• Latino
  • "INTER POCVLA" (CAP.31) Familia Romana Pars. I di H.Orberg

    closed post best answer
CuteSquirrel
CuteSquirrel - Ominide - 17 Punti
Salva

Salve a tutti, avrei bisogno di avere al più presto qui la traduzione completa del brano "INTER POCVLA" del libro "Lingua Latina per se Illustrata Pars I. Familia Romana" di H.Orberg.
Grazie di cuore a tutti quelli che mi aiuteranno!

ShattereDreams
ShattereDreams - VIP - 100936 Punti
Salva

La conversazione dei convitati non riguarda solo il cibo e le bevande. Giulio interroga i suoi ospiti sui fatti della città: " Che c'è di nuovo in città? Manco da Roma già da otto giorni, e in questo periodo nessuno mi ha scritto una lettera da lì. Per tale motivo, nè presente nè assente, tramite lettera, non ho saputo nulla di quello che è accaduto di recente a Roma". Emilia "Nessuno ti scriverà nulla sugli eventi cittadini, se non sarai tu a scrivere una lettera prima". Oronte "Non c'è alcun bisogno di aspettare lettere: infatti facilmente puoi avere nuove grazie a messaggeri. Perchè non mandi un servo a Roma?" Giulio "I servi sono cattivi messaggeri. Spesso riferiscono false voci. Mai spedisco a Roma miei schiavi" Cornelio "Come? Ieri vidi un tuo servo sulla via Latina. Ho riconosciuto il viso. Spesso l'ho visto qui" Giulio chiede a Cornelio quale sia il suo nome. Cornelio risponde "Un nome greco, credo. Mida, forse, ma non ne sono sicuro. Dimentico sempre i nomi; infatti ho una cattiva memoria" Oronte "Mida è il nome del re di cui parla questa favola: in una città asiatica una volta viveva un re avido, di nome Mida, che nulla desiderava più delle ricchezze". Giulio, che non vuole sentire la favola, interrompe Oronte dicendo "Non Mida, ma Medo è il nome di un certo mio servo, che ieri ... " Oronte, imperterrito, continua a raccontare "Allora il dio Bacco, che per un beneficio voleva bene al re fa "Ti darò qualsiasi cosa vorrai". Subito Mida "Allora dammi il potere di mutare in oro tutto quello che toccherò. Desidero solo questo per me" Bacco, pur ritenendo che l'avido re avesse desiderato un pessimo dono, tuttavia mantenne la promessa. Giulio impaziente "Taci, Oronte-dice- tutti conosciamo quella favola". Ma Emilia, che non conosce la favola, domanda ad Oronte per quale ragione il dono sia tanto cattivo. Oronte le risponde "La tua domanda è stupida. Infatti Mida, sebbene potesse mutare in oro, con il semplice tocco della mano, la terra, il legno, il ferro, moriva di fame e sete, dato che cibo e bevanda diventavano oro appena li avesse toccati il re. Alla fine il misero re pregò il dio di stornare da lui quel dono disgraziato.
Dunque Bacco lo esortò a lavarsi in un fiume; la cui acqua, appena fu sfiorata dal corpo del re, assunse un colore aureo." Giulio: "Questa è la fine della storia?". Oronte: "È una fine di questa favola, ma ho saputo un'altra storia sullo stesso re. Il dio Apollo aveva fatto sì che Mida avesse orecchie d'asino...". Giulio: "Ne ho abbastanza! Non vogliamo ascoltare le tue storie Greche. Torniamo al mio servo Medo, che ieri è scappato portando con sé un po' di denaro". Cornelio: "Quanto denaro ha rubato?". Giulio: "Circa cento sesterzi. E io che mi fidavo di quel servo più degli altri! D'ora in poi non mi fiderò di nessun servo Greco, infatti non sono degni della mia fiducia: sono tutti infidi e buoni a nulla! Nella mia famiglia credo ci sia solo un servo fedele". A questo punto Emilia interrompe il marito e dice: "Shh, Giulio! Non lodare il servo presente!". Giulio guardando Davo dice: "Ma quel servo è presente, non voglio lodarlo presente. Il Medo invece è assolutamente il più infido di tutti. Lo bastonerò senza dubbio e lo torturerò in tutti i modi, se lo troverò prima che avrà lasciato l'Italia. Se non mi restituirà il denaro, verrà crocifisso!". Cornelio: "Anche se si nasconde ancora a Roma sarà difficile trovare un servo fuggitivo in una città così grande. A Roma infatti ci sono tanti servi quanti uomini liberi". Emilia: "Forse se n'è andato da Roma per amore di una donna. Medo è giovane: cosa non fanno i giovani per amore? Credo si nasconda presso una donna Romana". Oronte: "Dunque non lo si troverà mai, infatti è vero ciò che scrisse Ovidio nell'opera che si intitola "Ars amandi": Quante stelle ha il cielo, tante ragazze ha la tua Roma". Giulio: "Darò subito una grande ricompensa a chi mi riporterà indietro il mio servo fuggitivo". Cornelio: "Quanto denaro darai? Bisogna stabilire una ricompensa". Giulio: "Tanto quanto quello ha rubato". Oronte: "Solo cento sesterzi? Non prometti certo una gran ricompensa!". Ma Emilia esorta suo marito ad essere clemente: "Non torturare Medo so lo trovi. Sii clemente, o mio Giulio! Cento sesterzi non è una gran somma di denaro, come dice Oronte, né qualsiasi altra cosa abbia rubato Medo". Giulio: "Pensi abbia meritato un premio perché ha tenuto lontana la mano dalle tue gemme? Le donne sono troppo clementi: come perdonano facilmente uomini malvagi! Ma la nostra memoria è migliore!". Emilia: "Non conosci questo detto: 'Il padrone severo ha tanti nemici quanti servi'? I servi infatti amano il padrone clemente, odiano quello severo". Giulio: "Senza dubbio i servi mi temono, ma non mi odiano. Infatti non ho mai punito un servo senza motivo. Sono un padrone giusto. Il servo odia un padrone ingiusto, teme quello giusto e severo senza odiarlo. Neanche a un servo conviene arrecare ingiuria, ma è necesario punire severamente gli schiavi malfidi e fuggitivi: infatti nulla, se non un castigo severo, può distogliere servi di tal fatta dal far del male e mantenerli nel dovere. Nessuno mi accuserà se torturerò o ucciderò il mio servo, questo è un diritto del padrone romano. Non è permesso uccidere uno schiavo altrui, come è scritto nelle leggi, ma nessuna legge vieta ad un padrone di uccidere il proprio schiavo mascalzone." Cornelia "E nessuna legge lo permette. Una cosa è permettere, un'altra non proibire. Solone, uomo saggio e giusto, che fu legislatore degli Ateniesi, non stabilì nessuna legge contro i parricidi. Quindi pensi che ad un Ateniese fosse permesso uccidere il proprio padre?" Giulio "Certo, non lo credo. Ma per quale motivo Solone non stabilì pena alcuna contro i parricidi? Perchè nessun Ateniese, a memoria d'uomo, aveva ucciso suo padre e quell'uomo saggissimo riteneva che nessuno, in seguito, si sarebbe macchiato di un crimine tanto disumano. Ma in verità altro è uccidere il proprio padre, altro punire con la morte un servo malvagio; infatti il primo è un delitto scelleratissimo, il secondo un giusto supplizio. Un tempo il padre di famiglia aveva il diritto di uccidere non solo gli schiavi, ma anche i suoi figli. Come esempio di questo viene ricordato T. Manlio Torquato, che fece giustiziare suo figlio in presenza dell'esercito, avendo egli attaccati egli battaglia con il nemico contro il consiglio paterno. Senz'altro Manlio fu un padre crudele, ma da quel supplizio severissimo gli altri soldati furono distolti dal venir meno al dovere." Emilia "é risaputo che gli antichi romani furono crudeli verso i loro figli, ma nessuno oggi prende esempio da quel padre crudelissimo" Oronte "Ma anche ora un padre può abbandonare fra i monti un suo neonato deforme." Emilia "Un padre che espone suo figlio, merita egli stesso d'essere ucciso a sua volta! Non ti sembra che un tale padre meriti d'essere crocifisso?"Certamente un padre tanto inumano va punito severamente: infatti esporre neonati deformi è un costume antico e crudele. Altri sono adesso i costumi. Non è costume dei romani crocifiggere un uomo di condizione libera; tale supplizio è stato deciso contro i servi" Emilia "Quindi, chi fa esporre alle fiere un suo neonato malfatto, dev'essere mandato ad incontrare le belve insieme con gli altri scellerati" Oronte "E insieme con questi i cristiani, che adorano un giudeo come nuovo dio, scherniscono le antiche divinità romane e nei loro banchetti sogliono bere sangue umano, a quanto si dice". Emilia "Non tutte le dicerie sui cristiani sono vere" Fabia "Nè tutti i neonati esposti muoiono. Alcuni sono nutriti nelle selve dalle stesse belve, altri sono trovati dai pastori, che li educano assieme ai loro figli" Oronte "Come Paride, figlio infermo del re Priamo, esposto da un servo fedele del re su un monte presso la città di Troia ..." Ma Cornelio "Non c'è bisogno-ribatte-di riportare un vecchio esempio greco, dato che molti miti narrano di fanciulli romani, che furono salvati in tale modo"Del resto, hai interpretato male il mito: infatti Paride non era malato, nè fu fedele il servo di Priamo; infatti il re gli aveva comandato di uccidere Paride e un servo deve eseguire qualsiasi ordine del padrone" Oronte "Quel servo non era da punire, ma piuttosto da lodare. Infatti così salvò Paride, quello che portò via al marito Menelao Elena, la donna più bella fra tutte" Paola " Tu credi una simile offesa degna di lode?" Oronte "Quello a cui Venere induce mai è un'ingiuria. Cretamente va lodato quel giovane, il quale non solo osò rapire quella donna bellissima, ma fu anche un soldato valorosissimo, che uccise molti altri nemici e lo stesso Achille". A questo punto Oronte alza la coppa esclamando "Viva tutti i più forti! Viva tutte le donne da amare! Gioiamo ed amiamo! Siamo giovani come Paride, non vecchi come Priamo, re dei Troiani, o Nestore, vecchio comandante dei Greci, che visse fino a novanta anni. Chiunque ami le donne, alzi la coppa e beva con me! Ora bisogna bere vino puro!". Cornelio: "Ora bisogna tacere, non bere! Hai già bevuto troppo. Penso che tu abbia bevuto tanto vino quanto tutti noi, o anche di più!". Oronte: "Dunque voi bevete poco. Non posso mai bere troppo di questo vino. Stia bene chiunque ami il buon vino! Viva Bacco, dio del vino! Viviamo tutti e beviamo! Vuotiamo del tutto le coppe!". Paola: "Sta zitto adesso! E' abbastanza. Non ti vergogni di aver cianciato così dall'inizio alla fine? Devi davvero vergognarti!". Ma Oronte, non appena vuotò completamente la sua coppa, giratosi verso Emilia disse: "Tutti m-mi interpellano tranne t-te Emilia. Tu s-sei bella come Elena...". Emilia: "..e tu sei rozzo come Paride, che era stato educato tra i rozzi pastori! Non hai mai imparato le buone maniere, villano! Hai bevuto troppo, sei ubriaco. Non mi toccare!". Oronte alzando nuovamente la coppa canta questo: "Chiunque ami stia bene! Muoia chi non sa amare! Muoia due volte chi vieta di amare!". Emilia: "Non vogliamo sentire queste sciocchezze. Sei ubriaco!" Oronte dice 'di non essere ubriaco' e salendo sul letto inizia a cantare un'altra canzone su una donna falsa a infida, ma prima di finirla, cade vicino alla mensa! Due servi lo portano via dalla sala da pranzo e lo mettono in stanza. Allora stendono una coperta sopra di lui che già dorme.

Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Registrati via email