Carrozza: Non posso cancellare il bonus Maturità

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

il bonus maturità non può essere cancellato

Il bonus di Maturità tanto chiaccherato in questi ultimi giorni potrebbe subire dei cambiamenti, ma non verrà cancellato. Ad affermarlo è il ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, durante la presentazione del libro “Il costo dell’ignoranza” avvenuta ieri sera nella Sala dei Ministri del Ministero dell’Istruzione.

TEST A SETTEMBRE E CAMBIAMENTI NEL BONUS MATURITÀ - Domani dovrebbe uscire il tanto atteso decreto relativo ai test d’ingresso slittati a settembre e al bonus di Maturità, oggetto delle polemiche degli ultimi giorni. Proprio la poca chiarezza e la difficoltà sull’assegnazione dei punti bonus che andrebbero sommati a quelli ottenuti nei test d’ingresso per le facoltà ad accesso programmato, ha fatto sì che le prove di ammissione slittassero a settembre. Infatti, secondo il ministro Carrozza, i criteri per l’assegnazione del bonus Maturità vanno semplificati, ma non aboliti del tutto e per questo c’è bisogno di tempo. Insomma, maturandi non possono affrontare i test per accedere alle università senza che si sia stata fatta chiarezza.

IL BONUS NON PUÒ ESSERE CANCELLATO - Ma se lo spostamento delle date dei test è stata una vittoria per tantissimi studenti, lo stesso non potrà avvenire per chi spera in un’abolizione del bonus Maturità. Infatti, su questo punto il neo ministro è stato molto chiaro. Proprio ieri sera, in occasione della presentazione del libro “Il costo dell’ignoranza”, Maria Chiara Carrozza è intervenuta sulla spinosa questione del bonus Maturità ribadendo che non sarà cancellato, ma solo rivisto nel funzionamento. Infatti, alla base del bonus c’è un decreto legge che non può essere abrogato.

MEDIA DEI VOTI SULLE SINGOLE COMMISSIONI D’ESAME - In ogni caso i maturandi possono comunque pensare in meglio. Infatti, come detto dal ministro Carrozza, verrà rivisto il funzionamento del bonus. Il modo in cui verrà fatto, lo ha anticipato lei stessa a Corrado Zunino in un’intervista rilasciata a La Repubblica lo scorso fine settimana: “Stiamo provando a ridurne l’impatto e a renderlo più equo. Resta il punteggio, ma la media dei voti non sarà più tarata sull’istituto scolastico dove si fa la prova, ma sulle singole commissioni. Terremo conto del voto di Maturità, nella prima versione si prendevano in considerazione anche i voti dell’anno precedente a quello dell’esame”.

E tu come vorresti che cambiasse l’assegnazione del bonus Maturità?

Serena Rosticci

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta