• Latino
  • Latino-Traduzione versione Seneca.

    closed post
Anthrax606
Anthrax606 - VIP - 24950 Punti
Salva
Iram ne temperemus, sed ex toto («del tutto») a mente eam removeamus. Nec ulla res proderit magis quam («più che») cogitatio mortalitatis. Sibi quisque («ciascuno») atque alteri dicat: “Quid («Che cosa») iuvat iras indicere et brevem aetatem dissipare tamquam in aeternum genitos («come se fossimo stati generati per l’eternità»)? Quid («Che cosa») iuvat dies, quos in voluptatem honestam impendere licet, in dolorem alicuius transferre? (inf. pres. di transfero)? Cur («Perché»), nostrae imbecillitatis immemores, ingentia odia suscipimus et ita fragiles consurgimus? Cur («Perché») vitam conturbamus? Stat supra caput Fatum; istud tempus, quod destinas alienae morti, fortasse circa tuam («in prossimità della tua») est”.


Grazie in anticipo a chiunque si appresterà a rispondere. :D
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

eleo

eleo Moderatore 20793 Punti

VIP
Registrati via email