benedettaborrello
benedettaborrello - Ominide - 8 Punti
Salva
impero coloniale spagnolo
Dreke90
Dreke90 - Genius - 6795 Punti
Salva

L'Impero spagnolo fu uno dei primi imperi coloniali europei. Durante il XVI secolo, la Spagna e il Portogallo erano all'avanguardia nell'esplorazione e nell'apertura di nuove rotte commerciali sugli Oceani. Le reti del commercio si estendevano sull'Atlantico, tra la penisola iberica e le Americhe, e sul Pacifico, tra l'Asia orientale e il Messico, passando per le Filippine.

I conquistadores fecero crollare le civiltà azteca e inca conquistando vaste distese di terra nell'America del Nord e del Sud. Per un certo periodo l'Impero Spagnolo dominò gli oceani con la sua esperta marina e dettò legge sui campi di battaglia europei con la sua impavida e ben addestrata fanteria (tercio). La Spagna visse a cavallo fra il XVI e il XVII secolo il suo Siglo de Oro.

Oro e argento provenienti dalle colonie finanziarono le ambizioni militari degli Asburgo di Spagna in una lunga serie di guerre africane ed europee. Tra l'annessione dell'Impero portoghese nel 1580 (durata fino al 1640) e la perdita delle sue colonie americane nel XIX secolo, la Spagna mantenne il più vasto impero dopo quello britannico, anche se subì alterne fortune economiche e militari a partire dagli anni quaranta del XVII secolo.

Le continue contese con le potenze rivali provocarono conflitti territoriali, commerciali e religiosi che contribuirono al lento declino della potenza spagnola a partire dalla metà del XVII secolo. Nel Mediterraneo la Spagna guerreggiò costantemente con l'Impero ottomano; sul continente europeo, la Francia divenne forte quanto la Spagna. Nell'Atlantico, la Spagna rivaleggiò inizialmente con il Portogallo, e successivamente con inglesi e olandesi. La pirateria finanziata da inglesi, francesi e olandesi, l'eccessiva estensione dei suoi territori, la crescente corruzione del governo, la stagnazione dell'economia causata dalle spese militari e dall'afflusso di metalli preziosi, tutto ciò in definitiva contribuì a questo declino. L'impero europeo spagnolo venne infine disfatto dalla Pace di Utrecht (1713), che tolse alla Spagna i suoi territori restanti in Italia e nei Paesi Bassi. Le fortune spagnole migliorarono in seguito e la Spagna continuò ad essere, fino ad epoca napoleonica, una potenza non di secondo piano nella politica continentale europea.

La Spagna mantenne ed espanse il suo vasto impero d'oltremare fino al XIX secolo, quando lo shock della guerra Peninsulare innescò dichiarazioni d'indipendenza in Venezuela e Paraguay (1811) e rivoluzioni successive che divisero i suoi territori nell'America continentale. La Spagna mantenne frammenti significativi del suo impero nei Caraibi (Cuba e Porto Rico); in Asia (Filippine), e in Oceania (Guam, Micronesia, Palau, e Marianne Settentrionali) fino alla guerra ispano-americana del 1898. La partecipazione spagnola alla corsa all'Africa non rivestì un'importanza particolare: il Marocco spagnolo venne mantenuto fino al 1956, mentre la Guinea spagnola e il Sahara spagnolo rispettivamente fino al 1968 e al 1975. Le isole Canarie, Ceuta, Melilla e le altre plazas de soberanía sono tuttora parte della Spagna.

fonte wikipedia!=) immagino che era questo che volevi cmq ho trovato quaclosa anche qui nei appunti del sito dai un okkiata:)https://www.skuola.net/storia-moderna/mega-riassunto-storia.html

Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Salva
controlla i nostri appunti:
appunti di storia
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email