Orientamento, quasi 1 diplomato su 2 pentito della scelta fatta in terza media

Carla Ardizzone
Di Carla Ardizzone


Orientamento, funziona davvero? Il dubbio è lecito. Perché secondo gli ultimi dati di AlmaDiploma sul profilo dei diplomati 2018, circa la metà dei ragazzi che arrivano all'esame di maturità e conquistano il diploma è pentito della scelta. Se infatti circa il 34%, tornando indietro - agli anni della terza media - sceglierebbe un indirizzo differente, un altro 12% cambierebbe l'istituto a cui è stato iscritto. E se 2 pentiti su 5 sono rimasti delusi dalle materie studiate - cosa che, forse, con una migliore conoscenza dell'indirizzo in entrata, sarebbe stata evitata - più del 18% avrebbe voluto essere formato maggiormente per l'ingresso al mondo del lavoro. Quota simile coloro che avrebbero voluto compiere studi più adatti alla scelta universitaria.


I più disorientati? I diplomati dei professionali

Tra chi avrebbe cambiato corso e/o scuola, c'è una maggiore quota di ex studenti dei professionali (50,7%), seguiti dai tecnici (46,2%). I liceali, invece, sono i meno pentiti (44,9%).
La stessa situazione di "disorientamento" tra i ragazzi delle scuole tecniche si verifica se parliamo della scelta post diploma. Alla vigilia della maturità, infatti, il 14% complessivo si diceva completamente incerto sulle decisioni sul futuro. Ma se al liceo la quota si riduce solo al 7,7%, vediamo un picco tra i diplomati dei tecnici (21, 1%) e dei professionali (22,5%).

Orientamento? Bene ma non benissimo

I dati mostrano che, riguardo all'orientamento svolto a scuola, gli studenti si spaccano a metà. Se il 52% è soddisfatto, la restante parte non manifesta lo stesso entusiasmo. Anche qui le differenze tra i vari indirizzi emergono con nettezza ma, nonostante i dati sui "disorientati" che abbiamo appena visto, gli studenti degli Istituti tecnici sono i più convinti sull'utilità delle attività svolte (58,3%) e tra quelli professionali (54,9%), mentre scende tra i liceali (47,3%). Il Rapporto mostra comunque come, indipendentemente dal titolo di diploma conseguito, la quota di soddisfazione sia più alta tra i ragazzi che scelgono di indirizzarsi verso il mondo del lavoro (60,0%) e scende di più di 10 punti, al 49,8%, tra coloro che vogliono proseguire gli studi.

La famiglia "orienta" le scelte dei ragazzi

Ma l'orientamento svolto a scuola non può che influire solo in parte sulle decisioni degli studenti. Come conferma l'Indagine, la famiglia e il contesto di provenienza gioca un ruolo importante. Lo testimonia il fatto che la quota di diplomati con genitori in possesso di titoli di laurea è massima fra chi ha frequentato i licei classici (62,0%) e scientifici (43,9%), si riduce fra gli istituti tecnici (16,9% tecnico tecnologico e 14,8% tecnico economico) e i professionali (dall’11,0% del professionale per i servizi all’8,9% del professionale per l’industria e l’artigianato).
Allo stesso tempo, tra gli indirizzi liceali classici e scientifici c'è una forte presenza di studenti di estrazione elevata (49,3% e 35,5% rispettivamente) e una parallela carenza di figli delle classi meno avvantaggiate (9,6% per i primi e 13,8% per i secondi).
Sono i diplomati stessi, poi, a dichiarare che il 61,3% dei diplomati considera "rilevante" il parere dei genitori sulle proprie scelte: in particolare questo succede se mamma e papà sono in possesso di una laurea e quando ricoprono posizioni professionali di alto livello.

Profilo dei diplomati: promossi professori e compagni

Facendo tuttavia un bilancio degli anni delle superiori, i diplomati dello scorso anno intervistati da AlmaDiploma non buttano via tutto: tante opinioni favorevoli anche nei confronti degli insegnanti, apprezzati in particolare per la loro competenza (78,5% di soddisfatti), un po' meno per le loro capacità di valutazione (62,8%). Ma il lato migliore delle superiori sembrano i compagni di classe, visto, vissuti al meglio dalla stragrande maggioranza (87,7%).
D'altro canto, non piacciono granché infrastrutture e aule (ritenute soddisfacenti dal 56,5% degli studenti), i laboratori (56,2%), gli impianti e le attrezzature sportive (54,9%).
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere il prossimo ospite? Seguici e lo scoprirai!

21 ottobre 2019 ore 15:00

Segui la diretta