Test d’ingresso: spreco di capitale umano?

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

studenti non ammessi con un punteggio alto ai test di ingresso. Colpa delle graduatorie

Anche quest’anno i test d’ammissione all’università si sono svolti con tutte le polemiche che, da qualche anno a questa parte, li circondano. Le graduatorie sono uscite quasi per tutti i corsi lasciando l’amaro in bocca a molti studenti. Infatti, non sono pochi gli aspiranti universitari che si sono visti negare l’accesso alla facoltà dei loro sogni nonostante avessero ottenuto un punteggio più alto di uno studente che è entrato allo stesso corso, ma in un’università diversa. Tutto a causa dell’effetto distorsivo delle graduatorie italiane.

IL PARADOSSO DELLA GRADUATORIA - Infatti, in Italia non esiste una graduatoria nazionale, ma per sedi aggregate. Questo significa che esistono dei gruppi di atenei che hanno un’unica graduatoria che, comunque, differisce dalle altre. Quindi, può succedere che un ragazzo che abbia ottenuto un certo punteggio, non possa accedere all’università nonostante abbia ottenuto più punti di un suo collega che, al contrario, ha passato il test in un’altra università.

L’EFFETTO DISTORSIVO - Il sito lavoce.info ha mostrato, attraverso uno schema, che effetto distorsivo generano le graduatorie per sedi aggregate usate attualmente, utilizzando i dati dei test di Medicina e Chirurgia. Dando un rapido sguardo alla tabella, è possibile notare in maniera immediata quanti aspiranti medici avrebbero potuto accedere all’università e quanti e di quali sedi aggregate no, se ci fosse stata un’unica graduatoria nazionale.

1267 ESCLUSI INGIUSTAMENTE - Nella tabella gli studenti sono state raggruppati in dodici macroaree che rappresentano le sedi aggregate. In questo modo si capisce immediatamente che, per esempio, i candidati che hanno fatto domanda all’Università di Firenze sono stati inseriti nella stessa graduatoria di quelli che hanno fatto domanda nelle università di Parma, Pisa e Siena. Peccato che, in ogni caso, questo abbia permesso a 1267 aspiranti medici di venire esclusi pur avendo conseguito un punteggio più alto a chi è stato ammesso, ingiustamente, altrove.

E tu preferisci la graduatoria per sedi aggregate o ne vorresti una nazionale?

Serena Rosticci

Commenti
Consigliato per te
Le 10 scuse che anche tu hai inventato per non uscire
Skuola | TV
Open Day Carlo Bo: scopri tutte le novità e gli sbocchi professionali!

Non perdere lo streaming dell'Open Day Carlo Bo dalla sede di Milano. Una mattina dedicata all'offerta formativa e agli sbocchi professionali. Scopri come diventare mediatore linguistico.

18 novembre 2017 ore 09:30

Segui la diretta