Nuovo DPCM, cosa potrebbe cambiare dal 7 ottobre

Lucilla Tomassi
Di Lucilla Tomassi
dpcm 7 ottobre

Tante le indiscrezioni che si stanno susseguendo nelle ultime ore circa il nuovo DPCM atteso per domani. Infatti oggi è previsto il Consiglio dei Ministri dove saranno dibattuti alcune delle direttive che probabilmente entreranno in vigore proprio a partire da domani. Mascherine obbligatorie anche all'aperto, chiusure anticipate dei locali, feste private a numero ridotto e stato di emergenza prorogato fino al 31 gennaio 2021: queste le misure anti-Covid-19 che potrebbero entrare in vigore in tutta Italia da questa settimana.


Leggi anche:

Mascherine all’aperto: ecco le novità che potrebbero arrivare

A partire dal 7 ottobre 2020, primo giorno in cui il nuovo DPCM potrebbe entrare in vigore, si potrebbe di nuovo dover girare in tutta Italia con le mascherine anche di giorno e all’aperto. Infatti, se in alcune regioni è stato già reintrodotto l’obbligo di mascherina quando si è all’aperto all’aperto, questo potrebbe essere esteso all’intero territorio nazionale, come misura precauzionale proposta dal Ministro della Salute Speranza per evitare la risalita dei contagi. Inoltre sembra ormai sicuro che il nuovo DPCM possa estendere lo Stato di Emergenza, ancora attivo in Italia, fino a gennaio 2021.

Feste e assembramenti: limitate dal 7 ottobre?

Un’altra misura che si sta prendendo in considerazione in queste ore riguarda le feste private. Massimo 200 persone per le feste private dopo le cerimonie come matrimoni e battesimi. Stesso rigore anche sugli incontri conviviali: si sta pensando ad una stretta quantomeno sui controlli per le feste a casa o nei locali. Rimane comunque invariato il divieto di ballare e l’obbligo di mascherina quando si sta al chiuso e non è possibile mantenere il distanziamento di almeno un metro.

Scuola e norme anti-contagio: cambierà qualcosa dal 7 ottobre?

Per quanto riguarda invece la scuola non sono previste ulteriori restrizioni, per ora. Tuttavia sulla situazione negli Istituti scolastici è atteso per oggi l'incontro tra la Azzolina e l'Iss. Come mai? Per discutere in merito all’aumento sul rapporto tra tamponi e positività, al 2,78%, come riportato da Ansa.it.
Inoltre sempre oggi durante il Consiglio dei Ministri uno dei punti di discussione riguarderà il divieto per tutte le Regioni di adottare norme anti-contagio meno restrittive di quelle del governo. Ovviamente è ancora un’ipotesi, ma potrebbe diventare qualcosa in più. Infatti sembrerebbe che l'idea sia quella di permettere ai governatori di adottare proprie disposizioni ma solo se più restrittive di quelle nazionali e invece vietare di introdurne di più "soft", come avvenuto con le discoteche quest’estate.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

29 ottobre 2020 ore 16:15

Segui la diretta