10 incredibili curiosità su Ludwig Van Beethoven

Redazione
Di Redazione

Oggi, lunedì 26 marzo, è l'anniversario della morte di un vero genio, uno dei più importanti compositori di musica classica di tutti i tempi: Ludwig Van Beethoven. Ben 191 anni fa, infatti, moriva di malattia nella città che gli diede la fama, Vienna.
Per dare il nostro contributo nel commemorare la vita e le grandi opere di questo autore, abbiamo trovato 9 curiosità imperdibili su di lui.

1. Sordità

Molti sapranno che Beethoven era sordo, ma non tutti sanno che i suoi problemi iniziarono già in gioventù. Infatti già all’età di 30 affermava di riuscire a sentire con difficoltà le persone che parlavano a voce bassa, condizione che è poi peggiorata nel tempo facendogli perdere completamente l'udito negli ultimi anni.

2. La nona sinfonia e l’inno alla gioia

Riallacciandoci a quanto detto prima, nonostante la sua completa sordità - che caratterizzò gli ultimi 8 anni della sua vita - riuscì comunque a comporre la parte finale dalla nona sinfonia e l’inno alla gioia senza sentire nemmeno una nota di quelle che, magistralmente, metteva sul pentagramma.

3. Il piombo

Morì a causa di una brutta cirrosi epatica, ma si è pensato a lungo che questa fosse la conseguenza di un avvelenamento da piombo. Si ritrovò infatti un'alta concentrazione dell'elemento nel suo organismo, forse per un unguento spalmato dopo un’operazione chirurgica o per il calice da cui beveva. Il piombo inoltre causa irritabilità, blocco renale e del fegato, tutte cose che l’autore manifestò alla fine della sua vita. Tuttavia una ricerca della Mount Sinai school of medicine di New York ha recentemente smentito queste ipotesi: secondo le ultime analisi, concentrazione era comunque troppo bassa per causare un avvelenamento.

4. Fu arrestato

Leggenda vuole che il grande musicista fu arrestato perché creduto un vagabondo. Si dice che, un giorno, andasse in giro vestito in maniera così sciatta che venne ritenuto vagabondo e arrestato. Nonostante il fatto che affermasse più volte di essere il celebre musicista, non venne liberato finché non intervenne il direttore di orchestra.

5. Irascibile

Era molto irascibile e di pessimo carattere. Dimenticava sempre tutto e aveva scatti di collera improvvisi e, di conseguenza, viveva da solo, senza servitori, poiché non riuscivano a sopportarlo, nel disordine più totale. Nonostante tutto voleva un bene dell’anima al nipote Karl, di cui era tutore, che nominò suo erede nel testamento in punto di morte. Tuttavia, sembra che il rapporto tra i due non fosse sempre rose e fiori: il giovane Karl avrebbe tentato il suicidio perché non sopportava i continui rimproveri dello zio brontolone.

6. Il cuore

Beethoven soffriva di varie malattie, tra cui delle aritmie cardiache. Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che il ritmo di alcune sue sinfonie si basino proprio sul ritmo del suo cuore malato.

7. La sifilide

Secondo un’ipotesi, sembra che la sifilide di cui soffrirono molti personaggi famosi, tra cui Nietzsche e Wilde, abbia amplificato il loro genio creativo e, sempre secondo teoria, è ciò che sarebbe successo anche a Beethoven. Questa teoria comunque non è stata ancora confermata.

8. Il suicidio

Quando, in gioventù, si accorse del progredire della sua sordità e realizzò che questo avrebbe distrutto la sua carriera da musicista, pensò addirittura di suicidarsi per porre fine a questo tormento. Ma si trattò sempre di un pensiero che non mise mai in pratica.

9. Al chiaro di luna

Sembra che la celebre composizione sia stata scritta da Beethoven per Giulietta Guicciardi, che era sua allieva. Si pensa inoltre che sia lei l’“immortale amata” a cui fu dedicata la lettera d’amore che Schindler trovò dopo la morte del compositore.

10. La "Cura Ludovico"

Alex DeLarge, il protagonista del film cult di Kubrick "Arancia Meccanica" tratto dal libro di Burgess, è grande appassionato di Beethoven, la cui musica è colonna sonora delle sue vicende, comprese le "notti brave". Ironia della sorte vuole che però, Alex venga sottoposto alla "Cura Ludovico", che consiste nella visione coatta - insieme a un farmaco che induce forte nausea - di scene violente, in alcuni casi accompagnate dalla musica di Beethoven. A causa di un effetto collaterale della "Cura", in futuro Alex non riuscirà più ad ascoltare la Nona senza provare nausea e panico.

Riccardo Caracci
Consigliato per te
Tornano i Cinemadays: ecco tutte le date del cinema a 3 euro!
Skuola | TV
Buona estate ragazzi!

La Skuola Tv ritornerà ad ottobre! Buona estate ragazzi!

3 ottobre 2018 ore 16:30

Segui la diretta