Traccia e soluzione saggio Tecnologia pervasiva

giorgia m.
Di giorgia m.

Questo articolo contiene un allegato
Traccia e soluzione saggio Tecnologia pervasiva scaricato 345 volte

tracce e soluzione della Prima Prova Saggio tecnico-scientifico

In questa pagina puoi trovare la soluzione delle tracce del saggio breve di ambito tecnico-scientifico (tipologia B) della prima prova di maturità 2014 sulla "Tecnologia pervasiva". Rimanete connessi per trovare lo svolgimento della traccia che i nostri tutor stanno elaborando per voi in tempo reale!


SOLUZIONE DELLA TRACCIA

Recente passato o immediato futuro?


La diffusione crescente delle nuove tecnologie, dell’informazione e della comunicazione, ha portato ad una trasformazione profonda del sistema produttivo italiano e la loro pervasività incide sulla produzione sia all’interno delle imprese, sia nei rapporti relazionali.

La ‘rivoluzione tecnologica’ comporta una ridefinizione dei fattori di competitività, degli elementi chiave per le funzioni aziendali e, in generale, dell’affermazione di nuovi processi organizzativi. Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione possiedono proprio la caratteristica di potenziare e facilitare gli aspetti relazionali delle imprese grazie ad una comunicazione più rapida e pervasiva. Proprio questa indagine ha reso disponibili le informazioni relative all’utilizzo di reti informatiche permettendo di sfruttare un vantaggio competitivo non solo in relazione agli aspetti prettamente distrettuali ma anche riguardo l’efficienza e la possibilità di effettuare il cosiddetto “commercio on – line”. Internet, ormai, è diventato uno strumento diffuso e il più imponente canale di comunicazione. Si vive costantemente con il timore di non essere aggiornati. Si parla addirittura di “transumanismo” come movimento culturale che sostiene l'uso delle scoperte scientifiche e tecnologiche per aumentare le capacità fisiche e cognitive, migliorando così quegli aspetti della condizione umana che sono considerati indesiderabili, come la malattia o l'invecchiamento, in vista anche di una possibile trasformazione.

Di norma, i transumanisti sono a favore dell'utilizzo delle tecnologie emergenti, incluse quelle attualmente ritenute anche controverse, come l'ingegneria genetica sull'uomo e gli usi avanzati dei computer e delle comunicazioni. Spesso ritengono che l'intelligenza artificiale un giorno supererà quella umana proprio perché gli esseri umani possono e dovrebbero diventare "più che umani" attraverso l'applicazione delle innovazioni tecnologiche.

Come citato dal documento (F.CHIUSI, TRANS UMANO la trionferà, “l‟Espresso” – 6 febbraio 2014) il “trasferimento della mente” porterebbe ad una copia del nostro cervello trasferito in uno stato non umano (ad esempio un computer). Pertanto la personalità di ogni singolo si ridurrebbe ad essere inglobata in un sistema meccanologico. La tecnologia è onnipresente nei cartelli della segnaletica, in quelli pubblicitari, nelle stanze di casa nostra, negli oggetti della quotidianità. Tutto questo è uno scenario “pervasivo”, poiché tende a diffondersi ovunque prendendo animo o mente in modo completo. Quale aggettivo migliore, dunque, per definire la tecnologia, diventata nel corso degli ultimi anni sempre più presente nelle nostre vite, parte integrante delle nostre interazioni col mondo che ci circonda. I social network, gli smart phone e i tablet sono oggetti indispensabili, gadget che portiamo sempre con noi e che all’occorrenza diventano delle vere e proprie “finestre sul mondo”. In un futuro non troppo lontano, l’umanità come la conosciamo, non esisterà più, perché l’uomo, radicalmente trasformato dalla tecnologia, diverrà simile ai “cyborg” tanto cari alla fantascienza. Questo pone interrogativi e l’homo sapiens, oggi immerso in una tecnologia pervasiva, è diventato piuttosto un “homo technologicus”.

È il “tempo ciclico della natura”, come definisce nel suo articolo Galimberti (Umberto GALIMBERTI, Psiche e techne. L’uomo nell’età della tecnica, Feltrinelli, Milano 2002), in quanto con la tecnologia gli uomini oggi possono avere ciò che un tempo erano costretti a domandare agli dei, operando una sorta di congedo da essi. L'uomo non più il soggetto della storia ma è diventato il soggetto della tecnica che diventa già oggetto di riflessione in Grecia nel V secolo a. C. con Eschilo, nella sua tragedia “Prometeo”.

E sempre il problema che ritorna fin dall'antichità: è più forte la tecnica o sono più forti le leggi di natura?
Questa è soltanto la punta dell’iceberg, un assaggio di ciò che sarà il futuro. La tecnologia va avanti, mai così velocemente come in questo periodo e si rischia di rimanere indietro e restare ancorati al passato piuttosto che aprirsi a questo “immediato futuro”.

COMMENTO ALLA TRACCIA


Quanto sa essere pervasiva la tecnologia? Robot, computer, sistemi operativi (iOs, Android), tablet: in una parola "progresso". E' questo l'argomento del saggio di ambito tecnico-scientifico su cui dovranno cimentarsi, per questa prima prova, i nostri maturandi.

Una traccia di indubbia attualità, che i candidati potranno svolgere seguendo e citando le fonti riportate sul plico ministeriale, tra cui spiccano: Trans Umano la trionferà di Fabio Chiusi, dove con "transumanismo" si intende "un sistema coerente di fantasie razionali parascientifiche"; E il robot prepara cocktail e fa la guerra, di Massimo Gaggi, che in poche righe ci spiega come i robot siano già da tempo usciti dalle fabbriche: "Il bancomat è un bancario trasformato in macchina, in servizio notte e giorno"; La tecnologia da sola non fa scuola di Dianora Bardi, focalizzata sul rapporto tra i giovani e i nuovi mezzi di comunicazione, studio e apprendimento; Psiche e techne. L’uomo nell’età della tecnica di Umberto Galimberti e la sua idea di "progresso verso un avvenire senza meta".

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta