Donne all'università, migliori e più numerose

Cristina Montini
Di Cristina Montini

La componenete femminile è in aumento alla Sapienza di Roma, non solo tra le studentessa, ma anche tra il personale amministratico e, in misura minore, tra i docenti. Inoltre, le donne vanno meglio e ora aumentano le iscritte ai corsi di tipo tecnologico-scientifico

Dopo aver dimostrato di essere più brave all’esame di terza media, dopo aver schiacciato con la loro superiorità i maschietti nei corsi di recupero, le studentesse si aggiudicano un altro punto a loro favore, questa volta all’università. Alla “Sapienza” di Roma si sta assistendo a un importante cambiamento: la componente femminile aumenta e raggiunge risultati sempre migliori.

LE DONNE SONO DAPPERTUTTO - Ad informare dei progressi femminili all’interno dell’Università “La Sapienza” è il Nucleo di valutazione d’ateneo che, ieri, in occasione di un convegno sulle donne e le pari opportunità, ha mostrato i cambiamenti che negli ultimi 10 anni hanno riguardato la distribuzione di uomini e donne sia per quanto riguarda le studentesse che il personale docente e quello tecnico-amministrativo.

DONNE PROMOSSE - Tra gli studenti, le donne sono più numerose e generalmente più brave. Dal 2001 al 2010 è cresciuta anche la percentuale delle ragazze iscritte ai corsi dell’area tecnologico-scientifica arrivando al 50% e dimostrando che non ci sono ambiti in cui il rosa non possa dire la sua. In particolare, nelle lauree triennali la presenza delle studentesse raggiunge il 59% e nelle magistrali il 54%. E se il 45% dei ricercatori è donna, tra i professori i dati si abbassano drasticamente. Ma, assicura Gabriella Salinetti, componente del nucleo di valutazione, “si intravedono segnali di cambiamento in positivo per le donne […], emerge negli ultimi anni una crescita anche se lenta tra gli ordinari e gli associati”.

DA QUALE PARTE STAI? - Questi dati potrebbero lasciare del tutto indifferenti molti di coloro che pensano che ormai l’uguaglianza tra uomo e donna e le pari opportunità siano qualcosa di consolidato nella società attuale. Altri potrebbero storcere il naso, perché queste ricerche azzardano una superiorità femminile quando, invece, è l’uguaglianza e la parità che dovrebbe essere raggiunta. E poi c’è sempre quella componente di donne che esulta con un fiero “Lo dico sempre io che siamo le migliori!” Voi da quale parte state: indifferenti, contrariati o entusiasti?

Non sai quale facoltà scegliere? Vai in Orientamento universitario

Nella tua facoltà ci sono più studenti o studentesse?

Cristina Montini

Commenti
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità
Skuola | TV
Quanti MEGA ci sono in un GIGA? - Le Reazioni della gente comune

Quanti MEGA ci sono in un GIGA? Abbiamo fatto questa domanda ad alcuni ragazzi, le risposte sono davvero IMBARAZZANTI!

25 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta