Test d'ingresso ad Aprile: io non lo sapevo...

la maggior parte degli studenti ad inizio anno scolastico non sapeva che i test d'ingresso per l'università si sarebbero svolti ad Aprile

In questi mesi prevedere il calendario sui test d’ingresso è stata più una faccenda da indovini. Ci sono stati continui cambiamenti che sicuramente hanno disorientato gli studenti: Profumo li ha messi a Luglio, Carrozza li ha riportati a Settembre e infine, per il futuro, li ha sistemati ad Aprile. Tuttavia la certezza dell’ufficialità è arrivata nel bel mezzo delle vacanze di Natale, in un momento critico per le quinte superiori alle prese con la fine del primo quadrimestre e l’inizio del secondo e decisivo periodo. Quasi il 60% di quelli che parteciperanno ai test d’ingresso la prossima settimana ha realizzato solo quando è arrivato l’annuncio ufficiale che i test non avrebbero avuto la classica collocazione settembrina. Questo è uno dei dati del sondaggio online realizzato da Skuola.net per dare voce agli studenti impegnati con i test d’ingresso la prossima settimana.

CONSULTA TUTTE LE RISORSE UTILI PER PASSARE I TEST D'INGRESSO

GLI STUDENTI NON SAPEVANO – Insomma la maggioranza delle future matricole non ha preso troppo sul serio le voci che si rincorrevano dall’inizio dell’anno. Il Ministro Carrozza, in una videochat in diretta proprio su Skuola.net a metà Ottobre, aveva confermato che gli studenti avrebbero fatto bene ad evidenziare nel proprio calendario il mese di Aprile. Della serie a buon intenditore poche parole. E infatti poco meno del 40% di quelli che prenderanno parte ai test d’ingresso la prossima settimana ha dato per buone queste dichiarazioni senza attendere il decreto ufficiale.

PREPARAZIONE IN RITARDO – Così solo uno studente su tre ha iniziato la sua preparazione in vista dei test nei primi mesi dell’anno scolastico. Quelli che invece sono rimasti sorpresi, sono stati costretti a rincorrere gli eventi. Infatti 30% degli studenti intervistati ha iniziato a studiare solo da qualche giorno, il 10% da un paio di settimane e il 13% circa da un mese. Non necessariamente questi ultimi sono privi di buona volontà: il periodo centrale dell’anno è uno dei più impegnativi per una quinta superiore, e la quasi totalità dei docenti non ha minimamente cercato di aiutare quelli che erano impegnati su due fronti.

TRA STUDIO E PAURE – Le materie che stanno togliendo il sonno a quelli che sono impegnati nella preparazione del test sono matematica, fisica, logica e chimica. Per esorcizzare le paure lo strumento di preparazione preferito è quello dei libri di testo specifici, per il 45% di voi, seguito dalle simulazioni online per il 30% e infine dai corsi per il 10%.

E’ LA GRADUATORIA NAZIONALE BELLEZZA - Tuttavia per raggiungere il sogno molti sono disposti a trasferirsi in qualsiasi città dello Stivale in cui ci siano posti disponibili. Grazie alla graduatoria nazionale, quasi uno su tre ha deciso infatti di concorrere per le assegnazioni in sedi universitarie ubicate in città diverse, mentre uno su cinque addirittura si è reso disponibile ad andare in tutte le sedi possibili pur di aumentare le proprie probabilità d’ingresso.

UNIVERSITA' CON STRISCE BLU - Se non dovesse andare bene, il 70% è disposto a ritentare il prossimo anno: la gran parte di questi si “parcheggerà” all’università in attesa della seconda chance. Un non trascurabile 17% si dichiara disposto ad andare all’estero a lavorare o studiare, mentre il 13% circa percorrerà la stessa strada ma in Italia.


Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta