Studente in Erasmus? Non puoi votare alle elezioni

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

studenti erasmus esclusi dal voto delle prossime elezioni

Il prossimo 24 e 25 febbraio in Italia si terranno le elezioni che decideranno le nuove sorti del nostro Paese. Tutti coloro che abbiano compiuto i 18 anni di età sono chiamati a votare. Tutti, tranne i cittadini italiani all’estero con il progetto Erasmus. A stabilirlo è il Decreto del Presidente della Repubblica numero 226 del 22 dicembre 2012.

IN ERASMUS? NIENTE VOTO! - Ben 25.000 italiani esclusi dal voto. Questa è la cifra a cui ammonta il numero di studenti in Erasmus che non potranno esprimere la loro preferenza alle prossime elezioni a causa di quanto stabilisce il punto 2 del suddetto Decreto. Infatti, proprio questo punto regola il voto per i “cittadini italiani temporaneamente all’estero” riconoscendo il diritto a votare a “per corrispondenza, previa apposita dichiarazione alle Forze armate e alle Forze di polizia temporaneamente all’estero in quanto impegnati nello svolgimento di missioni internazionali”. A poter votare sono anche tutti i “dipendenti di amministrazioni dello Stato, di regioni o di province autonome, temporaneamente all’estero per motivi di servizio” ed i “professori e ricercatori universitari che si trovano in servizio presso istituti universitari e di ricerca all’estero”. Nessuna menzione riguardante gli studenti all’estero con il progetto Erasmus, anzi. Tutti i cittadini all’estero per motivi non specificati nel decreto, potranno votare “esclusivamente recandosi in Italia presso le sezioni istituite nel proprio comune di iscrizione nelle liste elettorali”.

GLI STUDENTI DICONO NO - Ma come era immaginabile, gli studenti non ci stanno. "È davvero inaccettabile" - commenta Luca Spadon, Portavoce nazionale di Link - Coordinamento Universitario - "che 25.000 ragazze e ragazzi non potranno avere accesso ad un diritto civile minimo per una scellerata dimenticanza del Governo. Il voto dall'estero è stata una grande conquista per il nostro paese e migliaia di studenti universitari sono attualmente posti dinanzi al ricatto di dover spendere centinaia di euro per rientrare nel nostro paese, in quanto per questi studenti non sono previste agevolazioni sui trasporti per il voto come previsto per i loro coetanei che studiano in Italia”.

PROTESTE SUL WEB - La protesta degli studenti già sta facendo il giro della rete. Su Facebook è da poco nato il gruppo “Studenti italiani che non potranno votare alle prossime elezioni” nel quale i ragazzi cercano di raccogliere proposte per risolvere la loro situazione. Emblematica è l’immagine rappresentativa del gruppo: un pezzo di carta igienica recante la scritta “Ecco quanto vale il mio voto”.

LE PROPOSTE - Tra le soluzioni proposte dagli studenti stessi ce ne sono due in particolare che stanno raccogliendo consensi. La prima propone di iscriversi all’Anagrafe Italiani Residenti all’Estero. Infatti, chiunque sia iscritto ha la possibilità di votare. Ma continua ad esserci un problema: per iscriversi bisogna essere residenti all’estero per un periodo superiore ai 12 mesi, ed i programmi Erasmus, solitamente, non durano più di un anno. La seconda proposta è quella di arrendersi e tornare a casa per partecipare alle elezioni, soluzione non poco dispendiosa per chi si trova già a fare i conti per arrivare a fine mese studiando in un paese straniero.

CORREGGERE L’ERRORE - Continua Luca Spadon che chiede a nome degli studenti che: “sia immediatamente corretto questo errore e possa essere garantito con una Legge ordinaria a 25.000 mila studentesse e studenti l'esercizio del diritto di voto in occasione delle prossime elezioni politiche nazionali, o in estrema alternativa dei rimborsi di natura economica sui costi del biglietto per tutti gli universitari che vorranno tornare in Italia a votare, come previsto per gli studenti fuorisede in Italia".

E tu cosa faresti in questa situazione?

Serena Rosticci

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta