Autocertificazione Natale zona rossa, il modello da stampare

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri
Decreto Conte per Natale: le regole e i divieti da rispettare. Il ritorno dell'autocertificazione
Fonte foto: Facebook

Il Natale che si appresta ad arrivare sarà decisamente diverso dal solito: non ci saranno infatti cenoni e tavolate poiché la consueta convivialità che nei giorni di festa raccoglie in ogni casa un gran numero di parenti e amici, sarà bandita in questo anno così funesto in cui continua ad imperversare la pandemia.
A ribadire l’assoluta necessità di comportamenti responsabili e seri, il premier Giuseppe Conte, dopo giorni di consultazione con il gruppo di esperti che coadiuvano le disposizioni emergenziali, ha stabilito alcune regole ferree che tutti i cittadini, dal Nord al Sud Italia, saranno tenuti a rispettare durante le festività.


Guarda anche:


Italia zona rossa e arancione: la situazione dal 24 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021


Sebbene l’obiettivo più volte dichiarato da Conte di rendere gialle, nel mese di dicembre, tutte le regioni italiane sembra sia stato raggiunto, il Governo ha comunque deciso che nei giorni festivi e prefestivi, compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, l’Italia sarà interamente considerata zona rossa o arancione indipendentemente dalla situazione regionale.
In particolare, tutto il territorio italiano sarà considerato zona rossa nei giorni 24, 25, 26, 27, 31 dicembre e ancora 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio.
La stretta si attenuerà leggermente nei giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio, che, per tutta la penisola, saranno contraddistinti dal colore arancione.



Le regole generali da rispettare nei giorni in cui l'Italia sarà zona rossa


Il colore rosso identifica il massimo livello di restrizione, quello che corrisponde ad un vero e proprio lockdown. L’obiettivo infatti è proprio quello di limitare gli spostamenti e contenere il più possibile gli assembramenti proprio per scongiurare il rischio di una temuta terza ondata di contagi all’inizio del nuovo anno.
Per questo, saranno consentiti spostamenti solo per motivi di reale urgenza, tra cui rientrano quelli di lavoro, di salute, di assistenza ad anziani soli e non autosufficienti. Sarà consentito inoltre recarsi a fare la spesa nei supermercati o in quelle attività commerciali, tra cui farmacie e parafarmacie, considerate di prima necessità. L’unica eccezione a queste regole di base è rappresentata dalla possibilità, estesa solo a due persone per ogni nucleo familiare, di recarsi dalla propria famiglia per trascorrere le feste insieme. In ogni caso rimane valido il coprifuoco dalle alle ore 22:00 alle ore 05:00.
Sarà inoltre consentita l’attività sportiva e motoria all’aperto ma sempre nelle vicinanze della propria abitazione così come la partecipazione alle funzioni religiose, a cui però si potrà prendere parte solo nella Chiesa più vicina alla propria casa.

Italia zona rossa durante le feste: il ritorno dell’autocertificazione


Come nella quarantena della scorsa primavera, sarà di nuovo obbligatoria l’autocertificazione in cui, in caso di controlli da parte delle forze dell’ordine, oltre ai propri dati personali si dovrà dichiarare il luogo che si intende raggiungere e il motivo dello spostamento.
Nel corso della conferenza stampa, illustrando le disposizioni per il Natale, Conte ha infatti sottolineato l’importanza dell’obbligo di munirsi di autocertificazione per responsabilizzare la popolazione ed indurla così a rispettare le regole imposte per arginare i contagi: “Si esce con l'autocertificazione e si dice dove si sta andando. Un sistema liberaldemocratico non manda la Polizia in casa, a meno che non ci una flagranza di reato. Noi non entriamo nelle case degli italiani, è un decreto concepito come limite alla circolazione”.
L’autocertificazione andrà inoltre compilata anche se si effettuano spostamenti durante le ore notturne del coprifuoco.
Nel modulo precompilato inoltre è presente anche una sezione dedicata a chi intende raggiungere le seconde case per trascorrere le feste fuori.
Nei giorni contrassegnati dal colore arancione invece, l’autocertificazione non sarà obbligatoria per spostamenti all’interno del proprio comune che saranno liberamente consentiti.

Per scaricare il modulo di autocertificazione in pdf, pubblicato dal Ministero dell’Interno, clicca qui.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

3 marzo 2021 ore 15:30

Segui la diretta