• Latino
  • versione di latino: la legislazione di licurgo

    closed post best answer
yogogo
yogogo - Ominide - 14 Punti
Salva

versione su la legislazione di licurgo.
Lycurgus non magis inventione legum quam exeplo maior fuit; siquidem nihil lege ulla in alios sanxit,cuius non ipse primus in se documentum daret.
Parsimoniam omnibus suasit, existimans laborem militiae adsidua frugalitatis consuetudine faciliorem fore.
Fundos omnium aequaliter inter omnes divisit, ut aequata patrimonia neminem potentiorem altero redderent.
Convivia omnes publice habere iussit, ne ullae divitiae in occulto essent.
Iuvenibus unam vestem toto anno adhibere permisit, nec sivit quemquam cultius quam alterum vestiri, ne imitatio in luxuriam verteretur.
Pueros non in forum, sed in agrum deduci praecepit, ut primos annos non in luxuria, sed in opere et laboribus agerent.
Statuitque nihil eos somni causa substenere, et vitam sine pulmento degere, neque prius in urbem redire, quam viri facti essent.
Virgines sine dote nubere iussit, ut uxores eligerentur, non pecuniae, severiusque matrimonia sua viri coercerent, cum nullis dotis frenis tenerentur.

silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Salva

Lycurgus non magis inventione legum quam exeplo maior fuit; siquidem nihil lege ulla in alios sanxit,cuius non ipse primus in se documentum daret.
Parsimoniam omnibus suasit, existimans laborem militiae adsidua frugalitatis consuetudine faciliorem fore.
Fundos omnium aequaliter inter omnes divisit, ut aequata patrimonia neminem potentiorem altero redderent.
Convivia omnes publice habere iussit, ne ullae divitiae in occulto essent.
Iuvenibus unam vestem toto anno adhibere permisit, nec sivit quemquam cultius quam alterum vestiri, ne imitatio in luxuriam verteretur.
Pueros non in forum, sed in agrum deduci praecepit, ut primos annos non in luxuria, sed in opere et laboribus agerent.
Statuitque nihil eos somni causa substenere ( ?? ), et vitam sine pulmento degere, neque prius in urbem redire, quam viri facti essent.
Virgines sine dote nubere iussit, ut uxores eligerentur, non pecuniae, severiusque matrimonia sua viri coercerent, cum nullis dotis frenis tenerentur.

Licurgo non fu più grande più per l'invenzione delle leggi che per l'esempio, se è vero che non decretò contro gli altri con nessuna legge nessuna pena, di cui non desse prova per primo personalmente su di sè. Ispirò a tutti la moderazione, ritenendo che la fatica del servizio militare sarebbe stata più facile con la costante assuefazione alla temperanza. Divise le proprietà terriere di tutti in maniera uguale fra tutti, affinchè i patrimoni resi uguali non rendessero nessuno più potente di un altro. Ordinò che tutti tenessero i banchetti in pubblico, affinchè nessuna ricchezza rimanesse nascosta. Concesse ai giovani di usare in tutto l'anno una sola veste, e non permise che qualcuno si abbigliasse in maniera più ricercata di un altro, affinchè l'imitazione non fosse tramutata in desiderio lussuoso. Impose che i bambini non fossero condotti alla piazza, ma nei campi, perchè trascorressero i primi anni non nel lusso, ma nel lavoro e nelle fatiche. Stabilì che essi non .... ??... nulla per sonno, e che trascorressero la vita senza pietanze di carne, e che non tornassero in città, prima che si fossero fatti uomini. Ordinò che le vergini si sposassero senza dote, affinchè fossero scelte le mogli, non il (loro) denaro, e affinchè i mariti tenessero a freno con più severità i loro matrimoni, dal momento che non erano legati da alcun vincolo di dote.

ciao yogogo :hi

victorinox
victorinox - Genius - 2527 Punti
Salva
l'inizio è un po' diverso, ma il resto è uguale

Licurgo instituì leggi agli Spartani che non ne avevano e fu famosissimo tanto che per l'invenzione delle leggi quanto per gli esempi di onestà. Inculcò parsimonia a tutti, giudicando il lavoro dell'esercito più facile per la dimistichezza. Abolì l'uso d' oro e d'argento come la causa di ogni scelleratezza. Divise i poderi di ognuno tra tutti, affinchè non ci fosse un cittadino più forte dell'altro. Ordinò che tutti convivessero pubblicamente, affinchè non ci fossero nè ricchezza nè lussuria di nascosto, nè permetteva di avere una veste più ornata o di fare ricchi banchetti. Ordinò che i fanciulli adulti fossero abbandonati non nel foro, ma nel campo, affinchè (non trascorresse) i primi anni non in lussuria, ma nella manodopera e nei lavori. Ordinò che le vergini si maritassero non per le doti, affichè le donne fossero scelte non per il danaro. Attribuì grandissimi onori agli anziani per la maggiore esperienza di età, in nessuna altra cittadinanza l'anziano fu onorato di più di quanto lo fosse a Sparta.


NON E' PROPRIO QUESTA !!! :con

fonte: http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080325094948AA6CQEe

Questa risposta è stata cambiata da silmagister (17-09-10 19:38, 8 anni 2 mesi 26 giorni )
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email