Borse di studio, dove sono finite? La denuncia di Link

Andrea Carlino
Di Andrea Carlino

Link-Coordinamento universitario denuncia una grave situazione per gli studenti universitari. A gennaio migliaia di ragazzi in Lombardia, Abruzzo, Emilia Romagna, Veneto, Marche, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia non hanno ricevuto la borsa di studio per l’anno accademico 2017/2018. Molti studenti - denuncia l'associazione universitaria - hanno dovuto anticipare di tasca propria ciò che è servito per studiare in questi primi mesi di anno accademico. Dunque da 4 mesi e per 9 regioni non ci sono borse di studio. Il riparto del Fondo integrativo statale è bloccato e l'assegno non si vede. Gli importi minimi di base di una borsa di studio ammontano, secondo il decreto ministeriale del 14 luglio 2015, a 5.118,36 euro per un fuorisede, a 2.821,67 euro per un pendolare, a 1.929,22 euro per uno studente in sede.

Situazione critica

Anche nelle regioni non annoverate tra le ritardatarie la situazione è migliore. In Toscana, ad esempio, si è registrata una riduzione dell'importo e così anche in Emilia Romagna. Agli assegnatari emiliani è stata ridotta la borsa, passando da un importo medio di 3305 euro a 3170 euro. Lo scorso giugno anche la Toscana ha ridotto fino a 180 euro l’importo delle borse di studio per gli studenti fuori sede, incrementando la detrazione alloggio e ha aumentato il costo dei pasti nelle mense. Il Piemonte ha aumentato le risorse a disposizione garantendo lo stesso livello dell'anno passato, ma In Campania e in Sicilia devono essere ancora erogate le borse di studio del 2016-2017. "Registriamo nel Paese la mancanza di alloggi e il costante aumento del costo dei pasti nelle mense", aggiunge la Link.

Non bastano i fondi stanziati

Nell'ultima Legge di stabilità ci sono 10 milioni per l'aumento delle borse di studio degli universitari, a decorrere dal 2018, ma non basta. "In un periodo di campagne elettorali fatte di proclami come “meno tasse per tutti”, forse sarebbe meglio pagarle tutti le tasse, un po’ per tutti, attraverso un sistema di lotta all’evasione che non si basi sulle stangate a chi ha un’attività che fatica a partire. Ma questo pare non far gola in tempi di elezioni…", conclude Link.
Consigliato per te
San Valentino 2018: 10 tipi di studenti universitari con cui non devi uscire
Skuola | TV
Matteo Salvini risponde agli studenti - #meetmillennials

Ospite della puntata Matteo Salvini, Segretario della Lega. Domani toccherà a lui rispondere ai 10 quesiti, tra gli oltre 1.000, che i ragazzi hanno inviato a Skuola.net.

22 febbraio 2018 ore 17:00

Segui la diretta