Uni Catania: chi cambia corso non può candidarsi

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

vietato candidarsi a chi ha fatto il passaggio da un corso di laurea ad un altro

Se vieni da un altro corso di laurea, non puoi candidarti alle elezioni studentesche. La decisione presa dall’Università di Catania ha dato vita ad un’enorme bufera che si sta abbattendo in queste sull’ateneo siciliano stesso e che ha lasciato fuori dalle elezioni ben 24 mila studenti.

NIENTE ELEZIONI PER CHI HA CAMBIATO CORSO - È periodo di elezioni studentesche e gli studenti, specie quelli universitari, lo sanno bene. Infatti, come ogni anno, è ottobre il mese in cui riprendono i corsi ed in cui i ragazzi si candidano a rappresentanti degli studenti. Ma questa volta, qualcosa è cambiato per gli universitari dell’Ateneo di Catania che ha vietato a tutti i ragazzi che hanno cambiato corso di laurea di candidarsi scatenando le proteste di tutti gli studenti.

CANDIDARSI È VIETATO, MA SOLO AI FUORI CORSO - Il contenzioso nascerebbe da un inciso della normativa nazionale che il regolamento elettorale dell'Ateneo riprende e che prevede l'”attribuzione dell’elettorato passivo agli iscritti per la prima volta e non oltre il primo anno fuori corso ai corsi di laurea, laurea magistrale e dottorato di ricerca dell’Università”. Quindi, è successo che i tutti quegli studenti che quest’anno hanno cambiato corso di laurea si sono trovati con dei crediti in meno pur senza aver perso l’anno. L’università siciliana, proprio per questo li ha etichettati “fuori corso” non permettendogli di accedere all’elettorato passivo, quindi di candidarsi alle elezioni studentesche.

COLPA DEGLI ORDINAMENTI? - In rappresentanza degli studenti, è L’Associazione studentesca che sta cercando di far valere i diritti dei ragazzi minacciando di intraprendere anche vie legali, come conferma il suo vicepresidenze nazionale, Dario Moscato: “Intendere non candidabili gli studenti che con la riforma degli ordinamenti (D.M. 270 del 2004) hanno formalizzato un passaggio da un corso di laurea a un altro, con la stessa denominazione e nel quale hanno mantenuto gli stessi crediti delle materie conseguiti precedentemente, mantenendo lo stesso anno d’iscrizione, è davvero paradossale. Faremo ricorso interno alla commissione elettorale dell’Università e se necessario al Tar”.

E tu voteresti un fuori corso a rappresentante degli studenti?

Serena Rosticci

Commenti
Consigliato per te
Le 10 scuse che anche tu hai inventato per non uscire
Skuola | TV
Prima volta: tutte le difficoltà che si possono incontrare

Ospite in studio una psicosessuologa che ci parlerà delle difficoltà che ragazzi e ragazze possono incontrare durante la loro prima volta.

22 novembre 2017 ore 16:30

Segui la diretta