Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

  38  

Come  Achille  che  pratica  il  sacrificio  umano  per  onorare  la  memoria  di  Patroclo  o  

insultando  il  cadavere  di  Ettore  come  l’avrebbe  fatto  un  cane  randagio,  l’uomo  civile  può  

trasformarsi   per   un   istante   in   un   animale   selvaggio.   D’altronde,   la   gloria   trovata   nella  

morte,  in  occasione  di  gesta  eroiche  compiute  grazie  a  questo  potere  sovraumano,  può  

conferire   anche   all’eroe   omerico   una   forma   d’immortalità;   sia   che   il   suo   kléos   venga  

trattenuto   dal   canto   ripetuto   dall’aedo,   sia   che   si   comporti   come   Menelao   nell’Odissea,  

l’eroe  è  chiamato  ad  evitare  di  condividere  il  destino  di  un  Achille  o  di  un  Agamennone  

errante  simili  a  dei  fantasmi  nell’oscurità,  al  fine  di  conoscere  nei  Campi  Elisi  “la  via  più  

facile   che   gli   uomini   possono   conoscere”;   anche   per   coloro   che   hanno   oltrepassato   la  

soglia   della   mortalità   e   per   coloro   che   ormai   sono   rianimati   dai   dolci   soffi   dello   zefiro  

avvolti  in  un’eterna  primavera,  la  condizione  resta  quella  di  un   ànthropos .  

7

Nella   poesia   omerica,   il   genere   umano   non   è   un   dato   di   fatto.   Non   solo   esso   si  

costruisce   attraverso   l’azione   narrativa,   questo   è   evidente,   ma   all’interno   di   questa  

rappresentazione   dell’ordine   discorsivo   e   della   finzione,   la   condizione   umana   si   realizza  

grazie  a  pratiche  e  relazioni  provenienti  dalla  cultura.  Così,  dal  regime  alimentare  fino  ai  

metodi  di  comunicazione  tra  gli  uomini  e  con  gli  dei  definiscono  nella  poesia  omerica  la  

condizione   dell’uomo   civile,   l’insieme   dei   gesti   e   delle   abitudini   proviene   da   queste  

pratiche   “antropoetiche”   che   permettono   all’uomo   di   svilupparsi   dal   punto   di   vista  

sociale  in  un  essere  acculturato,  a  partire  da  una  costituzione  incompleta  e  soprattutto  a  

partire   da   capacità   neuronali   e   cerebrali   eccezionali   ma   soprattutto   plastiche:  

“antropopoiesi”   come   categoria   operativa   che   permette   di   mettere   a   confronto   nelle  

diverse   comunità   culturali   i   vari   modi   che   l’uomo   inventa   per   costituirsi   in   un   essere  

sociale   acculturato.   Nell’interazione   con   i   più   intimi,   queste   pratiche   costituiscono  

un’identità  di  tipo  organico,  collettivo  e  simbolico  esprimendosi  attraverso  una  serie  di  

rappresentazioni  condivise;  corrispondono  a  diverse  abitudini  il  cui  insieme,  instabile  e  

influenzabile   agli   insiemi   vicini,   viene   identificato   come   cultura:   civiltà   non   nel   senso  

universale   del   termine,   ma   come   insieme   di   rappresentazioni   e   di   pratiche   d’ordine  

relativo.   In   seno   alle   pratiche  di  civilizzazione  dei  Greci,  la  poesia  rappresenta,  nelle  sue  

differenti   forme   narrative,   uno   dei   mezzi   privilegiati   della   costruzione   collettiva   del  

genere   umano   come   essere   acculturato.   Le   recite   pubbliche   ritualizzate,   così   come   le  

performances   corali   accompagnate   dalla   danza   e   a   ritmo   di   musica,   danno   alle  

                                                                                                               

 Riguardo  al  futuro  di  felicità  immortale  promesso  da  Proteo  a  Menelao,  vedere  Omero,  Odissea  4.  561–569;  la  

7

doppia   possibilità   che   si   offre   all’eroe   omerico   tra   l’oscurità   dell’Ade   e   la   luce   dei   Campi   Elisi   sarà   l’oggetto  

dell’analisi  esaustiva  di  Sourvinou-­‐Inwood  1995,  p.10-­‐107.  

  39  

rappresentazioni  poetiche  e  simboliche  di  origine  culturale  un’efficacia  antropopoietica  

che  si  esprime  sul  piano  fisiologico,  estetico  ed  intellettuale.  

 

I  poeti  greci  non  si  limitano  quindi  a  concepire  e  descrivere  l’uomo  civilizzato  con  

il   racconto   di   eroi,   sovra   o   infra   umani.   Se   nella   poesia   omerica   questa   definizione  

antropopoetica  implicita  appare  in  sincronia,  il  genere  umano  viene  considerato  anche  

in  termini  diacronici  di  nascita.  Ma  paradossalmente,  solo  dei  racconti  mitologici  locali  o  

tardivi  mettono  in  scena  l’apparizione  di  un  primo  essere  umano.  Nella  tradizione  argiva  

è  Foroneo,  figlio  del  fiume  e  re  d’Argos  Inachos,  l’inventore  del  fuoco  (in  sostituzione  a  

Prometeo),  il  primo  ad  aver  riunito  gli  uomini  (di  già!)  in  comunità  che  prima  vivevano  

come  i  Ciclopi,  isolati  e  dispersi;  secondo  uno  storiografo  locale,  Foroneo  fu  il  primo  tra  

gli   uomini   a   creare   le   comunità   e,   secondo   un   poema   epico   argivo,   quest’uomo   fu   “il  

padre   degli   uomini   mortali”.   Dalla   parte   tessalica,   troviamo   Deucalione,   figlio   di  

Promoteo,   lo   sposo   di   Pirra,   figlia   di   Epimero   e   di   Pandora   (!)   che,   al   termine   del   diluvio  

voluto  da  Zeus  al  fine  di  distruggere  la  specie  degli  uomini  di  bronzo,  dà  vita  agli  uomini  

in   quanto   genere   umano:   ánthropoi   subito   divisi   in   ándres   nati   dai   sassi   gettati   da  

Deucalione,   e   in   gunaîkes   nati   da   pietre   lanciate   da   Pirra,   prima   che   la   coppia   eroica  

generasse   il   primo   figlio   chiamato   Elena,   l’eroina   eponima   della   Grecia.   In   una   storia  

ancora   troppo   centrata   sul   racconto   della   fondazione   di   una   città   specifica,   possiamo  

ricordare   la   nascita   di   Sparta,   dei   “Seminati”,   vale   a   dire   degli   uomini   che   nascono  

corazzati   dei   denti   del   dragone   ucciso   in   occasione   dell’operazione   civilizzatrice   di  

Cadmos   il   Fenizio   nella   zona   lacerata   della   futura   città   di   Tebe,   di   cui   cinque  

sopravvissuti   al   termine   di   un   primo   conflitto   saranno   considerati   dall’eroe   fondatore  

come  i  primi  cittadini  della  città.  

Qualunque   sia   il   metodo   di   realizzazione   locale,   la   creazione   dei   primi   esseri  

umani  parlanti  non  risale  ai  tempi  di  una  città  specifica,  ma  è  sempre  accompagnata  da  

un’azione   civilizzatrice   a   portata   politica:   sinecismo   ad   Argos,   eponimia   dell’Ellade   in  

Tessalia,   istituzione   della   cittadinanza   a   Tebe.   A   tutti   questi   racconti,   bisognerebbe  

aggiungere   i   “miti   d’autoctonia”;   ma,   dotato   dell’incarico   di   re   fondatore,   il   primo   essere  

umano  a  nascere  dall’entroterra  (che  egli  stesso  civilizzerà  e  dominerà)  ha  lo  statuto  di  

un  eroe  che  non  condivide  una  parte  della  sua  natura  con  un  serpente,  com’è  il  caso  di  

Cecrope,  il  primo  re  dell’Attica.  

 

 

  40  

Presentato   da   Erodoto   come   primo   poeta   teologo   della   Grecia   insieme   ad   Omero,  

Esiodo   non   inserisce   nella   sua   Teogonia   a   portata   panellenica   il   racconto   mitico   che  

descrive   la   creazione   del   genere   umano:   gli   umani   sembrano   essere   esistiti   da   sempre  

affianco   agli   dei.   Tuttavia   alcuni   episodi   inseriti   nel   racconto   teogonico   descrivono   le  

caratteristiche   dello   stato   di   uomo   mortale.   L’istituzione   di   Promoteo   e   di   Zeus   del  

sacrificio  sanguinante  stabilisce  ad  esempio  la  separazione  degli  “uomini  mortali”  dagli  

dei;   il   dono   del   fuoco   di   Promoteo   a   questi   uomini   mortali   diventerà   il   fuoco  

dell’artigianato   e   dell’alimentazione   civilizzata;   la   creazione   di   Pandora,   la   ragazza   la   cui  

creazione   artigiana   serve   per   arricchirla   di   grazie   seduttive   che   dividono   il   genere  

umano   in   uomini   mortali   da   una   parte   e   tribù   di   donne   dall’altra;   grazie   ad   una  

discendenza,  l’istituzione  implicita  del  matrimonio  permetterà  loro  di  mascherare  alcuni  

limiti  legati  alla  mortalità.  

Ma   esiste   un   racconto   di   Esiodo   che   definisce   con   più   precisione   la   creazione  

dell’uomo   in   quanto   essere   vivente   che   compensa   il   suo   essere   mortale   grazie   ai   suoi  

tratti   culturali.   Non   è   un   caso   che   il   racconto   delle   cinque   ere,   conosciuto   meglio   sotto   il  

nome   abusivo   di   “mito   delle   razze”,   serva   da   argomento   narrativo   non   tanto   allo  

schieramento   genealogico   della   Teogonia,   ma,   nei   “Lavori   e   i   Giorni”   serve   da   arringa  

dell’amministrazione   della   giustizia   nelle   città,   insieme   alla   produzione   armoniosa   ed  

abbondante   necessaria   per   assumere   pienamente   i   rischi   della   condizione   di   uomo  

mortale.  E’  compito  degli  dei  immortali  creare  il  primo   génos,  vale  a  dire  la  prima  specie  

umana   di   uomini   mortali   che,   esonerati   dai   lavori   agricoli   da   una   natura   generosa,  

godono  di  una  vita  gioiosa  simile  a  quella  degli  dei;  quando,  per  volontà  di  Zeus,  gli  dei  

scompaiono,  questi  primi  umani  diventeranno  i  guardiani  dei  mortali  sulla  terra.  Il  loro  

successore   sarà   il   clan   degli   uomini   d’argento   che   l’eccesso,   la   violenza   e   l’eresia  

scartano   dalla   condizione   umana   per   trasformarli   in   demoni   che   abitano   sotto   terra.  

Creati   dallo   stesso   Zeus,   gli   uomini   del   terzo   génos,   di   poco   migliori   rispetto   ai   loro  

predecessori   d’argento,   non   conoscono   il   pane,   al   contrario   sono   artigiani   di   armi   di  

bronzo   che   a   loro   volta   soccomberanno   ad   una   violenza   che   gli   si   ritorcerà   contro   fino   a  

farli   scomparire,   senza   lasciare   alcuna   traccia   nell’Ade.   Interviene   così   la   specie   degli  

eroi,   una   nuova   creazione   di   Zeus:   non   si   tratta   di   ánthropoi,   ma   di   ándres;   una   specie  

divina  che  per  questo  merita  la  denominazione  di  mezzi-­‐dei;  e  più  precisamente  si  tratta  

di   una   generazione   (geneé)   di   uomini   che,   in   quanto   protagonisti   della   guerra   contro  

Tebe  e  poi  della  guerra  di  Troia,  s’inserisce  ormai  nella  grande  storia  eroica  della  Grecia.  

 

  41  

Ormai   presa   in   considerazione   sia   dal   punto   di   vista   spaziale   che   temporale,  

questa   nuova   specie   umana   così   vicina   agli   dei   e   non   solamente   centrata   sull’Hellas   e  

sulla   relativa   storia   eroica,   riguarda   anche   la   specie   successiva,   quella   degli   uomini   di  

ferro,   alla   quale   appartiene   colui   che   canta   la   poesia;   è   reperibile   grazie   all’hic   e   nunc  

della   recitazione   musicale   dei   Lavori.   E’   l’epoca   delle   comunità   civiche   basate   sulle  

relazioni  sociali  che  devono  conformarsi  ai  principi  della  giustizia  stabilita  e  garantita  da  

Zeus;  è  l’epoca  delle  varie  attività  destinate  a  produrre  il  bíos  sottratto  agli  uomini  dagli  

dei   e   da   Zeus   irritato   dalla   falsità   di   Promoteo:   agricoltura,   artigianato,   commercio.   E  

nella   formula   narrativa   e   poetica,   il   principio   di   giustizia   garantito   dalla   divinità   che  

apporta   alle   comunità   degli   uomini   prosperità   materiale   e   politica,   è   dato   come   regola  

(nómos)   che   tutti   gli   uomini   devono   rispettare,   a   differenza   dei   pesci,   delle   bestie  

selvagge   e   degli   uccelli   “che   si   divorano   gli   uni   gli   altri   perché   tra   loro   non   esiste   un  

díke”.    

3. CIVILIZZAZIONE TECNICA E CIVICA IN FIERI  

           

  Oltre   a   tutti   gli   schemi   nei   quali   abbiamo   cercato   d’inserire   questo   racconto   della  

crescita   eterogenea   delle   specie   degli   umani   mortali,   l’inserimento   progressivo   delle  

specie  umane  in  una  storia  e  in  uno  spazio  che  finiscono  per  coincidere  con  il  luogo  della  

composizione   e   della   performance   della   poesia   che   la   canta,   tende   nuovamente   a   far  

corrispondere  il  genere  umano  con  la  comunità  civilizzata  e  la  civilizzazione  stessa  con  

la  cultura  greca!  

Colta   nella   sua   dimensione   storica   e   nella   sua   focalizzazione   spaziale,  

rappresentata   da   un   atto   poetico   e   grazie   alla   sua   dimensione   pragmatica,   la   condizione  

umana  è  strettamente  collegata  all’economia  e  al  tessuto  di  relazioni  sociali  e  religiose  di  

viventi   mortali   in   una   comunità   civica   ellenica;   lo   stereotipo   sarebbe   così   rappresentato  

dal  destinatario  delle  poesie  composte  da  Esiodo,  in  Beozia,  probabilmente  all’inizio  del  

VII   secolo   a.C..   Grazie   all’efficacia   dei   versi   poetici,   il   processo   narrativo   d’antropopoiesi,  

attraverso  la  successione  di  una  serie  di  famiglie  fino  all’età  di  ferro,  si  trasforma  in  un  

processo  di  creazione  del  genere  umano  per  la  comunità  attuale.  

 

Come   dal   punto   di   vista   narrativo   la   condizione   degli   eroi   immortali   nelle   isole  

dei   Beati   evoca   la   possibilità   di   una   liberazione   dalla   mortalità   e   di   una   vita   vicina  

all’epoca  degli  uomini  d’oro,  anche  dal  punto  di  vista  pragmatico  gli  appelli  lanciati  dal  

  42  

poeta   stesso   riguardanti   l’amministrazione   politica   della   giustizia   e   la   produzione  

economica,  contengono  la  speranza  di  una  buona  convivenza  con  gli  dei.  Caratterizzata  

da   uno   sviluppo   storico,   l’antropopoiesi,   secondo   il   modello   civile   e   civico   greco,   deve  

realizzarsi  attraverso  la  performance  poetica.  

 

All’origine,  gli  uomini  guardavano  senza  vedere,  

ascoltavano  senza  capire;  simili  a  delle  forme  di  sogno,  

passavano  la  loro  lunga  vita  nell’incertezza,  

non  avevano  case  costruite  su  mattoni  ed  esposte  al  sole,  

non  lavoravano  nel  bosco;  vivevano  nascosti  sotto  terra,  

simili  a  delle  formiche  agili,  nelle  profondità  delle  montagne  prive  di  luce.  

 

Poi   fu   il   turno   di   Prometeo   che   inventò   e   insegnò   agli   uomini   il   sorgere   e   il  

tramonto   degli   astri   al   fine   di   organizzare   al   meglio   il   lavoro   nei   campi,   le   arti  

mnemotecniche   come   l’aritmetica   e   la   scrittura   “memoria   di   tutte   le   cose”,   le   tecniche  

d’addomesticamento   degli   animali   per   fini   agricoli   e   per   il   trasporto   della   merce.   Ha  

insegnato  inoltre  numerose  ricette  mediche  per  curare  le  malattie  e  diversi  tipi  di  arte  

divina   –   l’interpretazione   dei   sogni   notturni,   l’ermeneutica   delle   parole   a   duplice  

significato,   l’interpretazione   delle   coincidenze,   la   lettura   del   volo   degli   uccelli,   il  

recupero  dei  presagi  iscritti  nelle  viscere  degli  animali  sacrificati  o  nel  fumo  della  carne  

consumata  sull’altare;  senza  contare  il  fuoco,  questo  maestro  di  “tecniche  numerose”  fu  

necessario  soprattutto  all’artigianato  per  sfruttare  al  meglio  le  risorse  siderurgiche  della  

terra.   Sono   queste   le   arti   che   l’eroe   Prometeo,   isolato   ai   confini   del   mondo   abitato,   si  

vanta   di   aver   apportato   agli   uomini   durante   la   lunga   sequela   della   tragedia   omonima,  

attribuita   a   Eschilo;   si   tratta   di   benefici   destinati   al   genere   umano   colto   nella   sua  

mortalità,   in   quanto   l’interpretazione   del   testo   tragico   oscilla   tra   ánthropoi   e   la  

qualificazione  di  “mortali”  (

brotoí  o   thnetoí).  

Le   diverse   arti   di   Promoteo   sono   considerate   come   artifici   (sophĺsmata)   e   come  

mezzi  ingegnosi  (mechanémata)  che  permettono  di  andare  oltre  una  situazione  statica,  

senza   via   d’uscita.   Non   solo   tutte   queste   tecniche   provengono   da   quest’intelligenza  

artigiana   di   cui   Efesto   l’artigiano   e   Atena   l’astuta   ne   sono   i   maestri   ad   Atene,   ma  

corrispondono   tutti   alle   letture   dei   segni;   dal   punto   di   vista   semiotico,   corrispondono  

alle   arti   d’interpretazione  riguardanti   sia   la   sopravvivenza   sia   la   previsione   di   un   futuro  

che  non  dipende  dagli  uomini.  Ciò  significa  che,  attraverso  la  previsione,  queste  tecniche  

  43  

semiotiche  ed  ermeneutiche  di  Prometeo,  permettono  all’uomo  di  controllare,  almeno  in  

parte,  i  rischi  dovuti  ai  cambiamenti  dell’avvenire,  a  cui  è  di  continuo  sottoposto;  questi  

cambiamenti  sono  rappresentati  ad  esempio  dalla  tragedia  attica;  costituiranno  inoltre  il  

centro   e   il   risultato   della   teoria   sviluppata   da   Aristotele   nella   sua   Poetica.   Definite   con   il  

termine   ophelémata,  queste  arti  benefiche  di  Prometeo  che  leggono  i  sistemi  dei  segni  si  

caratterizzano  per  la  loro  utilità  sociale;  basate  sull’interpretazione  dell’avvenire  e  sulle  

capacità  artigiane,  rendono  possibile  la  vita  civile  dei  mortali  nelle  comunità  che  Platone,  

riprendendo   la   leggenda   nel  Protagora,   situa   sotto   il   segno   della   politikè  tékhne,   vale   a  

dire  l’arte  politica  e  la  giustizia  civica.  

Così,   le   arti   interpretative   inventate   da   Prometeo   contribuiscono   ad   aprire   gli  

occhi   e   le   orecchie   agli   uomini   mortali;   in   un   stato   iniziale   di   non   vedenti   e   di  

conseguenza   in   uno   stato   d’incompletezza   in   quanto   incapaci   di   sfruttare   le   proprie  

capacità  percettive,  i  diversi  saperi  indicati  da  Prometeo  danno  agli  uomini  una  sorta  di  

chiaroveggenza  che  permette  loro  di  intravedere  la  propria  condizione  di  esseri  mortali.  

Il   Prometeo   d’Eschilo   rende   partecipe   gli   uomini   di   un   processo   di   antropopoiesi   di   tipo  

ermeneutico,  come  solo  i  Greci,  maestri  dell’interpretazione  degli  oracoli  e  dei  racconti  a  

doppio  significato,  potevano  concepirlo;  per  arrivare  non  solo  ad  una  rappresentazione  

greca   della   civilizzazione   degli   uomini,   ma   anche   ad   una   visione   “atenecentrata”.  

Incatenato   alla   roccia   rappresentata   sulla   scena   attica   e   riferendosi   indirettamente   al  

pubblico  ateniese,  Prometeo  si  esprime  di  fronte  al  potere  discrezionale  di  Zeus  come  un  

sofista   davanti   la   lettera.   Si   tratta   di   una   rappresentazione   della   creazione   tecnica  

dell’uomo   inserita   in   un   processo   storico   a   partire   da   un   primo   stadio,   cioè   da   una  

rappresentazione   che   si   realizza   attraverso   i   versi   poetici   con   un’efficacia   pragmatica  

propria  del  rituale  drammatico  ateniese.  

Senza  dubbio,  non  è  un  caso  se  Eschilo  stesso,  come  Aristofane  lo  mette  in  scena  

nella   commedia   Rane,   attribuisce   alle   quattro   grandi   figure   greche   dei   poeti   fondatori  

una  serie  di  arti  tecniche  relative  alla  lettura  dei  segni  e  al  benessere  umano,  ancora  in  

una  prospettiva  storica:  

  Esamina  –  dice  Eschilo  a  Dionisio,  il  Dio  del  teatro  –  quanto,  fin  dall’inizio,  si  sono  rivelati  utili  

(ophélimoi)  i  più  nobili  poeti;  

Orfeo  perché  ci  ha  insegnato  i  riti  iniziatici  e  l’odio  per  gli  omicidi,  

Musa  la  guarigione  di  malattie  e  oracoli,  

Esiodo  i  lavori  della  terra,  le  stagioni  dei  frutti  e  dell’aratura,  

  44  

il  divino  Omero  infine  (…)  per  gli  ordini  in  battaglia,  i  valori,  l’armatura  degli  uomini.  

 

Il  retore  e  sofista  Prometeo  viene  sostituito  quindi,  in  questa  concezione  di  educazione  

civica  della  poesia  e  delle  arti  delle  Muse,  dai  poeti  fondatori  della  cultura  ellenica  al  fine  

di   dare   agli   uomini   le   conoscenze   della   civilizzazione:   gli   uomini   sono   oramai   da  

identificare  con  il  gruppo  di  cittadini  ateniesi  ai  quali  si  rivolgono  solo  i  poeti  comici  e  

tragici  della  seconda  metà  del  V  secolo!  

 

4. TRATTI DISTINTIVI DEL GENERE UMANO: QUALITA’ INTELLETTUALI  

             

  Ma  numerosi  testi  risalenti  alla  stessa  epoca  ci  invitano  a  riprendere  la  domanda  

relativa  alla  definizione  dell’uomo  in  quanto  essere  umano.  

“Che   cos’è   l’uomo?”.   Questa   è   la   domanda   preliminare   a   qualunque   indagine   sulla  

natura  secondo  l’autore  dell’Antica  medicina.  Secondo  la  concezione  d’Ippocrate  di  una  

phúsis   antropocentrata,   l’uomo   si   definisce   non   solo   per   la   sua   costituzione,   ma   anche  

per   le   cause   da   cui   deriva   la   sua   composizione   organica;   per   un   organismo   il   cui  

equilibrio   e   l’efficacia   dipendono   dal   giusto   miscuglio   di   umori   e   qualità   fondamentali  

(secco/umido,  freddo/caldo),  la  dieta  alimentare  risulta  essenziale  in  quanto  determina  

la   comunicazione   e   l’interazione   tra   il   sistema   organico   interno   e   l’ambiente   circostante.  

Questa   rappresentazione   della   fisiologia   propria   dell’uomo,   in   una   prospettiva  

antropopoietica,   è   stata   confermata   per   tutti   gli   esseri   viventi,   indipendentemente   dal  

loro   sesso   e   dal   loro   status   sociale.   In   un   altro   trattato   dell’epoca,   questa   costituzione  

fisiologica  dell’uomo  viene  messa  in  relazione  con  le  qualità  corrispondenti  all’ambiente;  

ne  risulta  una  concezione  climatica  della  natura  umana  il  cui  miscuglio  organico  di  base,  

vale   a   dire   la   costituzione   morfologica   e   le   predisposizioni   morali,   variano   in   base  

all’esposizione   dei   venti   e   la   qualità   delle   acque   proprie   dell’habitat   delle   varie   città   e  

delle  comunità  etniche  che  compongono  il  genere  umano.  

 

 

 

 

 

 

  45  

Ma  al  di  là  di  questa  concezione  fisiologica,  medica  e  morale  dell’uomo  concepita  

dalla  composizione  umorale  e  qualitativa  dell’organismo,  i  saggi  e  pensatori  della  natura  

che   hanno   preceduto   Socrate   cercano   di   definire   la   specificità   dell’uomo.   Attraverso   il  

trattato  che  Aristotele  dedica  alle  parti  degli  animali,  sappiamo  ad  esempio  che,  secondo  

Anassagora,  l’essere  umano  si  distingue  dagli  altri  esseri  viventi  grazie  ad  un’intelligenza  

che  dipende  dalle  sue  due  mani.  Cercando  di  capovolgere  questa  relazione  e  di  mostrare  

che   è   l’intelligenza   dell’uomo   a   permettergli   di   usare   le   mani,   Aristotele   aggiunge   che  

l’uomo   deve   alla   natura   ortostatica   l’uso   delle   mani   come   strumento;   uno   strumento  

multifunzionale,  come  la  creazione  delle  arti  tecniche.  E  conclude:    

 

Poiché   l’essere   più   intelligente   è   capace   di   usare   gli   attrezzi   più   diversi   e   la   mano   non  

corrisponde  ad  uno  solo,  ma  a  numerosi  strumenti  (…).  E’  dunque  all’essere  suscettibile  di  ricevere  

le   tecniche   più   diverse   che   la   natura   (he   phúsis)   ha   dato   la   mano,   del   resto   la   più   utile   tra   gli  

strumenti.    

 

Se   riflettiamo   in   termini   di   utilità   in   relazione   all’intelligenza   che   caratterizza  

l’uomo,   le   tecniche   strumentali   risultano   incapaci   di   coprire   il   deficit   dell’uomo,  

quest’ultimo   considerato   come   il   più   sprovvisto   tra   gli   animali.   Aristotele   illustra   la  

propria  opinione  sull’incompletezza  costitutiva  dell’essere  umano  prendendo  d’esempio  

i   prodotti   artigiani   come   le   scarpe   e   le   armi;   si   tratta   di   mezzi   versatili   di   cui   l’uomo  

dispone   per   spostarsi   e   difendersi,   mentre   gli   altri   animali   sono   legati   a   mezzi   univoci  

dati  dalla  natura.  

Se,   secondo   Aristotele,   Anassagora   di   Clazomene   distinguesse   l’intelligenza  

pratica  dell’uomo  in  termini  di  phroneîn,  riflessione  prudente  fondata  su  un  sentimento  

fondato   e   presenza   di   temperamento,   il   suo   collega   Alcmeone   di   Crotone   definirebbe  

l’essere   umano   grazie   alla   capacità   di   comprensione:   l’uomo   “coglie”   (xuníesi),   a  

differenza  degli  altri  esseri  viventi  che  percepiscono  senza  comprendere.  

L’attenzione   e   la   coscienza   oltrepassano   la   semplice   percezione;   anche   per  

Eschileo   –   come   abbiamo   segnalato   -­‐,   le   capacità   sensoriali   di   cui   dispongono   gli   uomini  

avevano   solo   un   ruolo   passivo   prima   che   Prometeo   inventasse   le   arti   semiotiche   e  

interpretative.   L’uomo   si   distinguerebbe   quindi   grazie   a   questa   forma   d’intelligenza  

pratica,   la   súnesis,   che   per   Tucidide   è   quella   dei   grandi   uomini   politici   ateniesi,   come  

Temistocle  e  Pericle,  ma  anche  dell’eroe  Teseo.  

 


PAGINE

18

PESO

178.47 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze dell'antichità: archeologia, storia, letterature
SSD:
Università: Udine - Uniud
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher jessicabortuzzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Antropologia della Grecia antica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Udine - Uniud o del prof Pellizer Ezio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Antropologia della grecia antica

Riassunto esame Antropologia della Grecia Antica, prof. Pellizer, libro consigliato Contro le Radici, Bettini
Appunto
Antropologia della Grecia antica - Fabrications grecques de l'humain
Dispensa
Riassunto esame Antropologia della Grecia Antica, prof. Pellizer, libro consigliato Comparare i Romani, Bettini
Appunto
Le basi documentarie della storia antica, Crawford - Appunti
Appunto