• Latino
  • SERVE AIUTO PERFAVORE

    closed post
desafree
desafree - Ominide - 3 Punti
Salva
Non riesco a tradurre questa versione

Si ei contigisser fortuna eius virtibus par, certe Eumenes nmulto illustor atque honaratior fuissset; tamen,quod magnos homines virtute metimur non fortuna, ille maximus in omnibus rebus fuit; vincebat enim omnes vigilantia, patientia,calliditate et celeritate ingenii. sed cum vixisset iis temporibus quibus Macedones florebannt, multum ei obfuit quod ab aliena civitate venerat atque sturpe non generosa ortus erat. ille peradulescentulus ad amicitiam accesit Philippi, Amyntae filii,brevique tempore in intimam cum eo familiaritatem pervenit. itaque hic habuit apud regem scribae locus: id apud graecos multo honorificentius est quam apud Romanos. Namque apud Romanos scribae mercenarii existimantur,apud graecos autem ad id officium admittitur solum is qui honestus ac fidus est,quod necesse est eum omnium consiliorum domini esse participem. hunc locum Eumenes tenuit apud Philippum per annos eptem. illo interfeccto,scriba comesque fuit Alexandri filii. postea praefuit eiam equitum alae quae Hetaericae appellabatur. Alexandro Babylone mortuo,cum summa potestas Perdiccae tradita esset atque imperium inter regis comites divideretur, data est Eumeni Cappadocia
ShattereDreams
ShattereDreams - VIP - 100067 Punti
Salva
Se gli fosse capitata una fortuna pari alle sue virtù, senza dubbio Eumene sarebbe stato molto più celebre e stimato; tuttavia, poiché giudichiamo gli uomini grandi in base al valore, non in base alla fortuna, egli fu gloriosissimo in ogni circostanza; infatti superava tutti in attenzione, perseveranza, astuzia e prontezza di ingegno. Ma essendo vissuto ai tempi in cui i Macedoni fiorivano, gli fu molto d'ostacolo il fatto di essere giunto da una città straniera e di non discendere da una stirpe nobile. Egli da giovanissimo si avvicinò all'amicizia di Filippo, figlio di Aminta, e in poco tempo giunse con esso ad un'intima familiarità. E così costui ebbe la mansione di scriba presso il re: ciò presso i Greci era molto più onorevole che presso i Romani. Infatti presso i Romani gli scribi sono ritenuti mercenari, mentre presso i Greci viene ammesso a tale mansione solo colui che è onesto e fedele, poiché è necessario che costui sia partecipe di tutte le decisioni del padrone. Eumene mantenne questa posizione presso Filippo per sette anni. Dopo che quello [= Filippo] fu ucciso, fu scriba e compagno del figlio Alessandro. In seguito fu anche a capo di quell'ala della cavalleria che era chiamata Eterica. Morto Alessandro a Babilonia, essendo stato consegnato il sommo potere a Perdicca ed essendo diviso l'impero tra i compagni del re, ad Eumene fu data la Cappadocia.



:hi
desafree
desafree - Ominide - 3 Punti
Salva
grazxie infinite!!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

camillamm

camillamm Blogger 33 Punti

VIP
Registrati via email