Scuola affollata, laboratori usati come aule: studenti in rivolta

Marcello G.
Di Marcello G.

gioia tauro laboratori usati come aule
Succede all’istituto tecnico Severi-Guerrisi di Gioia Tauro, in Calabria. Alcune settimane fa era stata promessa una nuova sede. Ma i ritardi e la decisione del preside di utilizzare i laboratori per la normale didattica hanno scatenato la sommossa.

Recentemente si è parlato molto di lezioni che saltano per l’assenza dei professori, non ancora assegnati alle diverse classi. Stavolta, invece, a mancare sono le aule, rendendo praticamente impossibile svolgere la didattica. Così studenti e genitori, assieme, hanno pensato di manifestare pubblicamente contro la propria scuola. È accaduto a Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria, nell’istituto tecnico Severi-Guerrisi, un polo che ospita circa 1500 studenti. Lo riporta il sito InquietoNotizie.it.

Scopri la guida alle proteste di Skuola.net

Troppi studenti e poche aule

Qui, da mesi, le famiglie lamentano l’assenza di strutture adeguate per garantire lo svolgimento di tutte le lezioni. Solo quest’anno sono ben 17 le prime classi che, però, hanno di fatto iniziato l’anno senza una propria aula. Nonostante l’istituto abbia già due sedi distaccate.
A settembre il preside aveva rassicurato studenti e genitori che, entro la fine di ottobre, sarebbero stati consegnati dei nuovi locali per accogliere gli studenti. Tuttavia qualcuno, pochi giorni fa, si è accorto che i lavori nella sede indicata non erano neanche iniziati. La scintilla che ha fatto scattare la rivolta.

A mali estremi, estremi rimedi

È forse una delle prime volte che i genitori si trovano d’accordo con i propri figli sull’opportunità di protestare. Perché il preside, per tamponare la situazione, ha messo a disposizione i laboratori per sostituire le aule mancanti. Scatenando una nuova ondata di polemiche, vista l’impossibilità di usare le aule tecniche per svolgere le attività pratiche. Un circolo vizioso di cui stanno facendo le spese solo gli studenti: quelli che hanno un’aula non possono fare attività di laboratorio, quelli che non ce l’hanno sono costretti a ‘rubare’ spazi agli altri e, nel frattempo, le attrezzature rimangono ferme ai box. Spreco e disorganizzazione: un mix letale che ha generato la protesta a oltranza.

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv va in vacanza!

Anche la Skuola Tv prende un momento di pausa, ma non preoccuparti in autunno torneremo a farti compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta