluto una partecipazione

• Dare: rettifiche di valore (CE) avere: partecipazioni (SP)

• Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 51

La partita doppia (3)

Ogni fatto viene registrato in modo duplice rilevando un

• effetto dare ed un effetto avere

Dare Avere

Attivo Passivo

Costi ricavi

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 52

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Esempi

Rimborso un prestito

• Dare: debiti verso banche (SP) avere: cassa (SP)

• Acquisto un maglione

• Dare: costi per acquisto merci (CE) avere: debiti verso fornitori (SP)

• Firmo una transazione su un debito iscritto in contabilità

• Dare: debiti verso terzi (SP) avere: sopravvenienze attive (CE)

• Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 53

La partita doppia (4)

Mai: costi con ricavi

• Dare Avere

Attivo Passivo

Costi ricavi

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 54

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini La partita doppia (5)

La prima registrazione

• DARE: Cassa (SP) Avere: Capitale sociale (SP)

• L’ultima registrazione

• ……………………………………………………………………………………..

• Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 55

Parte Terza

Criteri di redazione del bilancio

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini Criteri di redazione del bilancio d’esercizio

Il bilancio d’esercizio deve essere redatto secondo criteri di

• competenza economica per un arco temporale prestabilito

(usualmente 01.01 – 31.12 ma può essere anche diverso);

Non è sufficiente, una volta stabilito l’arco temporale,

• semplicemente isolare le registrazioni in partita doppia

effettuate in quel periodo;

E’ necessario stabilire la competenza economica delle suddette

• operazione ovvero se sono relative o meno a quel determinato

periodo. Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 57

La Competenza

Ricordiamoci che la competenza ha:

Significato di pertinenza, spettanza, ovvero dell’essere

– relativo ad un qualcosa e, quindi, ad un evento, ad una

situazione, ad un oggetto, etc.

Nel nostro caso, ad un periodo di tempo; in particolare, ai

– nostri fini, il significato assume valenza di “durata” della

manifestazione di un evento

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo Stanghellini 58

Massimo Innocenti per Prof. Lorenzo

Stanghellini


PAGINE

41

PESO

213.52 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Commerciale A, tenuto dal Prof. Lorenzo Stanghellini nell'anno accademico 2011.
Il documento riproduce le slides delle lezioni del Dott. Innocenti in tema di contabilità, in particolare: nozioni di economia aziendale, partita doppia, criteri di redazione del bilancio, cenni alle patologie del bilancio.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Commerciale A e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Stanghellini Lorenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto commerciale a

Impresa e imprenditore
Dispensa
Società per azioni
Dispensa
Società semplice
Dispensa
Società di persone - Parte prima
Dispensa