Stefy!
Stefy! - Ominide - 24 Punti
Salva

Romani et Albani statuerant ut tres iuvenes gemini utriusque exercitus pro omnibus pugnarent et victor esset popolus, cuius bellatores certamini superfuissent. Cum tempus pugnae venisset, aderant utrimque pro castris commilitones et reges ipsi qui exercitibus praeerant, nec ullus mis aberat. Omnes animos ad illud certamen intentos habebant et deos immortales orabant ut civibus suis propitii adessent. Haud grande spatium interduos exercitus intererant. Cum reges simul signum certaminis dedissent, iuvenes gladios destrinxerunt et in aciem concurrerunt. Cum duo Horatii primo impetu cecidissent, Albani qui certamini aderant in magnam spem victoriae venerunt et cives suos plausu et clamore incitare coeperunt. Horatiorum autem qui incolumis superfuerat dolum excogitavit ut victoriam etiam solus obtinere posset. Nam se videns illaesum, Curiatios contra vulneratos, cum fugam simulavisset et tres adversarios magno intervallo divisos vidisset, singulos ad pugnam provocavit; ideo cum tria singularia certamina sustinuisset semperque victor discessisset, victoria Romanis obtigit.

SU INTERNET C'è MA è SBAGLIATA!

GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE RISPONDERANNO!!

silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Salva
Romani et Albani statuerant ut tres iuvenes gemini utriusque exercitus pro omnibus pugnarent et victor esset popolus, cuius bellatores certamini superfuissent. Cum tempus pugnae venisset, aderant utrimque pro castris commilitones et reges ipsi qui exercitibus praeerant, nec ullus mis aberat. Omnes animos ad illud certamen intentos habebant et deos immortales orabant ut civibus suis propitii adessent. Haud grande spatium interduos exercitus intererant. Cum reges simul signum certaminis dedissent, iuvenes gladios destrinxerunt et in aciem concurrerunt. Cum duo Horatii primo impetu cecidissent, Albani qui certamini aderant in magnam spem victoriae venerunt et cives suos plausu et clamore incitare coeperunt. Horatiorum autem qui incolumis superfuerat dolum excogitavit ut victoriam etiam solus obtinere posset. Nam se videns illaesum, Curiatios contra vulneratos, cum fugam simulavisset et tres adversarios magno intervallo divisos vidisset, singulos ad pugnam provocavit; ideo cum tria singularia certamina sustinuisset semperque victor discessisset, victoria Romanis obtigit.


I Romani e gli Albani avevano stabilito che tre giovani gemelli di entrambi gli eserciti combattessero per tutti e fosse vincitore il popolo, i cui combattenti fossero sopravvissuti allo scontro. Essendo giunto il momento della battaglia, erano presenti tutti i compagni d'armi da entrambe le parti e gli stessi re, che erano a capo degli eserciti e non era assente nessun soldato (miles? non mis). Avevano gli animi rivolti a quel combattimento e pregavano gli dei immortali di assistere propizi ai loro concittadini. Non c'era grande spazio fra i due eserciti. Avendo i re dato il segnale della battaglia contemporaneamente, i giovani sguainarono le spade e corsero verso il campo di battaglia. Poichè due Oriazi erano caduti al primo assalto, gli Albani, che erano presenti allo scontro nutrirono (lett.: vennero in...) una grande speranza di vittoria e cominciarono ad incitare i loro connazionali con applausi e grida. Ma quello degli Oriazi che era sopravvissuto incolume escogitò un inganno per poter ottenere la vittoria anche da solo. Infatti, vedendo sè illeso, e invece feriti i Curiazi, avendo finto la fuga e avendo visto gli avversari separati da un grande spazio, li provocò singolarmente (ad uno ad uno) a battaglia; e perciò avendo sostenuto tre combattimenti singoli ed essendo risultato sempre vincitore, la vittoria toccò ai Romani.


ciao stefy :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email