Greta Thunberg è “Persona dell’Anno” per il Time. Domani sarà a Torino

Paolo.Ferrara
Di Paolo.Ferrara
greta thunberg

La celebre rivista Time, che a dicembre di ogni anno sceglie il personaggio simbolo dei 12 mesi appena conclusi, ha scelto di omaggiare il potere della gioventù nominando Greta Thunberg come “Persona dell’anno 2019”. La sedicenne attivista svedese ha conquistato l’America dopo aver mobilitato i giovani dall’Alaska al Texas l’estate scorsa.

Ma non tutti condividono lo spirito della giovane: il presidente del Brasile Jair Bolsonaro, ad esempio, ha dichiarato in un tweet che è “impressionante lo spazio che la stampa dà a quella mocciosa”.
Recentissimo l'annuncio della sedicenne che ha confermato la sua partecipazione a Torino per le mobilitazioni del Fridays For Future della città il 13 dicembre, dopo aver presenziato all'ultimo Cop25 a Madrid.

Guarda anche

Greta Thunberg personaggio dell’anno 2019

La giovane attivista ha iniziato la sua campagna per la salvaguardia del clima piazzandosi ogni venerdì mattina davanti al Parlamento svedese nell'agosto 2018. Voleva che il governo riducesse le emissioni di anidride carbonica come previsto dall’accordo di Parigi sul cambiamento climatico. Questo suo gesto ha fatto nascere un vero e proprio movimento internazionale, il Friday for future.
Ad oggi Greta ha partecipato ai più importanti vertici politici sui cambiamenti climatici tra New York, Lisbona e Spagna. E' stato pubblicato anche un libro "La nostra casa è in fiamme", un racconto di come una famiglia svedese si sia trovata ad affrontare una crisi imminente, quella che ha travolto il nostro pianeta. È la presa di coscienza di come sia urgente agire ora, quando nove milioni di persone ogni anno muoiono a causa dell’inquinamento. È il "grido d’aiuto" di una ragazzina che ha convinto la propria famiglia a cambiare vita e ora sta cercando di convincere il mondo intero.

Cop25 di Madrid, Greta striglia ancora i politici

Si sta svolgendo in questi giorni il vertice sul cambiamento climatico, Cop25. Tra le decisioni da prendere c’è il taglio delle emissioni, la revisione dell’articolo 6 sul mercato del carbonio e gli aiuti (che tuttavia non ci sono) ai paesi colpiti da disastri ambientali provocati dalle emissioni di gas serra dell’Occidente ricco. Per l’occasione l’attivista ha affermato: “Stiamo scioperando da un anno ma non è successo ancora nulla. Si sta ignorando la crisi climatica e. finora non c’è una soluzione sostenibile. Non possiamo continuare così, vogliamo azione e subito perché la gente sta soffrendo e morendo per questa emergenza climatica, non possiamo aspettare ancora”.

Per la giovane paladina del clima, i politici stanno tendando di metterla in silenzio per non rinunciare al denaro, nell’intervento ha detto: “Ci tacciono per la loro avarizia. Ma noi continueremo con la nostra azione”. Sembrerebbe essere andata anche contro il presidente degli USA Donald Trump per la revoca presentata dall’accorso di Parigi e contro i Paesi che non mostrano impegni seri per ridurre le emissioni di gas serra. Greta li definisce “ipocriti che cercano di pulire la loro spazzatura, mentre dovrebbero risolvere la crisi che essi stessi, i ricchi, hanno creato” a danno dei paesi poveri.


Greta Thunberg fa tappa a Torino

Voglio vedervi dal vivo. Siete sempre stati tantissimi, non avete mancato un solo appuntamento”, dice così Greta, annunciando di voler far tappa a Torino dopo la presenza al Cop25 di Madrid. Il suo comunicato è arrivato solo ieri pomeriggio e nonostante i soli tre giorni di preavviso, alla ragazzina non interessa una manifestazione organizzata in grande stile. “Non importa. Voglio conoscervi di persona. Da quando avete creato questo movimento a Torino vi ho seguito sui social network. E ho visto che non perdete un appuntamento, che siete sempre tantissimi”.
Greta Thunberg parteciperà, così, al raduno davanti alla Regione del 13 dicembre, già sotto accusa per le politiche ambientali. Qualche mese fa, infatti, l’istituzione ha scelto di non dichiarare l’emergenza climatica proposta dal capogruppo di Luv Marco Grimaldi. Il primo benvenuto è stato già dato dalla sindaca Chiara Appendino, che da mesi è in perenne polemica con Ciricio e la sua amministrazione proprio per le decisioni politiche sul problema climatico.
Paolo Ferrara
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Vuoi conoscere il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai.

20 gennaio 2020 ore 15:30

Segui la diretta