• Latino
  • traduzione versioni il diluvio universale e il vaso di pandora

    closed post
angel2010
angel2010 - Ominide - 42 Punti
Salva

IL DILUVIO UNIVERSALE
Iuppiter, in sententia firmus humani generis deldendi, convocatis ad concilum diis, propositum suum ostendit iuravitque, depositis fulminibus ne in communi incendio Olympus quoque delerentur, se universo diluvio ab imis fundamentis ad altissima montium calcumina terras cunctas subnersurum esse.
Proinus Notus, terribilem vultum caligine tectus, madidis alis ex antris evolat: barba est gravis nimbis, e capillis unda fluit, in fronta sedent nebulae, alarum pinnae et vestis sinus rorant.
Pendentia nubila manu premit: fit fragor; densi nimbi ab aethere funduntur.
Iris, Iunonis nuntia, varios induta colores, aquas concipit alimentaque nubilis adfert.
Neptunus, caeruleus Iovis frater, ut fratrem undis adiuvet, amnes convocat, qui fontibus ora relaxant et defrenato sursu in aequora volvuntur.
Ipse tridente terram percutit, quae intremit motuque aquarum vias patefacit.
Per apertos campos flumina ruunt: cum satis arbusta, pecudes viros, tecta rapiunt.
Unda omnia tegit, pressaeque turres sub gurgite latent. Iam mare et tellus nullum discrimen habent: omnia pontus sunt, desunt quoque litora ponto.

IL VASO DI PANDORA=Cum vellet luppiter homines quoque punire qui, Promethei fraude, donum non sibi destinatum accepissent, modum cogitavit quo malis antea ignotis eos oppressos tenere posset. Vulcanum filium ad se vocavit iussitque eum mulièris simulacrum aqua et limo formare, quae decoris iuventae florem vultu ostendèret. Vulcanus se totum operi dedidit pulcherrimaeque mulièris perfectissimam imaginem finxit, cui ceteri dii, lovis iussu, sua dona dederunt ut coelicolis similis videretur. luppìter Pandoram eam vocavit, id est totam donis praedltam, Mercurioque dedit, ut ad Epimethèum,Promethei fratrem, comitaretur. Qui, quamvis a fratre ne Pandoram acciperet monìtus esset, pulchri-tudine captus amoreque incensus, eam uxorem duxit. luppìter dolium, in quo omnia mala clausa erant, Pandorae, quae ab Olympo profectura erat, tradidèrat monueratque ne id aperiret. Sed mulier, visendi studio quid in eo esset indulgens, postquam Epimethéo nupsit, id aperuit seroque reclusit cum iam mala, praeter rerum futurarum Spem, effusa erant. Coelicòlum ultima, Spes, in terris cum hominibus mansit. GRZ IN ANTICIPO!

ShattereDreams
ShattereDreams - VIP - 100934 Punti
Salva

Giove,volendo punire anche gli uomini che,per l'inganno di Prometeo,avevano ricevuto un dono non destinato a loro,pensò ad un modo con cui potesse tenerli oppressi con mali a loro prima ignoti.Chiamò a se il figlio Vulcano e gli ordinò di creare con acqua e fango una figura di donna,che mostrasse sul volto il fiore della giovinezza. Vulcano diede tutto se stesso nell'opera e creò l'immagine perfettissima di una donna bellissima,alla quale gli altri dei,su ordine di Giove,diedero i loro doni affinché apparisse simile agli dei. Giove la chiamò Pandora,cioè tutta provvista di doni,l'affidò a Mercurio affinché l'accompagnasse da Epimeteo,fratello di Prometeo.Costui,sebbene fosse stato avvisato dal fratello di non accogliere Pandora,rapito dalla sua bellezza e ardente d'amore,la sposò. Giove aveva consegnato a Pandora,che stava per partire dall'Olimpo,un vaso,nel quale erano stati chiusi tutti i mali e le aveva raccomandato di non aprirlo. Ma la donna,cedendo al desiderio di vedere cosa ci fosse in esso,dopo aver sposato Epimeteo,lo aprì e lo richiuse tardi quando già tutti i mali,tranne la Speranza delle cose future,erano stati dispersi.L'ultima degli dei,la Speranza,rimase sulla terra con gli uomini.

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email