Giuliia
Giuliia - Ominide - 25 Punti
Salva
:D

tribuni c. Licinius et L. Sextius promulgavere leges omnes adversus opes patriciorum et pro commodis plebis: unam de aere alieno, alteram de modo agrorum, ne quis plus quam quingenta iugera agri possiderat; tertiam, ut consulum alter ex plebe crearetur; cuncta ingentia nec sine certamine maximo obtineri potuerunt.
Nam hoc discrimen omnium simul rerum, quarum immodica cupido inter mortales est conterruit patres, qui nullum remedium adversus tribunicias rogationes comparaverunt praeter intercessionem. Itaque patres tribunos alios adhibuerunt qui, iussu patrum, ne recitari quidem Licinii Sextiique rogationes siverunt. "Bene habet. - inquit Sextius - Quandoquidem tantum intercessionem pollere placet, isto ipso telo defendemus plebem". Haud inritae cecidere minae: nulla comitia haberi praeter aedilium tribunorumque plebi nec ullos curules magistratus creari Licinius Sextiusque intercessione permiserunt. Itaque, cum plebs reficeret duos tribunos et ei comitia tribunorum militum tollerent, ea solitudo magistratuum per quinquennium urbem tenuit.

Aggiunto 2 minuti più tardi:

aaah il titolo è : il diritto di veto come strumento della lotta politica. Da Livio
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Salva
tribuni c. Licinius et L. Sextius promulgavere leges omnes adversus opes patriciorum et pro commodis plebis: unam de aere alieno, alteram de modo agrorum, ne quis plus quam quingenta iugera agri possideret; tertiam, ut consulum alter ex plebe crearetur; cuncta ingentia nec sine certamine maximo obtineri potuerunt.
Nam hoc discrimen omnium simul rerum, quarum immodica cupido inter mortales est conterruit patres, qui nullum remedium adversus tribunicias rogationes comparaverunt praeter intercessionem. Itaque patres tribunos alios adhibuerunt qui, iussu patrum, ne recitari quidem Licinii Sextiique rogationes siverunt. "Bene habet. - inquit Sextius - Quandoquidem tantum intercessionem pollere placet, isto ipso telo defendemus plebem". Haud inritae cecidere minae: nulla comitia haberi praeter aedilium tribunorumque plebi nec ullos curules magistratus creari Licinius Sextiusque intercessione permiserunt. Itaque, cum plebs reficeret duos tribunos et ei comitia tribunorum militum tollerent, ea solitudo magistratuum per quinquennium urbem tenuit.

i tribuni C. Licinio e L. Sestio promulgarono tutte le leggi contro le sostanze dei patrizi e in vista dei vantaggi della plebe: una sul debito, un'altra sulla misura delle proprietà terriere (dei campi), in modo che nessuno possedesse di più di 500 iugeri di terreno; una terza, che uno dei due consoli venisse creato proveniente dalla plebe; tutte cose importanti e che non poterono essere ottenute senza un grossissimo scontro.Infatti, questo punto di divario insieme di ogni condizione, di cui c'è uno smodato desiderio tra gli uomini, atterrì i patrizi, che non trovarono alcun rimedio contro le proposte dei tribuni, tranne l'opposizione. Così i patrizi sfruttarono altri tribuni i quali, per ordine dei senatori stessi, non permisero che fossero neppure esposte (lette) le proposte. « Sta bene - disse Sestio - dal momento che è gradito che l'opposizione abbia tanto potere, difenderemo la plebe con questa stessa arma». Le minacce non caddero vane: Licino e Sestio, per opposizione, non permisero che si tenesse nessun comizio all'infuori di quelli degli edili e dei tribuni per la plebe e che non fosse creato alcun magistrato curule. Così, rieleggendo la plebe i due tribuni ed eliminando essi i comizi dei tibuni militari, quella mancanza di magistrati occupò la città per cinque anni.

ciao Giuliia :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email