Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

A , B

LCUNI TESTI SU ESSERE UNO E BENE IN OEZIO

[1] Conuincitur etiam hac quoque ratione id quod dicimus, ens praedicamentorum genus esse non posse.

unius enim rei duo genera esse non possunt, nisi alterum alteri subiciatur, ut hominis genus est animal atque

animatum, cum animal animato uelut species supponatur. at si duo sint sibimet ita aequalia, ut numquam

alterum alteri supponatur, haec utraque eidem speciei genera esse non possunt. ens igitur atque unum

neutrum neutri supponitur; neque enim unius dicere possumus genus ens nec eius quod dicimus ens,

unum. nam quod dicimus ens, unum est et quod unum dicitur, ens est; genus autem et species sibi

minime convertuntur. si igitur praedicatur ens de omnibus praedicamentis, praedicatur etiam unum.

nam substantia unum est, qualitas unum est, quantitas unum et ceteraque ad hunc modum. si igitur quoniam

esse de omnibus praedicatur, omnia genus erit, et unum, quoniam de omnibus praedicatur, erit omnium

genus. sed unum atque ens, ut demonstratum est, minime alterum alteri praeponitur; duo igitur aequalia

singulorum praedicamentorum genera sunt, quod fieri non potest. (B , Comm. Isagoge, ed. secunda,

OETHIUS

ed. Brandt, p. 223; PL 64, 110).

[1] … L'ente e l'uno non si pongono l'uno al di sotto dell'altro <come una specie rispetto ad un genere>;

infatti non possiamo dire che l'ente è genere dell'uno né che l'uno è genere dell'ente. Infatti ciò che diciamo

<essere> un ente è uno e ciò che diciamo <essere> uno è un ente; ma il genere e la specie non si convertono.

Dunque se l'ente si predica di tutte le categorie, anche l'uno si predica di tutte le categorie…

[2] Genera et species aut sunt atque subsistunt aut intellectu et sola cogitatione formantur, sed genera et

species esse non possunt. hoc autem ex his intellegitur. omne enim quod commune est uno tempore

pluribus, id unum esse non poterit. multorum enim est quod commune est, praesertim cum una

eademque res in multis uno tempore tota sit. quantaecunque enim sunt species, in omnibus genus unum est,

non quod de eo singulae species quasi partes aliquas carpant, sed singulae uno tempore totum genus habeant.

quo fit ut totum genus in pluribus singulis uno tempore positum unum esse non possit; neque enim fieri

potest ut, cum in pluribus totum uno sit tempore, in semet ipso sit unum 161/162 numero. quod si ita est,

unum quiddam genus esse non poterit, quo fit ut omnino nihil sit; omne enim quod est, idcirco est,

quia unum est. et de specie idem conuenit dici. (B , Comm. Isagoge, ed. secunda, ed. Brandt, p. 161;

OETHIUS

PL 64, 83B).

[2] … I generi e le specie non possono essere. Ciò si intende nel seguente modo. Tutto ciò che è comune in

uno stesso momento a molti non può essere uno. Infatti ciò che è comune appartiene a molti … Se le cose

stanno così, il genere non può essere uno, e per questo non può essere affatto; infatti tutto ciò che è, è in

quanto è uno. …

[3] Nihil igitur unum, secundum Nestorium, Christus est ac per hoc omnino nihil. Quod enim non est

unum, nec esse omnino potest; esse enim atque unum convertitur et quodcumque unum est, est. Etiam

ea quae ex pluribus coniunguntur, ut acervus, chorus, unum tamen sunt. Sed esse Christum manifeste ac

veraciter confitemur; unum igitur esse dicimus Christum. Quod si ita est, unam quoque Christi sine

dubitatione personam esse necesse est (B , Contra Euthychen et Nestorium 4, ed. C. M , in

OEZIO ORESCHINI

B , De consolatione Philosophiae. Opuscula theologica, München - Leipzig, Saur, 2000 (Bibliotheca

OETHIUS

Teubneriana), pp. 3-162, p. 220, ll. 296 – 304).

[3] … Ciò che non è uno non può assolutamente essere; l'essere infatti e l'uno si convertono e tutto ciò che è

uno è … 1


PAGINE

2

PESO

58.10 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Storia della filosofia medievale, tenute dalla Prof.ssa Luisa Valente nell'anno accademico 2011 e consiste in una selezione di passi di Severino Boezio dal Commento all'Isagoge di Porfirio e dalla Consolatio su essere, essere uno ed essere buono.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della filosofia medievale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Valente Luisa.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della filosofia medievale

Boezio - De hebdomadibus
Dispensa
Agostino - La Città di Dio (VIII, 4-12)
Dispensa
Agostino - De Civitate Dei (VIII, 6,11)
Dispensa
Crisi delle certezze - Tesina
Appunto