Stefy!
Stefy! - Ominide - 24 Punti
Salva

DE DEORUM OFFICIIS ET MUNERIBUS
rerum scriptores tradiderunt graecos et romanos multos deos coluisse,eisque varia officia et munera tribuisse.nam iovem optimum maximum predicabant ominium deum hominumumque patrem et regem esse, eiusque uxorem et sorerem iunonem mulierum patientim patronam et adiutricem esse. Dianam,qua etiam aretmidem appellabant, in silvis inter venationes vitam degere dicebant, eiusque fratrem apollinem medicinae et poeticae arti praeesse.Vulcanum in Atenae cavernis vitam degisse apud Homerum et Virgilium legimus, fulmina fratri iovi cum cyclopibus excudentem.Antiqui mercurium quoque colebant, deorum nuntium, in cuius capite et pedibus putabant alas esse , quo velocius per aerem se posset movere.Narrant cum quodam induos angues inter se rixantes incidisset, mercurium utrumque virga sua diremisse;qua re dicunt ex eo die eum semper caduceum gestavisse, id est virgam duobus anguibus exornatam. Alterum mercurii munus erat mortuos ad inferos adducere.Putabant enim eum levem umbrarum turbam virga aurea coercere et ad imas Orci sedes perducere.

SU INTRNET CE NE SOLO UNA PARTE!
GRAZIE MILLE A TUTTI! :hi

Aggiunto 1 ore 25 minuti più tardi:

GRAZIE MILLE !!!!
CIAOO!! :satisfied :hi

silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Salva

DE DEORUM OFFICIIS ET MUNERIBUS
rerum scriptores tradiderunt graecos et romanos multos deos coluisse,eisque varia officia et munera tribuisse.nam iovem optimum maximum predicabant ominium deum hominumumque patrem et regem esse, eiusque uxorem et sorerem iunonem mulierum patientim ( ??? ) patronam et adiutricem esse. Dianam,quam etiam artemidem appellabant, in silvis inter venationes vitam degere dicebant, eiusque fratrem apollinem medicinae et poeticae arti praeesse.Vulcanum in Aetnae cavernis vitam degisse apud Homerum et Virgilium legimus, fulmina fratri iovi cum cyclopibus excudentem.Antiqui mercurium quoque colebant, deorum nuntium, in cuius capite et pedibus putabant alas esse , quo velocius per aerem se posset movere.Narrant cum quondam in duos angues inter se rixantes incidisset, mercurium utrumque virga sua diremisse;qua re dicunt ex eo die eum semper caduceum gestavisse, id est virgam duobus anguibus exornatam. Alterum mercurii munus erat mortuos ad inferos adducere.Putabant enim eum levem umbrarum turbam virga aurea coercere et ad imas Orci sedes perducere.

I DOVERI E I COMPITI DEGLI DEI

Gli scrittori hanno tramandato che i Greci e i Romani venerarono molti dei, e attribuirono a loro vari doveri e compiti. Infatti proclamavano che Giove ottimo massimo era il padre e il re di tutti gli dei e degli uomini, e che sua moglie e sorella Giunone era la protettrice e l'aiutante delle donne partorienti ( ??? ) . Dicevano che Diana, che chiamavano anche Artemide, trascorreva la vita nei boschi tra le cacce e che suo fratello Apollo presiedeva alla medicina e all'arte della poesia. In Omero e Virgilio leggiamo che Vulcano trascorreva la vita nelle grotte dell'Etna, fabbricando con i Ciclopi i fulmini per il fratello Giove. Gli antichi veneravano anche Mercurio, messaggero degli dèi, sulla testa e sui piedi del quale ritenevano che vi fossero delle ali, per potersi muovere più rapidamente nell'aria. Raccontano che, essendosi imbattuto una volta in due serpenti che lottavano fra loro, Mercurio li avesse separati entrambi con il suo bastone; perciò dicono che da quel giorno avesse sempre portato il caduceo, cioè il bastone ornato con due serpenti. Un secondo compito di Mercurio era di condurre i morti agli inferi. Ritenevano infatti che egli spingesse con il bastone dorato la leggera schiera delle ombre e la conducesse alle più profonde sedi dell'Orco.

ciao stefy! :hi

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email