Lorenzo91
Lorenzo91 - Sapiens - 310 Punti
Rispondi Cita Salva
"Rispetto dei Romani per il giuramento" di Valerio Massimo

Inizio: M. Pomponius L. Manlium apud populum violatae legis et nimiae severitatis accusabat.

Fine: ...vinculis multati sunt qui pro nihilo iusiurandum duxerat atque violaverant.

chi può darmi una mano??
italocca
italocca - Genius - 16560 Punti
Rispondi Cita Salva

ecco a te

M. Pomponio [?Pomponius?, non Pompilius, giusto?] accusava L. Manlio d?aver violato la legge [conviene sciogliere il participio congiunto] e di eccessiva severit?, giacch? [nam] Manlio, contravvenendo (appunto) alle leggi, aveva protratto i giorni della propria dittatura [lett. aveva aggiunto un certo numero di giorni alla propria dittatura] ed aveva segregato il (proprio) figlio Tito dal consorzio umano [ab hominibus], costringendolo [lett. e (lo) aveva costretto?] a vivere in campagna [ruri, locativo]. Della qual cosa Tito si rincresceva moltissimo.
Ciononostante, quando Tito venne a sapere che il padre aveva delle noie da Pomponio [exhibere negotium alicui? = dare delle noie a qualcuno, qui al passivo], fece ritorno a Roma di nascosto e, giunto sul far del giorno [primo mane] a casa sua [= di Pomponio], impugnata la spada sopra il capo di lui [sempre Pomponio], lo costrinse a giurare che avrebbe desistito dall?accusa di Manlio [ovvero rivolta a Manlio].
A Pomponio, ch?era tribuno della plebe, interessava [suppongo ?intererat?] moltissimo [?permagni?, gen. stima] accusare Manlio, (ch?era invece) sostenitore dei patrizi, eppure, bench? avesse giurato (perch?) costretto con la forza e atterrito dalla spada (sguainatagli contro), rinunci? all?accusa e mantenne la parola data.
Tanto grande [?tanti?, gen. stima] era ritenuto il valore del giuramento, presso gli antichi, che la lealt? [fides] veniva anteposta a qualsivoglia vantaggio.
Si riteneva, in effetti, che fosse di sommo interesse per lo Stato che i cittadini fossero non solo valorosi, ma anche onesti e leali, e disposti a subire ogni cosa piuttosto che venir meno [non servare] alla parola data. A (buon) diritto, dunque, presso di loro [ovvero, presso gli antichi Romani, appunto] furono tenuti sempre in gran conto [plurimi, ancora gen. stima] quei cittadini che mantennero, con scrupolo d?onore [religiose], la parola data; di contro, furono puniti con l?ignominia, con la perdita dei diritti civili [deminutione capitis], con l?esilio o con la prigione [vinculis, propr. catene] coloro che avessero [lett. avevano] considerato di nessun conto [pro nihilo] un giuramento e (dunque lo avessero) violato.

pukketta
pukketta - Mito - 72506 Punti
Rispondi Cita Salva
chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV

In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di settembre
Vincitori di settembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email