Teen's Voice: ragazzi che sognano un lavoro stabile e amano 'La Vita è Bella'

Andrea Carlino
Di Andrea Carlino

giovani

Aspirazioni, progetti, ideali dei giovani. Questo è il tema della ricerca condotta dall'Università "La Sapienza di Roma" e Campus Orienta/Il Salone dello Studente. Lo studio fotografa un momento importante della vita dei giovani, la conclusione della scuola superiore e la preparazione all’esame di maturità e alle scelte che ne derivano.
La ricerca ha permesso di indagare sui temi relativi a Atteggiamenti, Valori, Aspettative e Miti dei ragazzi e si è svolta presso gli stand espositivi del Salone dello studente di Torino, Bari, Lamezia Terme, Pescara, Roma, Catania, Monza, Napoli, Milano, Firenze e Rimini. Al questionario hanno risposto 2041 studenti.
In un'epoca di grandi incertezze anche i "miti" dei ragazzi sono sempre più fragili. Le risposte evidenziano una gioventù che, nell’insieme, testimonia di credere nei valori della solidarietà e della giustizia, dell’apertura verso le differenze, della conoscenza e dell’impegno, che chiede di essere giudicata in funzione della qualità del lavoro che è in grado di realizzare e augura una società in cui la correttezza sia più apprezzata delle raccomandazioni. La voce dei giovani chiede democrazia, giustizia, rispetto delle regole e delle differenze, opportunità di far valere il proprio impegno e le proprie capacità.

Le ragazze sono più "ottimiste" rispetto ai ragazzi: tendono a preferire valori altruistici, pro sociali e legati alla tutela dei diritti, mostrano un maggiore desiderio di trovare un equilibrio tra lavoro e vita familiare, mentre i maschi tendono a fare scelte maggiormente individualistiche.

Nord, centro e sud

Dal punto di vista geografico gli studenti delle regioni del Nord tendono a riconoscere un ruolo maggiore alla furbizia, all’importanza di conoscere persone influenti per essere aiutati e si mostrano leggermente più disponibili ad assecondare i propri superiori e far compromessi.
Nel Centro Italia, gli studenti si distinguono nel difendere con maggiore forza i valori dell’equità e della giustizia sociale e insistono di più sull’importanza dello studio Sono invece meno interessati a raggiungere posti di potere rispetto ai ragazzi delle altre due macro aree.
Al Sud, emerge il problema dell’ottenere un posto di lavoro. In particolare nelle regioni del meridione, gli studenti si aspettano che l’università possa facilitare loro l’inserimento lavorativo e il raggiungimento di uno stipendio adeguato e tendono a dare più importanza ai titoli raggiunti.

Poca fiducia nelle istituzioni

In generale, però, sia le ragazze che i ragazzi hanno scarsissima fiducia nelle istituzioni: poco o per niente nel governo (89,9%), in un partito politico (84,8%), nella televisione (75,3%), nella Chiesa (65,2%), nei giornali (64,1%), nella politica europea (61%), negli esperti di economia (46,4%). Nessuno dei principali personaggi famosi a cui i giovani fanno riferimento è vivente: vengono tutti da un passato più o meno recente. Sono nell’ordine Nelson Mandela (2%), Rita Levi Montalcini (1,6%), Martin Luther King (1,4%), il Mahatma Gandhi (1,2%), Albert Einstein (0,9%), Leonardo da Vinci (0,8%), Giovanni Falcone (0,8%) e Steve Jobs (0,8%). Il personaggio più scelto dai maschi è Steve Jobs, mentre il personaggio più scelto dalle ragazze è Rita Levi Montalcini.

Tra lavoro, scuola e cultura

Il 64% cerca un lavoro che permetta di essere autonomi, il 61% vuole che sia stabile e si svolga in un ambiente confortevole, mentre il 62% desidera che lasci tempo libero, in particolare per la famiglia. Inoltre, un po' a sorpresa, la scuola rimane un importante agente formativo. I professori rimangono tra i modelli da seguire e spesso gli studenti indicano libri e film che spesso hanno conosciuto sui banchi di scuola come 1984 di George Orwell o Se questo è un uomo di Primo Levi (al secondo e al terzo posto dopo Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry) e come La vita è bella di Roberto Benigni. Dunque una generazione che chiede impegno per costruire una società all’altezza delle loro (grandi) aspettative.

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta