Maturità 2019, si salvi chi può! Confessioni di una maturanda

SkuolaCLAN
Di SkuolaCLAN

Quinto anno. Ultimo anno di scuola. Ultimo primo giorno di scuola. Potrebbe sembrare tutto molto triste, si sa si lasciano i compagni, si comincia a diventare grandi… se non fosse che in questo fatidico anno c’è una sola emozione che prevale in noi studenti: l’Ansia. Vi chiederete “l’ansia di che?” L’ansia durante l’ultimo anno arriva per diverse ragioni, prima fra tutti la Maturità. Tutt’al più se proprio quando arriva il tuo turno di fare l’esame, qualcuno decide che il vecchio format della Maturità fatto nel 1997 non va più bene
Penso di parlare a nome di tutti noi maturandi quando dico che siamo la “generazione cavia”. Quello che ci fa ancora più paura è il fatto di non saper esattamente come sarà il nuovo esame. Quello che si sa è che l’alternanza sarà l’argomento centrale della prova orale e qui la domanda che sorge a noi spontanea è: “ma in che senso?” Dovremo fare un resoconto delle nostre esperienze, o un commento a riguardo, o parlare dei vantaggi che questa attività ci ha dato?


Si sa anche che le prove scritte saranno due invece che tre e che la prima sarà il tema di italiano e la seconda verterà sulle materie di indirizzo. E infine il temutissimo orale.
E qui si arriva a parlare al timore più grande di ogni studente: l’essere sorteggiato come primo candidato all’orale. In genere questa cosa farebbe paura in qualsiasi esame per via dell’immensa pressione a cui si è sottoposti, o perché si è come il “metro di giudizio” dei professori. Ma questo succede in qualsiasi altro ambito della vita, per esempio nelle gare sportive, a me è capitato di prendere un punteggio più basso da parte dei giudici perché non sapevano cosa aspettarsi dalla categoria. Ma ora basta divagare, guardiamo in faccia la realtà, il primo che sarà sorteggiato quest’anno sarà colui che per primo salterà nel vuoto, nell’ignoto ed è questa la paura più grande. Non si sa davvero granché di questo nuovo esame, il che ci rende alquanto confusi e preoccupati per ciò che sarà di noi. Si è ovviamente anche parlato delle prove invalsi, ma personalmente non ho capito molto. E io che avevo paura dell’esame di terza media... Si dice anche che forse la Maturità 2019, con il nuovo ministro cambierà ulteriormente, fate un po’ voi.

Io personalmente ho più paura di quello che succederà dopo. È come se ci gettassero in un mare pieno di squali senza essere sicuri che sappiamo nuotare. Questo è il mondo del lavoro di oggi. Quest’ultimo anno è scandito dalle incertezze e dalla confusione. Per non parlare dei test d’ingresso delle Università, penso siano quelli che fanno davvero paura. E io sono pure fortunata a sapere esattamente cosa voglio fare nella vita, tanti altri ragazzi della mia età, invece, non ne hanno la minima idea e venendo catapultati così nel “mondo dei grandi” non possono che essere sempre più confusi.

In sostanza non esiste un vero e proprio modo per “sopravvivere” a questi nuovi esami, bisogna solo rimboccarsi le maniche e fare il necessario per superarli nel miglior modo possibile.

Eleonora

Questo articolo è stato scritto da Eleonora, studentessa. Se ti piace scrivere e vuoi far parte del nostro team di blogger, scrivi a blogger@skuola.net o clicca qui

Skuola | TV
Buona estate ragazzi!

La Skuola Tv ritornerà ad ottobre! Buona estate ragazzi!

3 ottobre 2018 ore 16:30

Segui la diretta