• Latino
  • VERSIONI LATINO (50906)

    closed post
Stefy!
Stefy! - Ominide - 24 Punti
Salva

1)BOI ROMANORUM SOCIOS PROFLIGANT
P. Aelius consul boios audiverat ante suum adventum incursiones in agros sociorum fecisse; ideo duas legiones subitarias tumultus causa conscriptis; quattuor cohortes de exerictu suo ad eas addidit; demum C.Ampium, praefectum sociorum, hac tumultaria manu agrum Boiorum invadere iussit, Ampius ad hostium fines pervenit et primo populationes satis prospere ac tuto fecit. Delegit deinde ad castra satis idoneum locum; postea, cum iam in agris maturae essent segetes, ad frumentationem animum intendit.Minime vero curaverat stationes satis firmas ad defensionem militum intermium atque operi intentorum ponere; itaque cum improvviso Gallorum impetus frumentatores circumvenisset, tum pavor fugaque etiam armatos cepit. Multi milites per segetes dissipati motem invenerunt, ceteri in castra confegerunt. Narrant supersites, cum proxima nocte magnam partem rerum suarum reliquissent, ad consulem per saltus prope invios pervenisse

2)DE PUGNA APUD MARATHONA
Cum Athena nuntius pervenisset Dario in animo esse exercitus comparare ut contra Graeciam bellum susciperet totamque Europam invaderet, Athenienses, ignorantes quidam facerent, alios in alias urbes legatos miserunt, rogatum ut sibi subvenirent. Sed cum omnes civitates, in primis Lacedaemonii, multis de causis auxilia eis recusavissent, et uni Plataeenses mille tantum hominum agmen misissent, Athenienses Persarum innumeram multitudinem non reformidaverunt statueruntque soli pro Graeciae libertate dimicare. Tum vero refulsit miltiadis rei militaris peritia;qui ut animum militibus suis adderet pavoremque hostibus iniceret, non dubitavit aciem contra Persas apud Marathona instuere. In maximo discrimine Athenienses, qui exoptaverant morti occumbere potius quam libertatem amittere, tanta virtute pugnaverunt ut decemplicem hostium numerum profligaverint. Ita Athenienses in acie fuderant Persas illos quorum conspectum nemo umquam antea toleraverat, libertatemque sibi et toti Graeciae comparaverunt; cuius facinoris gloriam omnes rerum scriptores maximis laudibus celebraverunt semperque celebrabrunt in omne aevum.

RINGRAZIO TUTTI IN ANTICIPO!! :satisfied :hi

Aggiunto 23 ore 15 minuti più tardi:

mi hanno dato una fotocopia perciò non so da che libro è presa...
cmq devo andare in 2 superiore...

__La_CoCcOlInA__
__La_CoCcOlInA__ - Sapiens Sapiens - 1287 Punti
Salva

da che libro l'hai presa? che anno fai?
P.S.: la prima la sto facendo io !

Aggiunto 6 ore 1 minuti più tardi:

Il console P. Elio aveva saputo che i Boi prima del suo arrivo avevano fatto incursioni nei campi degli alleati, così arruolate due legioni a causa del tumulto, aggiunse a quelle quattro coorti del suo esercito; infine ordinò che C. Ampio, prefetto degli alleati, invadesse con questo (tumultuaria) manipolo il campo dei Boi. Si spinse maggiormente verso i confini dei nemici e per prima cosa rese più sicuri e prosperi le popolazioni. Inoltre scelse un luogo idoneo per l'accampamento e dopo, essendo nei campi già tempo della semina, spinse l'animo alla frumentazione. In vero aveva curato poco le stazioni abbastanza ferme per la difesa dei soldati inermi e di porre all'opera (intentorum); e così all'improvviso avendo circondato l'impeto dei Galli i frumentatori, allora una grande paura e la fuga prese anche gli armati. Molti soldati scappati per i campi trovarono la morte.
__________________

Essendo giunto un messaggero ad Atene ed essendo in animo a Dario di preparare un esercito per scatenare guerra contro la grecia e invadere tutta l'europa, gli ateniesi, ignorando cosa fare, mandarono alcuni luogotenenti in alcune città per chiedere che venissero da loro. Ma tutte le città, in primis i lacedemoni, rifiutando a quelli truppe ausiliarie per molte ragioni, e avendo mandato solo i platesi una schiera di mille uomini, gli ateniesi non (reformidaverunt cercalo) la moltitudine numerosa dei persiani e decisero da soli di lottare per la libertà della grecia.

Aggiunto 24 secondi più tardi:

spero siano giuste !
figurati !

silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Salva

2)DE PUGNA APUD MARATHONA
Cum Athenas nuntius pervenisset Dario in animo esse exercitus comparare ut contra Graeciam bellum susciperet totamque Europam invaderet, Athenienses, ignorantes quidnam facerent, alios in alias urbes legatos miserunt, rogatum ut sibi subvenirent. Sed cum omnes civitates, in primis Lacedaemonii, multis de causis auxilia eis recusavissent, et uni Plataeenses mille tantum hominum agmen misissent, Athenienses Persarum innumeram multitudinem non reformidaverunt statueruntque soli pro Graeciae libertate dimicare. Tum vero refulsit miltiadis rei militaris peritia;qui ut animum militibus suis adderet pavoremque hostibus iniceret, non dubitavit aciem contra Persas apud Marathona instuere. In maximo discrimine Athenienses, qui exoptaverant morti occumbere potius quam libertatem amittere, tanta virtute pugnaverunt ut decemplicem hostium numerum profligaverint. Ita Athenienses in acie fuderant Persas illos quorum conspectum nemo umquam antea toleraverat, libertatemque sibi et toti Graeciae comparaverunt; cuius facinoris gloriam omnes rerum scriptores maximis laudibus celebraverunt semperque celebrabrunt in omne aevum.

LA BATTAGLIA DI MARATONA
Essendo giunta ad Atene la notizia che Dario aveva in animo di allestire eserciti per intraprendere la guerra contro la Grecia e l'intera Europa, gli Ateniesi, non sapendo che cosa fare, inviarono alcuni ambasciatori in alcune città, altri in altre, per chiedere che venissero loro in aiuto. Ma benchè tutte le città, principalmente gli Spartani, per molti motivi avessero loro rifiutato gli aiuti, e i soli Plateesi avessero mandato un esercito di soli mille uomini, gli Ateniesi non ebbero paura dell'enorme moltitudine di Persiani e decisero di combattere da soli per la libertà della Grecia. Allora risplendette l'abilità nell'arte militare di Milziade; egli, per aggiungere coraggio ai suoi soldati e per incutere paura nei nemici, non esitò a schierare l'esercito contro i Persiani presso Maratona. Nella grandissima prova decisiva gli Ateniesi, che avevano preferito incontrare la morte piuttosto che perdere la libertà, comnbatterono con tanto valore che sconfissero un numero di nemici dieci volte più grande. Così gli Ateniesi avevano sbaragliato in battaglia quei Persiani, la cui vista nessuno in precedenza aveva mai sopportato, e procurarono la libertà a sè e all'intera Grecia; e tutti gli scrittori celebrarono con grandissime lodi la gloria di questa impresa e la celebreranno per sempre.

ciao Stefy! :hi

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email