• Latino
  • urgente bisogno..di qsta versione tradotta...HelpppPppPp

    closed post
*Dbk*
*Dbk* - Sapiens - 390 Punti
Rispondi Cita Salva
Cum ad eundem rivum lupus et agnus sitientes convenissent, in eodem loco se non collocaverant; nam supra stabat lupus, infra et longe agnus. Cum autem improbus latro se cibo farcire hunc vorando cuperet, iurgii causam invenit. <<Tu>> inquit (=disse),<<turbulentam aquam mihi bibenti fecisti>>. Cum agnus timide respondisset: <<Non facere possum quod deploras, lupe; a te enim ad meas fauces aqua decurrit >>, ille infestum animum non deposuit: <<Ante hos sex menses>>, inquit,<<maledicus in me fuisti>>. Tum agnus: <<Equidem in vitam nondum veneram>>. Lupus, cum exclamavisset: <<Pater, hercule, tuus in me maledicus fuit>>, in misellum agnum prosiluit, eum corripuit et iniustis dentibus sceleste laniavit.
Haec fabella illos homines damnat qui fallacibus causis innocentes opprimunt.


x piacere postate la traduzione di qsta favola..ke io nn riesco a trovare...vi ringrazio in anticipo...

p.s:grazie supegaara x le frasi..ho preso 7...;):move

se potete entro stasera la traduzione..grazieeee
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Cum ad eundem rivum lupus et agnus sitientes convenissent, in eodem loco se non collocaverant; nam supra stabat lupus, infra et longe agnus. Cum autem improbus latro se cibo farcire hunc vorando cuperet, iurgii causam invenit. <<Tu>> inquit (=disse),<<turbulentam aquam mihi bibenti fecisti>>. Cum agnus timide respondisset: <<Non facere possum quod deploras, lupe; a te enim ad meas fauces aqua decurrit >>, ille infestum animum non deposuit: <<Ante hos sex menses>>, inquit,<<maledicus in me fuisti>>. Tum agnus: <<Equidem in vitam nondum veneram>>. Lupus, cum exclamavisset: <<Pater, hercule, tuus in me maledicus fuit>>, in misellum agnum prosiluit, eum corripuit et iniustis dentibus sceleste laniavit.
Haec fabella illos homines damnat qui fallacibus causis innocentes opprimunt.

Allo stesso rivo erano giunti il lupo e l'agnello spinti dalla sete; in alto stava il lupo e molto più in basso l'agnello. Ed ecco che il predone, stimolato dalla sua gola maledetta, tirò fuori un pretesto per litigare. «Perché», disse, «mi hai intorbidato l'acqua proprio mentre bevevo?». E il batuffolo di lana, pieno di paura, risponde: «Scusa, lupo, come posso fare quello che recrimini? È da te che scorre giù l'acqua fino alle mie labbra». Respinto dalla forza della verità, il lupo esclama: «Sei mesi fa hai sparlato di me». L'agnello ribatte: «Io? Io non ero ancora nato».«Perdio», lui dice, «è stato tuo padre a sparlare di me». E così lo abbranca e lo sbrana, uccidendolo ingiustamente. Questa favola è scritta per quegli uomini che opprimono gli innocenti con false accuse.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV

In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di settembre
Vincitori di settembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

anny=)

anny=) Moderatore 30840 Punti

VIP
Registrati via email