• Latino
  • versione latino (4162)

    closed post
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Domani dovrebbe tradurre la vers....
paolaa
paolaa - Sapiens - 310 Punti
Rispondi Cita Salva
ah ok.grazie:thx
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74904 Punti
Rispondi Cita Salva
Si si la traduco io appena posso
paolaa
paolaa - Sapiens - 310 Punti
Rispondi Cita Salva
Non mi risponde più nessuno!Please!:blush
alkalewi
alkalewi - Genius - 6460 Punti
Rispondi Cita Salva
aveva detto all'ora di pranzo o sbaglio???
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Ha detto che quando aveva tempo traduceva...
paolaa
paolaa - Sapiens - 310 Punti
Rispondi Cita Salva
ok!scusate...
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
paolaa : ok!scusate...
Figurati!
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74904 Punti
Rispondi Cita Salva
Datemi un pò di tempo, per oggi pomeriggio faccio qsta
paolaa
paolaa - Sapiens - 310 Punti
Rispondi Cita Salva
ok!grazie lo stesso..
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74904 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco fatto

Una volta Catone, ancora vestito dell’abito di pretesta (l’abito che si indossava fino ai 16- 17 anni), essendo venuto a salutare Silla a casa sua, vide delle teste di proscritti che aveva portato nel vestibolo. Profondamente stupito da quell’orribile spettacolo, domandò al suo precettore, chiamato Sarpedone, come mai non si trovava nessuno per uccidere un tiranno cosi crudele. Sarpedone gli rispose che non era la volontà che mancava agli uomini, ma i mezzi a causa delle guardia numerosa che proteggeva Silla. Il ragazzo lo supplicò allora di dargli un pugnale, assicurando che gli sarebbe stato molto facile uccidere Silla, perchè aveva l’abitudine di sedersi sul suo letto. Il precettore riconobbe a queste parole il carattere di Catone, rabbrividì del suo piano e da quel momento, egli non lo mandò più da Silla senza averlo prima perquisito.
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Con tutte queste versioni state uscendo pazzi... Ecco testo e traduzione

Cato, cum salutandi gratia, praetextatus ad Sullam uenisset et capita proscriptorum in atrium adlata uidisset, atrocitate rei commotus paedagogum suum nomine Sarpedonem interrogauit quapropter nemo inueniretur, qui tam crudelem tyrannum occideret: cumque is non uoluntatem hominibus, sed facultatem deesse, quod salus eius magno praesidio militum custodiretur, respondisset, ut ferrum sibi daret obsecrauit, adfirmando perfacile se eum interfecturum, quod in lecto illius considere soleret. Paedagogus et animum Catonis agnouit et propositum exhorruit eumque postea ad Sullam excussum semper adduxit.

Una volta Catone, ancora vestito dell’abito di pretesta (l’abito che si indossava fino ai 16- 17 anni), essendo venuto a salutare Silla a casa sua, vide delle teste di proscritti che aveva portato nel vestibolo. Profondamente stupito da quell’orribile spettacolo, domandò al suo precettore, chiamato Sarpedone, come mai non si trovava nessuno per uccidere un tiranno cosi crudele. Sarpedone gli rispose che non era la volontà che mancava agli uomini, ma i mezzi a causa delle guardia numerosa che proteggeva Silla. Il ragazzo lo supplicò allora di dargli un pugnale, assicurando che gli sarebbe stato molto facile uccidere Silla, perchè aveva l’abitudine di sedersi sul suo letto. Il precettore riconobbe a queste parole il carattere di Catone, rabbrividì del suo piano e da quel momento, egli non lo mandò più da Silla senza averlo prima perquisito.
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74904 Punti
Rispondi Cita Salva
Si brava ipply mi ero dimenticato di mettere il testo originale
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Non fa niente, messo io... così facciamo un pò di ordine.... Bravo comunque, quanta pazienza hai!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Bravo para...;)

Pagine: 123

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email