5 foto che possono rovinare la tua reputazione

Generazioni Connesse
In collaborazione con Generazioni Connesse

 foto di copertina 5 foto che possono rovinare la tua reputazione

Chi è che non si è mai scattato un selfie? Che sia davanti allo specchio del proprio bagno di casa o davanti al proprio piatto preferito, ad ognuno di noi piace farsi una foto per poi condividerla con gli amici sui social. Tuttavia, superato il momento di vanità, bisogna riflettere e stare molto attenti a ciò che si sta postando. Perché anche un autoscatto apparentemente insignificante può rovinarti la reputazione. Come capirlo? A questo ci pensa Generazioni Connesse, il Safer Internet Centre italiano coordinato dal Miur, che con la sua “eroica” campagna ha creato 7 “eroi” ispirati agli errori più comuni da evitare sul web, tra cui la dipendenza da social. Tra questi c’è la Ragazza Visibile che, proprio come te o come quel tuo amico che non sopporti più sui social network, non fa altro che scattarsi selfie. Per evitare di diventare come questa “super-eroina”, ecco allora le 5 foto da evitare per non rovinare la tua reputazione sui social e che potrebbero sfuggire al tuo controllo girando all’impazzata sul web, anche contro il tuo volere…

5. I selfie in bagno… (ma perché?)

Come, quando e perché abbia preso piede questa moda non si sa. Fatto sta che, oltre ad essere evidentemente antiestetica, può anche compromettere la tua reputazione social. Immagina le possibili prese in giro e battute cattive a cui potrebbe portarti una foto simile… E allora, perché non scattarti un selfie in cucina? Magari ci sarà la mamma di mezzo a “rovinarvi” la foto, ma sempre meglio che vedere il dentifricio esploso sul lavandino…

4. 1000 foto con la tua dolce metà (troppo spinte)

Amore, perché non ci facciamo un selfie?” e “Perché no?”. Non c’è nulla di male, infatti, a farsi un selfie con il proprio amore. L’importante è che questi non siano in quantità industriale e troppo spinti. Per prima cosa, perché certi momenti così intimi è meglio tenerli nel cuore che sul proprio profilo social. E per seconda cosa, perché i vostri amici potrebbero “collassare” nel vedere tutto questo amore sulla propria “home”. Quindi, oltre che alla tua reputazione pensa anche alla loro salute…

3. Le foto in situazioni a dir poco compromettenti

Ma quello sono davvero io?!”. Se guardando una tua foto sui social (non postata da te) ti poni questa domanda, forse hai fatto qualcosa di cui ti sei pentito. Sperando che non sia nulla che possa portare la polizia a bussare a casa tua nell’immediato, forse è il caso di rimuovere quella foto. Specie se questa ti ritrae in situazioni “compromettenti” e tra i tuoi “amici social” c’è anche tua mamma…

2. Foto troppo personali? (Meglio di no…)

Che siano selfie in pigiama o “simili”, è meglio abolire questo tipo di foto. Anche perché, a chi interessa sapere se il vostro pigiama è a quadri o è ricoperto da orsetti? Certe cose, è meglio tenerle per sé. A meno che tu non voglia essere preso in giro a vita dai tuoi amici rovinando, così, la tua reputazione sui social in meno di una notte…

1. Selfie osè/ammiccanti

 foto di Zoolander

A volte ci si sente belli come modelli (che fa anche rima) ed è per questo, forse, che si decide di scattarsi selfie osè/ammiccanti. Tuttavia, che siate ragazzi o ragazze è meglio non condividerli. Non solo perché il chilo di troppo o la piccola imperfezione che odi da tutta la vita potrebbe venire meglio del tuo sorriso a 32 denti, ma soprattutto perché molti amici potrebbero giudicarti in maniera negativa facendosi una cattiva idea di te. Mentre altri “amici” (che magari non conosci nella vita reale) potrebbero far girare le tue foto sul web mettendoti davvero nei guai. Dunque, questo tipo di foto è meglio lasciarle fare ai modelli o alla Ragazza Visibile…


> > > Non postare contenuti a caso solo per un "like", segui i consigli di Generazioni Connesse!

La responsabilità di questa pubblicazione è esclusivamente della testata. L'Unione europea non è responsabile dell'uso che può essere fatto delle informazioni ivi contenute.

Daniel Strippoli

Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità