Istituti professionali: orientati al lavoro

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

perchè scegliere un istituto professionale?

Dallo scorso 3 febbraio, tutti gli studenti di terza media possono inserire la loro iscrizione online alle scuole superiori. Le domande pervenute alle scuole sono già oltre 500mila, ma purtroppo ad oggi è ancora alto il numero di studenti che non hanno idea dell’istituto da frequentare l’anno prossimo. Per questo, Skuola.net vuole darvi una mano orientandovi verso la scelta giusta. Nei giorni scorsi abbiamo parlato di licei ed istituti tecnici e questa è la volta degli istituti professionali.

LO SCELGONO GLI SCANSAFATICHE? FALSO

- Innanzitutto, smentiamo il luogo comune per il quale a scegliere un istituto professionale sarebbe solo chi non ha voglia di fare nulla. Chi avesse pensato di sceglierne uno per questo motivo, si sta sbagliando di grosso. Infatti, gli istituti professionali aiutano i ragazzi ad imparare un mestiere spianando loro la strada per l’ingresso nel mondo del lavoro. Si può scegliere un indirizzo professionale nel caso in cui non si abbia intenzione di continuare i propri studi post diploma, ma si abbia voglia di mettere già da subito le mani in pasta per lavorare il prima possibile.

DAI PROFESSIONALI GLI INTROVABILI 2013

- E, nonostante la crisi che da diversi anni a questa parte sta prendendo di mira i giovani alle prese con la ricerca di un impiego, sono proprio i ragazzi con un diploma di un istituto professionale, ad essere cercati di più dalle aziende. Tanto che nel 2013 ci sono state una serie di professioni per cui dovrebbero essere formati i diplomati professionali che sono state definite introvabili. In particolar modo, stando al rapporto Exclesior Unioncamere di fine anno, facevano riferimento alle professioni di:

- Assistente socio-sanitario;
- il riparatore di macchinari e impianti;
- il meccanico riparatore di auto;
- l'addetto alle vendite all'ingrosso;
- l'assistente alla poltrona;
- il cuoco.

PROFESSIONALE, QUESTO SCONOSCIUTO

- Ma cosa sono e a cosa servono gli istituti professionali? Secondo il Regolamento recante le norme concernenti il riordino degli Istituti professionali, questi articolano i percorsi di studio in due settori, il settore dei servizi e il settore industria e artigianato, ed ogni settore è poi suddiviso in indirizzi specifici. Ogni percorso ha una durata di cinque anni suddivisi in due bienni e un quinto anno. In base a quanto espressamente indicato nel Regolamento: “I percorsi degli istituti professionali hanno l'obiettivo di far acquisire agli studenti competenze basate sull’integrazione tra i saperi tecnico-professionali e i saperi linguistici e storico-sociali”, necessari ad assumere ruoli tecnici operativi in specifici settori produttivi e di servizio. Gli istituti professionali sono così articolati:

SETTORE SERVIZI



- servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera;
- servizi socio – sanitari;
- servizi commerciali;
- servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale.

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO



- manutenzione e assistenza tecnica;
- produzioni industriali e artigianali.

E tu hai deciso cosa fare dopo la terza media?

Serena Rosticci

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta