Back to school: toccatemi tutto, ma non il mio zaino

Marcello G.
Di Marcello G.

corredo scolastico 2016 zaino diario quaderni

Doppio salvadanaio per il back to school: uno per l'acquisto dei libri scolastici, l'altro per il corredo. Certo, se per i primi non si può scendere a patti, per il secondo ci si può organizzare. Basta trovare il giusto compromesso tra risparmio e tendenze. Perchè se l'esigenza dei genitori è senza dubbio quella di non spendere troppo anche per zaini, astucci, diario&Co, quella dei ragazzi è di non sfigurare di fronte ai loro compagni. Tanto che per loro non si può proprio rinunciare a quello zaino, piuttosto che a quel diario. Più morbidi quando si parla invece di astucci e quaderni. È quanto emerge da una ricerca condotta da Skuola.net su circa 1500 studenti di medie e superiori.

TUTTO PER LO ZAINO - Per lui la spesa più importante. Lo raccontano al portale più di 2 studenti su 5, mentre al secondo posto troviamo il diario, che si ritaglia una quota attorno al 28% della spesa totale sostenuta dalle famiglie. I quaderni assorbono il 21% dello spendibile per il materiale scolastico. Marginale, invece, la spesa per penne e matite (6%) e per l’astuccio (2%).

ZAINO: TRA COMFORT E MODA - Sono questi gli aspetti principali a cui fanno caso i teen alle prese con la scelta della borsa per i libri. Per oltre 2 su 5 lo zaino deve essere comodo e leggero, per un altro 1 su 4 griffato. Poco meno di 1 su 5 ha pensato al risparmio scegliendone uno economico, anche se un altro piccolo 13% ha decido di non acquistare niente optando per il riciclaggio di una borsa che aveva già.

Guarda il video e segui qualche consiglio per l'acquisto del corredo scolastico

PER IL DIARIO CI SI SPACCA - Capitolo diario: qui l’attenzione al bilancio è alta: il 39% (soprattutto tra i ragazzi delle medie) ha cercato un giusto compromesso tra costo e qualità. Ai risparmiatori si contrappongono però gli studenti spendaccioni: 1 su 3 dice di non aver badato a spese pur di avere il diario che desiderava. Presente pure un 9% di iper - tecnologici che hanno pensato di sperimentare altre soluzioni, come app e quaderni, soprattutto tra i maschietti.

ASTUCCIO: SI SCENDE A PATTI - La capienza deve essere invece la caratteristica principale dell’astuccio secondo la maggioranza degli intervistati (46%). Non manca anche in questo caso un 26% che tiene conto soprattutto delle ultime tendenze (tra cui tanti ragazzi delle medie) e altrettanti che invece sono scesi a compromessi riciclando l'astuccio dei fratelli o cugini più grandi.

DEL QUADERNO POCO IMPORTA - In questo caso la via maestra sembra molto chiara: circa 2 teen su 5 li ha comprati anche "anonimi", purché siano stati anche economici (aspetto di cui si tiene conto soprattutto tra i ragazzi degli istituti professionali). Un 25% si è invece lasciato guidare dal gusto personale, scegliendo quelli che piacevano di più. Il resto del mercato se lo dividono – al 16% - i quaderni grandi, con un rapporto prezzo-durata migliore rispetto ai quadernini, e quelli nei formati espressamente richiesti dai professori.

LA BATTAGLIA PER IL RISPARMIO - In questa battaglia per il risparmio i genitori sembrano comunque aver avuto la meglio. Pare infatti che più della metà dei ragazzi (il 57%) sia riuscito a far spendere meno di 100 euro per il corredo scolastico (naturalmente libri esclusi). Addirittura, circa 1 su 3 è rimasto sotto i 50 euro. I più “risparmiatori” sono i liceali. Non manca tuttavia chi non ha badato a spese: il 14% dichiara di aver sborsato tra i 100 e i 150 euro, un altro 11% tra i 150 e i 200 euro. Il 15% ha decisamente esagerato, spendendo oltre 200 euro.

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta