Scuole a pezzi: soffitto pericolante per 1 su 3

Carmine Zaccaro
Di Carmine Zaccaro

Crolla il soffitto a scuola: due feriti

Nella scuola elementare Pessina ad Ostuni, in provincia di Brindisi è crollato un soffitto. Due bambini sono rimasti feriti e insieme a loro anche una maestra che stava tentando di salvarli. Il crollo si è verificato in seguito ad un periodo di chiusura dell'edificio scolastico per lavori di ristrutturazione, la scuola era stata riaperta soltanto pochi mesi fa. I genitori sono scossi e furibondi. Ma cosa pensano gli studenti di questi incidenti? Skuola.net, in collaborazione con il free press Leggo, lo ha chiesto direttamente a loro. Per 1 su 5 di coloro che frequentano una scuola non ristrutturata di recente, il pericolo di crolli è imminente ed è urgente intervenire. A far paura è soprattutto lo stato di soffitti e controsoffitti.

SCUOLA A PEZZI, CHI INTERVIENE? - La mattina del 13 aprile, mentre i ragazzi si trovavano in classe a svolgere le normali ore di lezione, all'improvviso, l'intonaco del tetto che si trovava sopra le loro teste è venuto giù. Due di loro, di soli 7 anni sono rimasti vittime del crollo dei calcinacci. Gli studenti guardano con paura questi avvenimenti di cronaca. Secondo un sondaggio di Skuola.net, solo il 15% è al corrente di interventi volti a mettere in sicurezza la sua scuola effettuati e finiti nell'ultimo anno. Per un altro 10%, invece, sono stati iniziati ma non sono ancora conclusi. Circa il 6% sostiene che verranno effettuati in futuro, mentre è ben il 70% a non aver visto traccia di opere per la messa in sicurezza nella propria scuola di recente. Per il 25% di questi, il motivo è che l'edificio è in buone condizioni. Ma per tutti gli altri?

AIUTO, E' URGENTE! - Ben 1 su 5 di coloro che frequentano una scuola non ristrutturata di recente ha paura di crolli e considera molto urgente che siano fatti lavori il prima possibile. Uno su 2, invece, non si sente in pericolo ma crede che sia necessario intervenire per prevenire possibili incidenti nel futuro. Ma quando le opere di messa in sicurezza sono state effettuate, hanno effettivamente risolto la situazione? Circa il 50% risponde che lo hanno fatto solo in parte e che gli studenti non sono ancora del tutto al sicuro. Per 1 su 6 la risposta è del tutto negativa: è stato tutto inutile e la scuola è ancora pericolosa. Circa 1 su 3 è invece soddisfatto: ora può tirare un respiro di sollievo.

SOFFITTO, IL NEMICO #1 - Skuola.net ha chiesto ai ragazzi ancora insicuri sulle condizioni della scuola che frequentano cosa fa loro più paura. Per 1 su 3, è il crollo di soffitti controsoffitti il pericolo più imminente: sono queste le strutture della loro scuola che si trovano nelle peggiori condizioni. Per circa il 28% sono le porte e le finestre a trovarsi nelle condizioni più preoccupanti, e poi troviamo le pareti (16% circa) e pavimenti e scale (circa 6%).

OSTUNI: COSA E' SUCCESSO - Nella scuola di Ostuni è stato proprio il soffitto a cedere. I vigili del fuoco hanno dichiarato all'Ansa.it "si è verificato il distacco di 5 metri quadrati di intonaco, per uno spessore di 3 cm collassato all'improvviso, un peso significativo, venuto giù in maniera uniforme. Un bel blocco, che ha investito i bambini". I due bambini hanno riportato delle ferite, le loro condizioni sono serie ma non gravi. Al momento la struttura è stata posta sotto sequestro dal sostituto procuratore di Brindisi, Pierpaolo Montinaro, come riporta Repubblica.it

Guarda cosa è successo nella scuola elementare di Ostuni

GENITORI FURIOSI: "I NOSTRI FIGLI IN PERICOLO" - La reazione dei genitori non si è fatta attendere, dopo l'incidente hanno subito dimostrato il loro malcontento "i nostri bambini sono in pericolo", "Queste cose non devono succedere. Ora basta, non possiamo temere per la vita dei nostri figli - sono state le parole del papà di un alunno - i nostri bambini sono in pericolo. La scuola va chiusa e vanno effettuati controlli a tutti i solai. Non può succedere una cosa simile in una scuola appena ristrutturata", alcune delle dichiarazioni riportate sui maggiori quotidiani.


IL SOTTOSEGRETARIO FARAONE: "I COLPEVOLI PAGHERANNO": Sul crollo di Ostuni, il sottosegretario Davide Faraone con un tweet ha rassicurato "i colpevoli pagheranno" Anche Il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini , ha fatto eco al sottosegretario rassicurando le famiglie. Inoltre ha aggiunto che il tema della sicurezza scolastica è tra gli argomenti più importanti presentati con il ddl della Buona Scuola. In un tweet la Giannini dichiara che sono previsti interventi di circa 40 milioni per risolvere i problemi di soffitti e controsoffitti, di cui si sente spesso parlare nei fatti di cronaca a scuola.



Carmine Zaccaro

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta