Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

c

o m

p o s

t i c

h i m

i c

i

È da tenere presente che gli a n a l i t i (c )

v a r

i a z

i o n i f i s

i o l o g i

c

h e, in

dell’organismo sono soggetti a

relazione a numerosi fattori e condizioni sia intrinseci sia

estrinseci all’individuo.

VARIABILITA’ BIOLOGICA

*Variabilità intraindividuale: a carico dello stesso individuo

Fonti principali: Ritmi circadiani

Dieta

Gravidanza

Periodo mestruale

** Variabilità interindividuale: tra individui diversi

Fonti principali: Sesso

Età

Razza

Massa corporea

Fumo

Alcol

Farmaci

3 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10

Per evitare quindi di non riconoscere variazioni del dato analitico,

causate da processi morbosi, a causa della variabilità dovuta ai fattori

sopra ricordati, si impone il c o

n

f r o n

t o del v a l o

r e o s

s

e r v a t o con i

v a l o r i r i s

c o n

t r a

t i in una p

o p

o l a z

i o n

e con caratteristiche fisiologiche

omogenee rispetto all’

i n

d

i v i d

u

o i n e s

a m e. In maniera arbitraria, e

senza tenere conto del tipo particolare di parametro preso in esame,

si definisce l'

i n t e

r v

a

l l o d i r

i

f e

r

i m

e

n t o: l ’ i n

t e

r v

a

l l o n e

l q u

a

l e r

i e

n t r

a i l

9

5 % d e

i v

a

l o r

i d i u n a p

o p o

l a

z i o n e a

p p a

r

e

n t e

m

e

n t e

“ s

a

n a

” .

Il 2 , 5 % d

e i v

a l o

r i al di fuori del l i m

i t

e s u

p

e r i o

r e e del l i m

i t

e i n

f

e r i o

r e

dell’ambito di i n t

e r v

a l l o d

i r i f

e r i m

e n t

o; questi valori estremi sono

considerati “sospetti” e la ripetizione della determinazione analitica

può eventualmente consentire una migliore classificazione, come

conseguenza dello spostamento delle repliche verso la m

e d

i a

a n

a l i t

i c a.

4 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10

C - f s C C + f s

N N

D P

D P N = n

e g

a t i

v

o

N

D = n

e g a t

i

v o d

u

b

b

i o

P = p

o s

i t

i v

o

P

D = p

o s

i t i

v

o d

u

b

b

i

o

C = c u

t - o f f p

o

i n

t

s = v

a r

i

a z i

o n

e a n

a l

i t

i c a t

o t

a l

e ( C

V

)

f = f a t

t

o r

e a m

p l i f i c

a z

i o n e i n t

e

r

v a l l o

1 2 3 4

Z

o n

a g r i

g i

a

Per fare questo è necessario definire in senso assoluto

il c

o n c

e

t t o d i

s

a l u t e, che, in realtà, oltre che essere definibile s

o l o i n

s

e

n s

o n e

g a t i v o,

ovverosia come a s

s e

n z

a d i m

a l a t t i a , s

e

n z

a a l c

u n

c

a r

a t t e

r

e p o s i t i v o che ne consenta l’identificazione, è un

concetto ideale e davvero raro se interpretato secondo la

definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità,

che include in esso, oltre che l’assenza di malattie, anche

uno: s t a

t o d i c

o m

p l

e

t o b e

n e

s s e

r

e f i

s i

c

o , p s i

c

h i

c

o e s

o c

i

a l

e.

5 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10

V

A

R I

A

N Z

A P A

R

A

M E T R

I

C A d e

l l a m

i s

u r

a e

f f e

t t u a t a

V

A R

I

A N Z A B I O

L O G

I C

A

= +

V

A

R

I

A N Z A A

N

A L I

T I C

A

σ σ σ

σ σ σ

2 2 2

2 2 2

= +

P A R B I O L A N A L

P A R B I O L A N A L

Variabilità preanalitica o intervallo di riferimento???

e

v

o l u z i o n e

La continua e

v

o l u z i o n e della tecnologia analitica nel campo

c

h i m

i

c

a c

l i n i c

a e

r

r

o r e

della bioc

h i m

i

c

a c

l i n i c

a ha consentito di ridurre l’e

r

r

o r e

d e

l l a s

t i m

a m

a

t e

r

i a

l i

d e

l l a s

t i m

a

, nella misura di numerose grandezze nei m

a

t e

r

i a

l i

b i o l

o g i c

i

b i o l

o g i c

i

, a livelli impensabilmente bassi solo venticinque-

trenta anni addietro.

e

r

r

o r

e

Tale e

r

r

o r

e non è sempre talmente basso da risultare

insignificante ai fini della interpretazione di un dato che, in

v

a

r

i a

b i l i t à

aggiunta, è in ogni caso affetto anche dalla v

a

r

i a

b i l i t à

b i o l

o g i c

a

b i o l

o g i c

a

.

i n t e

r

p r

e

t a r

e u n d a

t o v

a r

i a b i l i t à

Per i n t e

r

p r

e

t a r

e u n d a

t o si deve tener conto della v

a r

i a b i l i t à

d a

t o a

n a

l i t

i c

o

del d a

t o a

n a

l i t

i c

o , e delle principali fonti di tale variabilità

6 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10

a

n a

l i t i c

a b i

o l o g

i c

a

(a

n a

l i t i c

a e b i

o l o g

i c

a

).

l

i

m

i

t i d e

c

i

s i

o

n a l

i

I sono comunemente impiegati nella medicina

clinica (esempi classici: valori di concentrazione di colesterolo

per la valutazione di rischio; valori di concentrazione di

glucosio per il riconoscimento di diabete mellito).

Ciò che fa la differenza è probabilmente la valutazione

“ i

n

t e

n s i

t

à d e

l s e

g n

a l

e

della , nonché della natura

probabilistica della associazione tra stima di un valore e

verificarsi della condizione indagata.

l

i

v e

l

l

o d i p r

o b

a b i

l

i

t à

Qual’ è il che si vuole di volta in volta

considerare per descrivere il grado di associazione tra

r

i

s u l

t a t

o d e

l

l

a m

i

s u r

a e

v e

n t o

ed ?

Fraser et al. suggeriscono di esprimere in termini descrittivi il

d i

f f e

r

e

n

t i l

i

v e

l

l

i d i

grado di associazione corrispondente ai

7 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10

p r

o b

a b i

l

i

t à :

0 ,

8 0 “ r

i

c

h i

a m

a r

e l

a t

t e

n z

i

o

n e

corrisponde a ;

0 ,

9 0 “ i

n

d u r

r

e a r

i

t e

n e

r

e

a ;

0 ,

9 5 “ i

n

d i

c

a

r

e o s

o l

l

e

c

i

t a r

e l

a v a r

i

a z

i

o n e d i t e

r

a p i

a

a

( o l

’ i

n t e

r

v e

n

t o

) ” ;

0 ,

9 9 “ c

o n

v i

n

c

e

r

e o p r

o

v

o c

a r

e l

’ i

n

t e

r

v e

n t

o ”

a .

p r

o

b a

b i

l

i

t à 0 ,

9 9

In altri termini, una superiore o uguale a

r

e

l

a z

i

o n e d e

t e

r

m

i

n i

s t i

c

a c

a u s

a l

e

implica una (o ) tra il valore

stimato e il verificarsi della condizione indagata, al disotto di

p

r

o b

a b i

l

i

t

à r

e

l

a z

i

o n e s

t o c

a s

t i

c

a

tale la si può considerare (o

c

a s u

a l

e ).

F A

T T O R

I C

H E I

N

F L U

E N Z

A N

O I V

A

L O R

I D

I R

I

F E R

I

M E N

T O

Tra essi possono essere inclusi, quali f a t t o r i di maggior importanza:

G e n

e t i

c i ( g

r u

p

p i s

a n

g u

i g n

i , f a t t

o r i e t n

i c i )

F i s

i o l o g i

c i ( e t à : p

r i m a i n

f a n

z

i a , e t à a v a n

z

a t a )

S

e s

s

o ( p

a r t i c o l a

r e c i c

l o m

e s

t r u

a l e )

8 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10

E c c e s

s

o d

i p

e s

o ( c o l e s

t e

r o l o

, t r

i

g l i c e

r i d

i )

M o d

a l i t à d

i p

r e

l i e v o ( o r a , g i o

r n

o e s

t a s

i )

P o s

t u

r a ( c a l

c i o

, p

r o t e i n

e

, c o l e s

t

e r o l o )

F a t t o r i e s

o g e n

i ( a b

i t u

d

i n

i a l i m e

n

t a r i , a t t

i v i t à f i

s

i c a e

p

r o f e s

s

i o n

a l e , a

b

i t u

d

i n

i v o l u

t t u a r i e - f u

m o , c a f

f è , e c

c . -

,

a l t i t u

d

i n

e , c l i m

a , c o n

t r a

c c

e t t i v

i , f a

r m a c

i … .

. )

Sarebbe utile che ogni laboratorio stabilisse i propri v

a l o r

i d

i

r

i f e

r

i m

e

n t o tenendo conto dei metodi analitici e del tipo di

popolazione servita dal laboratorio

.

Per i b

a m b

i n

i, gli ambiti dei v

a l o r i d

i r

i f e

r i m

e n

t o, cambiano

rapidamente nei primi giorni di vita (Es. glucosio, NEFA,

ceruloplasmina…).

I

N

T E R

V A

L L O D

I R

I

F E R

I

M E N

T O I

N N

E O N

A

T I

V

A

R

I A Z

I

O N

E N

E L T E M P O

P E R

I

O D

O T S

H ( m U

/ L ) T I

R

O S

I N

A

P E R

I

O D

O T S

H ( m U

/ L ) T I

R

O S

I N

A

( n

m o l / L )

( n

m o l / L )

0 - 24 ore 3 - 120 178 - 330

24 – 48 3 - 30 196 - 327

48 – 72 fino a 10 136 - 430

3 a 14 giorni fino a 8 sopra 120

2 - 4 settimane fino a 6 sopra 100

Adulti fino a 6 60 - 150

E F F E T T O G R

A

V

I

D A

N Z

A

88 - 236 Inizio gravidanza

U

R

A

T I

U

R

A

T I 90 - 220 Metà gravidanza

µ

µ

( m o l / L )

( m o l / L ) 126 - 304 Fine gravidanza

9 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10

144 - 315 non gravidanza

12 settimane

2,0 – 5,0

1,9 – 4,6 30 settimane

U

R

E A

U

R

E A 1,6- 4,7 38 settimane

( m m o l / L )

( m m o l / L ) 2,5 – 6,2 6 settimane post-parto

2,5 – 4,3 2° mese gravidanza

F O S

F A

T A

S

I

F O S

F A

T A

S

I °

4,8 – 10,5 6 mese gravidanza

A

L C

A

L I N

A

A

L C

A

L I N

A °

7.3 - 28.6 9 mese gravidanza

( U

n

i t à

( U

n

i t à 2,4 – 4,4 non gravidanza

B o d

a n

s k

y )

B o d

a n

s k

y )

10 C:\Documents and Settings\diego\Desktop\MEDICINA DI LABORATORIO (Medicina)\I VALORI DI RIFERIMENTO.doc 16/04/10


PAGINE

19

PESO

210.04 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di MEDICINA DI LABORATORIO dell'Università degli studi di Perugia riguardante i seguenti argomenti: i valori di riferimento della biochimica clinica; il concetto di intervallo di riferimento; la variabilità biologica; la teoria dei valori di riferimento; sensibilità clinica e specificità clinica.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - 6 anni) (PERUGIA, TERNI)
SSD:
Università: Perugia - Unipg
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di MEDICINA DI LABORATORIO e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Perugia - Unipg o del prof Tassi Carmelo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Medicina di laboratorio

Biochimica clinica - Metodiche principali
Dispensa
Enzimologia clinica
Dispensa
Test diagnostico - Valutazione
Dispensa
Radioterapia oncologica - Elementi
Dispensa