Il Natale resta a scuola: il 56% dice sì ai simboli

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

foto di Natale a scuola

Nessuno vi tocchi il Natale. Ma nemmeno la Pasqua, il crocifisso e compagnia bella. Siete diventati tutti santi? Probabilmente no, ma forse attaccati a quella che è la nostra storia sì, può essere. Tanto che il 56% di voi non è disposto a rinunciarci. Per cui niente Festa d’Inverno, tanto meno a gennaio. Che il Natale resti a scuola con albero, lucine e presepe. È quanto avete fatto emergere in una recente indagine di Skuola.net su un campione di circa 2200 studenti di scuole medie e superiori.

IL PRESEPE NON VI OFFENDE - Questo senza contare che esiste un 25% di voi cui questo tipo di decisioni non fa né caldo, né freddo. Insomma, buona parte degli studenti non sono particolarmente legati alla capanna con il Bambinello nel periodo natalizio, ma nemmeno si sentono offesi dalla sua presenza nell’androne della scuola.

POCHI TOGLIEREBBERO I SIMBOLI DALLA SCUOLA - Fortuna che gli alunni della scuola di Rozzano sono dei bambini, ci verrebbe da dire. Cosa sarebbe successo se l’idea del dirigente scolastico di questa elementare fosse venuta a uno di una scuola media o superiore? Probabilmente a farsi sentire non sarebbe stato solo qualche politico, ma anche gli studenti stessi. Perché a concordare con la volontà di abolire dalla scuola tutti i simboli religiosi è solo il 15% dei ragazzi a cui va aggiunto un misero 3% di chi vorrebbe anche eliminare feste quali il Natale e la Pasqua.

Nella scuola italiana i simboli religiosi ci sono sempre stati – dichiara Daniele Grassucci, admin di Skuola.net - Possiamo dire che forse gli studenti non se ne sono mai curati tanto, anzi che la costante secolarizzazione della società ha fatto sì che quei medesimi simboli siano stati trascurati. Poi, però, è arrivata la ‘questione’ delle altre religioni, soprattutto di quella islamica, e mentre i nostri erano (sono) dei cristiani spesso solo “sociologici”, i ragazzi musulmani si sono configurati come una presenza assai consapevole della loro identità di fede. Era inevitabile che il debole (noi) e il forte (loro) entrassero in dialettica. Vogliamo andare avanti così, a colpi e contraccolpi? Da qui la nostra sommessa proposta: invece di togliere simboli religiosi, perché non aggiungerne?

Serena Rosticci

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta