GGIIUULLIIAA070707
GGIIUULLIIAA070707 - Ominide - 4 Punti
Rispondi Cita Salva
QUALCUNO POTREBBE Dirmi che figure retoriche ci sono in questo testo...GRAZIE IN ANTICIPO

Il Segugio Meccanico dormiva, ma senza dormire, viveva, ma senza vivere, nel suo canile dolcemente ronzante, dolcemente vibrante, tutto soffuso d'una luce blanda, in fondo a un angolo buio della casa del fuoco. La luce fioca dell'una dopo mezzanotte, la luce della luna che pioveva dal gran cielo aperto incorniciato nell'intelaiatura della finestra immensa, sfiorava qua e là il bronzo, il rame, l'acciaio della belva percorsa da un lievissimo tremito. La luce sfavillava su perline color rubino e sui sensibili peli capillari nelle narici irsute di nylon della creatura che fremeva, vibrava lievissimamente con le otto zampe disposte come quelle di un ragno sotto il corpo su zampe dai cuscinetti di gomma.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa