Come fare curriculum vitae? Guida al CV perfetto

 foto di assunzione

Come si fa un curriculum vitae? Una domanda a cui non è semplice rispondere, specie se hai da poco terminato la scuola e non hai mai avuto esperienze lavorative. E allora ecco che ci si scatena sui motori di ricerca cercando cose come "esempio di cv compilato", "come impostare un curriculum", "come fare un curriculum vitae esempio", "curriculum vitae già fatto" ecc. rischiando così di ritrovarsi con un documento word/PDF che mixa le tue esperienze a quelle di tal Mario Rossi. Ma questo, è ovviamente sbagliato. Soprattutto perchè non bisogna dimenticare che i migliori curriculum sono personalizzati e, soprattutto, redatti in funzione delle esigenze dell’azienda a cui si vuole fare richiesta. Ecco perchè affidarsi solo ad un esempio di curriculum vitae compilato può essere rischioso. E allora, tornando alla domanda iniziale, come si prepara un curriculum vitae che ti faccia far colpo? Te lo spiega Skuola.net insieme a Virgin Radio nell'appuntamento settimanale con le professioni "introvabili" all'interno della trasmissione Buongiorno Dr Feelgood. Ma intanto ecco qualche trucchetto su come impostare un curriculum vitae.

Come scrivere un curriculum vitae


#1 CREA UN CURRICULUM PERSONALIZZATO

- In primo luogo, il segreto del successo è sicuramente quello di fare un cv accattivamente. Non a caso, la maggior parte dei curricula che si vedono in giro sono davvero parecchio generici, poco accattivanti. Il segreto, allora è quello di uscire dalla mischia. In che modo? Accumulando esperienze e credenziali non banali, come ad esempio un periodo all'estero.


#2 COME FARE CURRICULUM

: ATTENZIONE ALLE SOFT SKILL – Non tutti sanno che le cosiddette "soft skills" sono fondamentali per essere scelti da un’azienda. Serve a poco, infatti, avere mille esperienze lavorative se poi non si è in grado, per esempio, di lavorare in gruppo, non si hanno capacità critiche o di “problem-solving”.


#3 FARE UN CURRICULUM VITAE

: NON TRALASCIARE NULLA - Nel fare il curriculum non tralasciare nessuna esperienza lavorativa. Neanche quella che può sembrarti più "insignificante". Anche perchè le aziende, spesso, non cercano giovani con competenze specifiche già sviluppate, anzi... Preferiscono ragazzi ancora da formare. Per questo motivo, appunto, nel fare un cv dai spazio a quei dettagli, non solo formativi e lavorativi, che convincano il tuo potenziale datore di lavoro che la mansione per cui ti presenti sia fatta su misura per te.


#4 COME FARE CV

: ESPERIENZE LAVORATIVE - Spesso mentre si scrive il curriculum ci si può ritrovare in forte imbarazzo nell'essere privi di esperienze lavorative. Ma questo non deve accadere. Sia per quanto detto prima (e cioè perchè le aziende preferiscono ragazzi da formare) sia perchè anche la minima esperienza lavorativa può essere utile per far capire che sei una persona responsabile, che sa gestire il proprio tempo e che sa lavorare con gli altri. Tutte caratteristiche, come detto, molto richieste nel mondo del lavoro.


Fatevi notare anche con una bella lettera di presentazione!

Come si fa un curriculum: come fare colpo


#1 COME FARE UN CV

: CONVINCERE - Primo punto da tenere a mente nel fare il cv è quello di persuadere il lettore. E per farlo bisogna capire le esigenze della singola azienda. Per esempio, una potrebbe volere assumere candidati che conoscono bene l’inglese, un’altra potrebbe cercare quelli che hanno delle spiccate capacità di lavorare bene in squadra e così via. Quindi bisogna essere molto attenti a questi elementi.


#2 FARE UN CV

: COSA VOGLIONO LE AZIENDE - Come fare colpo sul vostro futuro (e potenziale) datore di lavoro? Sicuramente facendo un curriculum basandosi sulle esigenze dell’azienda e in base al ruolo che si vuole ricoprire. Come fare a capire queste cose? Studiando il sito dell’azienda, i comunicati stampa, il profilo dei senior managers, ecc. E prestando attenzione all’offerta di lavoro pubblicata. Insieme a queste, infatti, le aziende pubblicano il cosiddetto job profile, con il quale descrivono la figura lavorativa che stanno cercando. Ovviamente non devi "barare", ma questo espediente può esserti utile per fare il curriculum utilizzando le stesse parole chiave e facendo risaltare le skills richieste.


#3 COME FARE IL CURRICULUM VITAE

: COME CONVINCERE L’AZIENDA AD ASSUMERVI - Una volta che avete completato la ricerca, dovete fare in modo che il vostro CV rispecchi le esigenze dell’azienda. Prima di tutto, ricordate che quello che scrivete all’inizio e alla fine del CV avrà più impatto sul lettore. Trovate il modo di ribadire più volte i punti di forza importanti. Se capite che vanno evidenziate le capacità di lavoro di squadra, parlatene più di una volta: i progetti di squadra svolti alle superiori, l’appartenenza ad un gruppo teatrale o rock, quella ad una squadra sportiva, il vostro lavoro in un campo estivo in un team di animatori, e così via. Utilizzate lo stesso linguaggio, addirittura le stesse parole chiave, che vedete usate nel job profile, nei comunicati stampa e nel sito dell’azienda: quelle sono parole che fanno parte della “cultura aziendale”.


Come scrivere un curriculum vitae: esempi pratici


IL FORMATO EUROPEO

- Ma ecco, ora, nella pratica, come si presenta un curriculum ben redatto rispettando il modello del Formato Europeo.


Il modello del Formato Europeo del C.V. è diviso in 6 sezioni (la sezione n. 4 ha 6 sotto-sezioni):

1. Informazioni personali (nome cognome, indirizzo, telefono, fax, e-mail, nazionalità, luogo e data di nascita).

2. Esperienza lavorativa (data dalla più recente alla più remota, nome e indirizzo del datore di lavoro, tipo di azienda, tipo di impiego, principali mansioni o responsabilità).

3. Istruzione e formazione (titoli di studio).

4. Capacità e competenze personali (acquisite nel corso della vita e della carriera ma non necessariamente riconosciute da certificati e diplomi ufficiali):

4.1. Lingua madre e Lingue straniere (distinguere capacità di lettura, scrittura, espressione orale):
•eccellente = ottima padronanza della lingua, scritta e orale, in un contesto lavorativo
internazionale
•buono = capacità di comprendere e formulare messaggi di carattere professionale (come
parlare al telefono o scrivere una lettera, eventualmente con l’aiuto di un dizionario);
capacità di partecipare ad una conversazione di tipo generale; essere in grado di esprimere
un’opinione
•elementare = capacità di esprimersi e farsi capire nell’ambito di comunicazioni elementari;
capacità di capire semplici messaggi scritti

•patente europea DELF (lingua francese)
•patente europea PET (lingua inglese)

4.2 Capacità e competenze relazionali: descrive abilità e attitudine a stabilire e gestire rapporti con altre persone, utilizzando modalità di comunicazione appropriate. Si tratta, ad esempio, della capacità di lavorare con gli altri, di dare e chiedere informazioni in modo chiaro e preciso, di
redigere correttamente testi scritti, di parlare in pubblico, ecc. Esse possono essere acquisite e
sviluppate in vari modi e in diversi contesti: a scuola, sul lavoro, in famiglia o con gli amici.
Esempi: Ho acquisito capacità di lavorare in gruppo collaborando alla realizzazione del giornale
della mia scuola. Sono capace di relazionarmi con il pubblico perché ho lavorato nel negozio di
famiglia nei fine settimana. So presentare prodotti e fare proposte di vendita in quanto spesso
partecipo al mercatino domenicale del mio quartiere. Ho imparato a parlare in pubblico poiché
sono stato rappresentante degli studenti della mia scuola.

4.3 Capacità e competenze organizzative: si riferiscono alla capacità di scegliere, decidere e
attuare la strategia più adeguata nel contesto specifico in cui si opera. Si tratta, ad esempio, della
capacità di operare in un’organizzazione, di organizzare e gestire eventi, progetti, ecc. Solitamente,
queste competenze riguardano il proprio comportamento professionale e sono spesso descritte con la
formula essere in grado di, essere capace di, ecc.
Esempi: Sono capace di organizzare autonomamente le mie vacanze e quelle dei miei amici,
utilizzando le varie forme di agevolazione proposte ai giovani (pacchetto Inter-rail, vacanze-studio,
campi di lavoro estivi, ecc.). Sono in grado di organizzare manifestazioni gastronomiche, eventi e
spettacoli perché collaboro con la Proloco (Ente di promozione turistica) del mio Paese.

4.4 Capacità e competenze tecniche: descrivono la padronanza di una determinata tecnica o
tecnologia connessa all’esercizio di una professione (ad es. competenze informatiche, competenze di
gestione di tecnologie specifiche come macchinari e attrezzature).
Patente Europea del computer ECDL (livello base o Core level e livello avanzato o Advanced).
Esempi: Sono capace di realizzare siti Web. Possiedo competenze di Informatica utente poiché
eseguo occasionalmente lavori di battitura testi utilizzando Word. Sono in grado di utilizzare
strumenti fotografici perché collaboro con uno studio fotografico in occasione di cerimonie e servizi
esterni.

4.5 Capacità e competenze artistiche: esperienze maturate con la frequenza a corsi di teatro,
musica, pittura o capacità di suonare uno strumento, di recitare, di allestire un video, ecc.

4.6 Patente o patenti di guida (A, B, C, ecc.).

5. Ulteriori informazioni: indicazioni che ritieni utili a sostegno della tua candidatura (ad es. pubblicazioni o lavori di ricerca, cariche particolari, ecc.).

6. Allegati: elencare, in ordine cronologico, e, quindi, allegare le fotocopie dei documenti che dimostrano la veridicità delle competenze e delle attività descritte nel Curriculum Vitae.

Come si prepara curriculum vitae: 10 trucchi conclusivi

COME SI FA IL CV

- Ed ecco, infine, alcune indicazioni pratiche su come fare un bel curriculum evitando di affidarti troppo a esempi di curriculum vitae già compilati.


#10 Dall'ultima alla prima esperienza lavorativa

Per fare un curriculum vitae perfetto bisogna innanzi tutto tenere i propri dati sempre aggiornati rispettando un ordine ben preciso: bisogna partire dall'ultima alla prima esperienza lavorativa! E lo stesso vale per il percorso di studio. Si parte, quindi, per esempio, dalla laurea magistrale fino al diploma superiore.

#9 Un curriculum personalizzato


Un esempio di cv compilato può essere utile come spunto ma non deve essere quello definitivo. Questo, infatti, deve essere scritto in maniera diversa a seconda delle esigenze dell’azienda. Come fare per capirle? Fate una ricerca sul sito dell’azienda, studiando bene alcuni settori come la mission statement, i comunicati stampa, il profilo dei senior managers, ecc.

#8 Fare il cv senza dimenticare nulla


Spesso, sopratutto al termine della scuola o dell'università, ci si trova in imbarazzo nello scrivere un curriculum vitae senza esperienza o con pochissima esperienza lavorativa. Ad ogni modo, nel caso in cui tu abbia svolto, anche se per pochissimo tempo, un qualsiasi lavoro scrivilo! Questo perchè l'aver svolto qualche mansione non è un dettaglio da poco anzi, dà l'idea di essere responsabili.

#7 Come si presenta un curriculum? Con la foto...


Potra sembrare banale ma la presenza della foto è importantissima, proprio come si vede anche esempi di curriculum vitae già compilati. È importante, inoltre, che questa abbia determinate caratteristiche (come il formato tessera), che tu sia raffigurato con un abbigliamento adatto e che, soprattutto, ci sia raffigurato tu. Se, come base, hai utilizzato un esempio di cv compilato ricordati di sostituire la foto...

#6 Fare curriculum vitae con creatività...


Non dimenticate l'obiettivo principale del fare il curriculum: rimanere impressi nella mente di chi lo visionerà. Quindi spazio all'originalità e scatenati, per esempio, con infografiche e video. Insomma, fai di tutto per colpire l'azienda su cui hai puntato.

#5 ...e non mentendo troppo...

Ricorda che in sede di colloquio il datore di lavoro può smentirti facilmente e capire se hai detto una bugia. Quindi, nel fare un curriculum vitae non esagerare nel dire, per esempio, che conosci una lingua se l'inglese lo hai studiato solo a scuola e nemmeno troppo bene.

#4 Come impostare curriculum: l'inizio e la fine


Nel fare un cv ricorda che esistono delle posizioni strategiche come, appunto, l'inizio e la fine. Son queste che restano più impresse ed è proprio lì, quindi, che ti conviene mettere le informazioni più importanti o quelle che vorresti far spiccare.

#3 Non dimenticare le esperienze lavorative nel tuo cv


Per esempio, se inserisci il voto del tuo diploma, devi fare altrettanto per quello di laurea. Così come se inserisci le competenze informatiche non puoi tralasciare quelle linguistiche. Non farlo non solo non dà una linea coerente al tuo curriculum ma potrebbe far sospettare all'azienda che tu stia nascondendo qualcosa.

#2 Come fare un bel curriculum? Fallo corto


Nel fare un curriculum vitae è essenziale essere sintentici! Nessuno ha voglia di leggersi e di ricordarsi sopra le tre pagine di dati, esperienze e passioni.

#1 La lettera di presentazione curriculum vitae


Come fare colpo? Di sicuro con una bella lettera di presentazione. Ricorda anche in questo caso che essere sintetici è un vantaggio e, quindi, scrivi solo informazioni utili e che possano fare da contorno al tuo curriculum.

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta