Chi non mette la mascherina potrebbe essere "antisociale": lo studio

Lucilla Tomassi
Di Lucilla Tomassi
antisociale

Rispetti le misure di contenimento e metti la mascherina oppure no? Rispondi a questa domanda e ti dirò chi sei, o quasi. Infatti tramite uno studio svolto da Science Direct, citato persino sull’autorevole testata britannica Independent e poi riportato anche dall’Huffingtonpost, si sono isolati due tipi di profili: “antisociale” ed “empatico” proprio in relazione al comportamento delle persone con le misure di sicurezza imposte dalla pandemia attualmente in corso.
Ma scopriamone qualcosa in più.

Guarda anche

Lo studio sulla reazione alla pandemia

La ricerca, che per ovvi motivi è la prima nel suo genere, è stata svolta in America Latina e si basa su interviste condotte su un campione di 1.500 persone tra i 18 e i 73 anni. A queste persone è stato sottoposto un questionario tramite il quale gli scienziati hanno voluto analizzare la capacità empatica e gli impulsi provati dai soggetti in base ai sentimenti suscitati da altre persone. Tra i temi affrontati anche l’uso della mascherina come strumento di protezione collettivo, in particolar modo in quest’ultimo periodo.

I risultati della ricerca: empatico e antisociale i due profili

Sulla base delle risposte fornite dagli intervistati è stato dunque possibile identificare due profili distinti: il primo, “antisociale”, si è dimostrato connesso a chi opponeva resistenza all’adozione delle misure di sicurezza anti-Covid, tra le quali ovviamente figura anche la mascherina. Mentre il secondo profilo delineato è stato definito “empatico” ed è stato collegato agli intervistati rispettosi delle misure anti-contagio.

Non indossi la mascherina? Sei “antisociale”

Ma come mai non indossare la mascherina e in generale l’essere restii all’adottare misure di sicurezza anti-Covid dovrebbe portare a essere “antisociali”? Ebbene, il profilo degli “antisociali” ha mostrato punteggi più alti nelle domande relative a “insensibilità, inganno, ostilità, impulsività, irresponsabilità, manipolazione e assunzione di rischi”, tipici del disturbo antisociale di personalità (ASPD). I soggetti appartenenti a questo profilo hanno ottenuto anche punteggi più bassi in ambito di risonanza affettiva. Il profilo “empatico”, al contrario, è risultato connesso a punteggi più alti nell’ambito della risonanza affettiva e a punteggi minori nelle domande associate a tratti associati a disturbo ASPD. Proprio questo ha spinto l’Indipendent a sottolineare che: “Il team che ha condotto lo studio ha affermato di sperare che i risultati aiutino a convincere le autorità sanitarie a fare di più per educare le persone ai giusti comportamenti. Attraverso l’individuazione delle persone che presentano tratti di disturbo antisociale è possibile effettuare interventi volti a stimolare la consapevolezza dell’importanza ricoperta dal rispetto delle misure di contenimento”.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

20 novembre 2020 ore 15:00

Segui la diretta